Schegge di me Schegge di me

Schegge di me

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

264 giorni chiusa in una cella, senza contatti con il mondo, perché Juliette ha un potere terribile: se tocca una persona può ucciderla. A tenerla prigioniera è la Restaurazione, un gruppo militare che intende usarla come arma. Scappare è impensabile, finché nella cella di Juliette entra Adam, un soldato semplice che scopre di essere immune al suo tocco. Il loro incontro è la scintilla che accende una speranza, la chiave che potrebbe aprire mille porte. Perché la vita li chiama, oltre i muri della prigione. Insieme progettano la fuga, alla ricerca di un mondo che non la consideri più né un'arma né un mostro, ma una persona speciale, che con il suo potere può davvero fare la differenza.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.2  (6)
Contenuto 
 
4.3  (6)
Piacevolezza 
 
4.2  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Schegge di me 2018-01-06 00:40:39 Rana Tignosa
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Rana Tignosa Opinione inserita da Rana Tignosa    06 Gennaio, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Linguaggio ansiogeno ma adatto a un pubblico di ad

Si, lo so che per chi mi segue ed è una fan della serie sarebbe una bestemmia bella e buona vedere che questo acclamato "distopico" ha la stessa valutazione che ho dato a "Uno splendido disastro" e a "Love" ( che comunque adoro) ma davvero non me la sento di dargli di più.
Il motivo principale della mia "svalutazione" risiede nello stile dell'autrice, che non può essere considerato pomposo o arzigogolato, perché in realtà consiste principalmente in frasi stringate che compongono in maniera compulsiva delle metafore isteriche senza senso. No, non è un linguaggio poetico, è un linguaggio da adolescente strafatto di acidi che ascolta "Don't jump" dei Tokyo Hotel e non mi venite a dire che è uno arteficio semantico-lessicale per rendere lo stato di follia mentale della protagonista perché, anche ammesso che la scrittrice avesse programmato questo risultato nel lettore, non regge il fatto che tutto il romanzo si basa su questi deliri e poi fa due descrizioni contate dei paesaggi, dei personaggi etc..
Non penso che la scrittrice sia un'inetta, anzi, credo proprio che sia una gran furbona e che avesse capito bene a quale target di adolescenti sarebbe piaciuto questo romanzo, ha mescolato infatti delle buone premesse, ma si è dimenticata di dare corpo narrativo ai fatti più che ai voli pindarici della protagonista.
La storia è infatti lineare e i personaggi principali sono tre: Juliette è una ragazza con la capacità di emanare un'energia distruttiva che può uccidere le persone al solo tocco di qualsiasi parte del suo tocco; dopo un'adolescenza travagliata e un incidente in cui perde la vita un bambino, viene rinchiusa in un ospedale psichiatrico per un anno, ma tutto cambia quando le viene assegnato un nuovo compagno di cella, Adam con cui riuscirà a stringere e che fa parte del suo passato. Juliette verrà a contatto anche con Warner, il figlio di uno dei leader della Restaurazione che ha cambiato il mondo e si ritroverà a essere vista come un'arma da usare invece che come un mostro. Quale parte di lei riuscirà ad avere la meglio? Il dolore o la speranza?
Non dico altro per non spoilerarvi niente. Adesso passiamo ai "pregi" del romanzo: la storia di Juliette non è originale perché ovviamente è presa paro paro da uno dei personaggi degli X-men ma il mix è abbastanza allettante, si fondono distopia con problemi di autoaccettazione e ovviamente una sana dose di romance che in questo caso è vitale dato che i primi due elementi sono quasi accennati. Tuttavia, mi sento di consigliare questa lettura a un pubblico molto giovane, dai tredici anni in sù.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Schegge di me 2014-05-14 14:33:11 Giulia Alis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Giulia Alis Opinione inserita da Giulia Alis    14 Mag, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Schegge di Juliette

inizio con il dire che di questa bellissima saga purtroppo solo il primo libro è stato pubblicato in italiano, quindi io i restanti li ho letti in lingua originale, ed è stato molto più facile del previsto. Schegge di me parla di juliette, una ragazza con un dono, quando viene in contatto con un altro essere umano, gli infligge dolore fino alla morte. ma perchè lo chiama dono, e non maledizione? Potrebbero esistere altre persone come lei? potrebbe riuscire a controllarsi? una bellissima storia d'amore, con qualcosa in più, per gli amanti del fantasy.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
storie d'amore, e ne vuole un'altra, ancora più bella e con qualcosa di fantastico
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Schegge di me 2014-04-27 14:49:00 resme94
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
resme94 Opinione inserita da resme94    27 Aprile, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Shatter me

Schegge di me narra la storia di Juliette,una ragazza rinchiusa in una cella. Non vede un altro essere umano da mesi,quando un giorno entra Adam.
Juliette ha un potere che la Restaurazione,il regime presente attualmente,vuole sfruttare.
Lei non può toccare nessuno,perché la conseguenza è la morte.

Vive una vita isolata e solitaria,abbandonata dai suoi stessi genitori.

Il romanzo,ambientato in un ipotetico futuro, racchiude vari generi:dispotico,fantastico,d'avventura e sentimentale.
Non vi annoierete di sicuro.

Questo libro mi è piaciuto a tal punto da leggere il seguito in lingua originale.
Perché questo è il primo libro di una trilogia,oltre alle due novelle Destroy me e Unravel me.
La prima dal punto di vista di Warner e l'altra di Adam.
E' stata proprio Destroy me a spingermi a leggere il secondo libro e continuare fino alla fine.

Non capisco come una saga del genere non abbia appassionato noi italiani,perché è l'unica spiegazione che ho trovato alla sua pubblicazione incompleta.

Anche Divergent,prima del film,non era stato molto considerato dal grande pubblico.
Forse i romanzi dispotici non interessano molto.
Io vi consiglio di leggerla in lingua originale.
E' un inglese abbastanza comprensibile.
Un libro che,a mio avviso,merita più considerazione.

Vi lascio con alcune frasi dei libri seguenti tradotte da me.

"AND I DON’T KNOW MUCH ABOUT ANYTHING IN THIS WORLD BUT I DO KNOW HOW TO READ THE BOOK WRITTEN IN HIS EYES."
(Unravel me)

"Non so molte cose a questo mondo,ma so come leggere il libro scritto nei suoi occhi"
(Unravel me)


"LOVE IS A HEARTLESS BASTARD.I’M DRIVING MYSELF INSANE."
(Destroy me)

"L'amore è un bastardo senza cuore. Mi sta facendo impazzire."
(Destroy me)


"I WANT TO BE ABLE TO FEEL YOU,” HE WHISPERS, HIS WORDS AT MY EAR. “I WANT YOUR SKIN AGAINST MINE."
(Ignite me)

"Io voglio essere in grado di sentirti, " lui sussurra, le sue parole al mio orecchio."Voglio sentire la tua pelle contro la mia."
(Ignite me)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
hunger games,divergent,matched e the selection
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Schegge di me 2013-05-30 18:06:47 whasting
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
whasting Opinione inserita da whasting    30 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IPNOTICO

Immaginate di fare un lungo viaggio verso qualcosa che non conoscete per niente.
Nulla, vi svegliate in una cella, soli, con voi stessi. Non potete toccare, né essere toccati.
Siete un mostro, rinnegati da tutti. Dalla famiglia, dagli amici, dagli estranei.
Solo perché avete cercato di salvare la vita ad un bambino.
Come vi sentireste? Male.
Un giorno capita nella vostra vita un ragazzo, l'amico che vi ha sempre aiutato alle elementari, che vi ha sempre guardato in quel modo, con occhi blu come il mare.
Da qui inizia la vostra avventura. Fuggirete, verrete presi e vedrete sangue, però sentite di essere forti. Avete un potere, che non sapete come e quando usare, ma che vi aiuterà sempre.
Ora siete al sicuro, tra le braccia di chi amate e respirate senza la paura che qualcuno capti il vostro respiro.
Un libro davvero bello, che merita. Tutto da scoprire! La prima parte è concetrata sui pensieri della protagonista, Juliette. La seconda invece sull'azione dei personaggi. Non riuscirete a staccarvene! Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Schegge di me 2012-12-09 20:00:48 Fr@
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Fr@ Opinione inserita da Fr@    09 Dicembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Io sono un mostro. Io sono umana.

State camminando per strada quando vedete un bambino cadere e ferirsi una gamba. Vi precipitate per aiutarlo, ma appena lo aiutate ad alzarsi, inizia ad urlare come se stesse subendo una delle peggiori torture della Santa Inquisizione. Tutto questo solo a causa della vostra mano che stringe il suo braccio. Tutto questo solo a causa del vostro tocco.
Juliette non sa come considerare questo suo potere: è un dono o una maledizione torturare e uccidere le persone semplicemente toccandole?
La prima parte di questo romanzo è molto introspettiva e si concentra sui pensieri di questa ragazza che arriva a considerare sul serio l'idea di essere un mostro, accusa che l'ha accompagnata dalla nascita fino alla sua reclusione in un manicomio.
264 sono i giorni di segregazione in una minuscola cella. 264 sono i giorni senza parlare a una persona. 264 sono i giorni di isolamento totale. Poi, all'improvviso, il mondo che si era creata si infrange. Un ragazzo (Adam) viene chiuso nella cella insieme a lei.
Anche se nel primo volume non si parla molto di come la protagonista abbia il suo potere, sembra che nei prossimi due romanzi questo aspetto sia analizzato più a fondo, proprio come dovrebbe essere spiegato maggiormente il mondo in cui queste vicende accadono. Un mondo governato da un gruppo che si fa chiamare "La Restaurazione", di cui fa parte Warner, che risulta un villain ben realizzato. (A questo personaggio è stato dedicato un breve libro con il titolo "Destroy Me", intermezzo tra il primo e il secondo romanzo).
Questo libro è piacevole e veloce da leggere. Consigliato maggiormente ai ragazzi che agli adulti, penso sia una storia ben sviluppata con uno stile di scrittura molto interessante.
Non posso fare altro che augurarvi buona lettura! :)

"Sono rinchiusa da 264 giorni. A tenermi compagnia ci sono solo un quadernetto, una penna malridotts e i numeri che mi frullano nella testa. 1 finestra. 4 pareti. 15 metri quadrati di spazio. 26 lettere di un alfabeto di cui non mi sono mai servita nel corso di 264 giorni di isolamento. 6336 ore dall'ultima volta che ho toccato un essere umano." (Primo capitolo)

P.s. Nei commenti ho inserito una breve recensione di "Destroy me", fatemi sapere cosa ne pensate! :-) Ciao!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Se avete letto altri libri distopici che vi hanno appassionato, vi consiglio vivamente questo romanzo.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Schegge di me 2012-07-13 18:47:17 Lady Aileen
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lady Aileen Opinione inserita da Lady Aileen    13 Luglio, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una maledizione o un dono?

Schegge di me è il primo volume di una nuova trilogia distopica per adolescenti che ha per protagonista Juliette, una ragazza con un potere terrificante (un contatto prolungato con la sua pelle causa la morte) e per questo vive ormai da 264 giorni rinchiusa in una cella di un manicomio.
Juliette soffre di sensi di colpa e si sente un mostro a causa di quello che può provocare il suo tocco, è confusa, sola (i genitori non l'hanno mai accettata e anche da bambina era tenuta alla larga), a volte sembra non voler combattere ma tutto cambia quando nella sua vita arriva Adam.
L'autrice si sofferma in particolar modo su quanto Juliette soffra per l'impossibilità di avere contatti fisici con le persone che ama.
Il mondo è cambiato, rispetto a come lo conosciamo oggi, manca il cibo, gli animali sono scomparsi e al governo c'è un'organizzazione militare che governa il popolo con il pugno di ferro (gli elementi per ora non sono tanti).
Questo primo volume si concentra soprattutto sul risvolto romantico che coinvolge la protagonista e lascia in secondo piano le origini del suo strano potere e la struttura completa di questo nuovo mondo.
La storia è raccontata in prima persona da Juliette (l'unico punto di vista) e presenta una singolare particolarità nella forma (presenza di cancellature assumento le sembianze di una trascrizione del contenuto del quadernetto unico "compagno" dei giorni di prigionia).
Stile scorrevole e poetico (incredibile cosa riesce a far provare al lettore con delle semplici parole), all'inizio parte un po' in sordina perché si concentra proprio sulle sensazioni e i sentimenti più intimi della protagonista, i personaggi sono interessanti, la trama è intrigante anche se in alcuni punti risulta prevedibile ma nonostante tutto invoglia sicuramente a leggere il prossimo volume.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri