Narrativa straniera Narrativa per ragazzi L'uomo che piantava gli alberi
 

L'uomo che piantava gli alberi L'uomo che piantava gli alberi

L'uomo che piantava gli alberi

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Durante una delle sue passeggiate in Provenza, Jean Giono ha incontrato una personalità indimenticabile: un pastore solitario e tranquillo, di poche parole, che provava piacere a vivere lentamente, con le pecore e il cane. Nonostante la sua semplicità e la totale solitudine nella quale viveva, quest'uomo stava compiendo una grande azione, un'impresa che avrebbe cambiato faccia della sua terra e la vita delle generazioni future. Una parabola sul rapporto uomo-natura, una storia esemplare che racconta "come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre la distruzione".

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uomo che piantava gli alberi 2016-01-27 20:12:35 Phoenix25
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Phoenix25 Opinione inserita da Phoenix25    27 Gennaio, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il silenzio delle buone azioni


L'ho letto durante le 2 lunghissime code di un'andata e ritorno dal lavoro. Oggi per esattezza.
E dopo la prima metà, sapevo già sarebbe stata una giornata migliore.
Libro corto, é vero, ma sa restare.

Elzéard Bouffier vive solo in un paesino sperduto e pianta gli alberi. Seleziona accuratamente le ghiande per le querce, valuta bene il terreno in cui piantare faggi; imperterrito e con una meticolosità e calma invidiabile, modifica il paesaggio intorno a lui, portando la vita.

Quasi sempre quando accadono sciagure legate al mutamento climatico, vedi tifoni imprevisti, tsunami, etc etc..io sono fermamente convinta che sia colpa dell'uomo. E quando assisto a disboscamenti selvaggi, inquinamenti folli, sprechi inutili, dentro di me so che succederà qualcos'altro di brutto. Perchè ce la siamo cercata, giusto per dirla alla buona.

Elzéard in silenzio, senza autoproclamarsi paladino dei verdi e senza far rumore, pianta giorno dopo giorno centinaia di alberi. Non serve far rumore per cambiare il mondo. E allo stesso modo, se ognuno di noi facesse quotidianamente una buona azione (in silenzio), il mondo diventerebbe migliore.

Commovente, davvero :)


“Perché la personalità di un uomo riveli qualità veramente eccezionali, bisogna avere la fortuna di poter osservare la sua azione nel corso di lunghi anni. Se tale azione è priva di ogni egoismo, se l’idea che la dirige è di una generosità senza pari, se con assoluta certezza non ha mai ricercato alcuna ricompensa e per di più ha lasciato sul mondo tracce visibili, ci troviamo allora, senza rischio d’errore, di fronte a una personalità indimenticabile.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il piccolo principe
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'uomo che piantava gli alberi 2015-03-28 13:04:22 Fabricius
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Fabricius Opinione inserita da Fabricius    28 Marzo, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quella generosità che potrebbe cambiare il mondo

Come si può racchiudere un tale messaggio in poche pagine, in un libro che si apre per la prima volta e, dopo veramente poco, lo si chiude, avendone ultimato la lettura? È questo quello che mi sono chiesto dopo aver riposto quello che, magari, potrebbe apparire semplicemente come un libro “banale”. Eppure la storia di questo “banale” uomo che piantava alberi dovrebbe insegnarci qualcosa, farci riflettere magari.
Quella di Elzéard Bouffier è una storia singolare, quella di un uomo che fa ciò che gli esseri umani finora hanno fatto raramente: prendersi cura della natura. Perché in fondo è questo quello che fa nella sua vita questo pacifico e solitario pastore, dimostrando quasi un certo affetto per la natura, che ci ospita e ci offre i mezzi per vivere. Un affetto e una generosità per la natura che riflette quello della natura stessa verso di noi. La storia di quest’uomo dovrebbe servirci da esempio, in quanto dimostra "come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre la distruzione". La distruzione: ecco cosa ha fatto l’uomo fino ad oggi. Ha distrutto la natura per scopi, dobbiamo dirlo, egoistici. E, invece, l’azione di Elzéard Bouffier è priva di egoismi e senza scopo di lucro, ma di una generosità senza pari e ciò dimostra quanto "[…], malgrado tutto, la condizione umana sia ammirevole".
È un libro che sicuramente merita di essere letto, ma, per capirlo a fondo, bisogna andare oltre, perché questo non è un piccolo libro semplice e banale, ma una storia esemplare sul rapporto uomo-natura. Merita di ottenere un po’ del nostro tempo, ma soprattutto merita di essere letto dai giovani, dalle nuove generazioni. Sono loro che devono trarre ispirazione da questa storia per cambiare un mondo afflitto da gravi problemi, che tuttavia è in mano loro. Sono i giovani che, comprendendo di dover salvare la natura per salvaguardare la vita, devono cambiare il mondo.

- Consigliato a chi vuole riflettere, andando fino in " fondo" e non fermandosi in "superficie".
- Se le vostra intenzione è di prendere questo libro solo perché è breve, ma non vi interessa per niente scavare per capire il messaggio del libro, allora no...non lo prendete!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri