Narrativa straniera Racconti Il fantasma di Canterville e altri racconti
 

Il fantasma di Canterville e altri racconti Il fantasma di Canterville e altri racconti

Il fantasma di Canterville e altri racconti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Un ministro americano, Hiram B. Otis, si trasferisce in Inghilterra insieme alla famiglia, andando ad abitare nel castello di Canterville, anche sapendo che questo castello è infestato da un vecchio fantasma, l'antico proprietario, Sir Simon di Canterville, che uccise la moglie Lady Eleonore di Canterville e poi si dice scomparve nel nulla. Gli Otis non sono per nulla spaventati e al contrario di come si aspettava il fantasma, rispondono in modo ironico a ogni tentativo fallito del fantasma e gli parlano tranquillamente, prendendolo in giro. Infine, la famiglia Otis inizia ad avere un certo rapporto con lo spettro, il quale è ormai caduto in depressione perché non riesce a far spaventare più nessuno.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.6  (7)
Contenuto 
 
4.3  (7)
Piacevolezza 
 
4.4  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il fantasma di Canterville e altri racconti 2019-05-14 07:12:10 archeomari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    14 Mag, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piccoli momenti di piacere letterario

Cosa dire riguardo a questa breve raccolta? Quattro perle di stile, di ironia e di saggezza che dimostrano quanto la sapesse lunga il giovane Wilde sin dai primi lavori.
Se volete un libro godibilissimo, che vi faccia sorridere, ma anche stupire, se volete un libro da leggere in poco tempo, vi consiglio questa bellissima opera (nell’edizione Giunti è corredata da note esplicative e da traduzione delle parole e delle espressioni francesi usate dal belmondo inglese) . Si tratta di quattro, famosi racconti di Oscar Wilde. Un nome, una garanzia, come si suol dire.
“Il fantasma dei Canterville” , sicuramente è stato letto anche dai più piccini. La sua ambientazione gotica, la contrapposizione cultura americana/cultura inglese dimostrano una verve ironica e comica che l’autore possedeva già dalle prime opere e che rispecchia una reale situazione storica, in quanto i Lord inglesi, attaccati alla nobiltà di sangue, non vedevano di buon occhio i magnati americani, arricchitisi con l’intelligenza e lo spirito di innovazione che li portava ad investire nelle prime industrie.
Il racconto “Il delitto di Lord Arthur Savile” mi è piaciuto moltissimo, angosciante, ma ironico, ed anche “Il milionario modello” dove se da una parte lo scrittore ha ragione dicendo che
“Se non si è ricchi, essere affascinanti non serve a niente. Il romanticismo è privilegio dei ricchi, non una professione da disoccupati. I poveri devono essere pratici e prosaici”, in realtà farà capire che è la generosità la chiave della fortuna del giovane, squattrinato, ma affascinante Hughie Erskine.
Mi è piaciuto di meno il racconto de “La sfinge senza segreti”, probabilmente non l’ho capito, in effetti proprio in questo racconto lo stesso l’interlocutore della voce narrante ammette : “ Non capisco ancora bene le donne” e l’amico “Mio caro Gerald,» gli dice” le donne sono nate per essere amate, non capite”. Beh, è tutto un dire...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A tutti, indistintamente.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il fantasma di Canterville e altri racconti 2014-11-21 12:46:54 Belmi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    21 Novembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piccole perle da leggere

Non sono un'amante dei racconti, ma questa piccola raccolta mi ha proprio conquistata.

I racconti sono quattro e tranne il secondo (La sfinge senza segreti) che mi è piaciuto un pò meno, gli altri sono dei capolavori in "miniatura".

Lo stile do Wilde è sorprendente per il tempo. I racconti come dicevo sono brevi ma d'impatto. Troviamo tracce di ironia, una particolare attenzione alla società (bellissimo il confronto fra lo stile inglese ed americano), l'ingenuità di alcuni e la furbizia di altri.
Rispetto ad altri scrittori dell'Ottocento, Wilde riesce proprio bene ad integrarsi con lo stile moderno, potrebbe tranquillamente confondersi con scrittori più contemporanei. Pensare che la raccolta è del 1891 mi fa uno strano effetto.

Il titolo della versione originale è "Lord Arthur Savile's crime and other stories" probabilmente nella versione italiana è stato scelto questo perché più intrigante.

Si legge in poco tempo, scorre velocemente ma lascia qualcosa, almeno a me ha lasciato un sorriso.

Lo consiglio vivamente.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il fantasma di Canterville e altri racconti 2014-11-09 10:45:22 enricocaramuscio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    09 Novembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piccoli capolavori di arte letteraria

Surreali, paradossali, amaramente ironici i racconti di Oscar Wilde presenti in questa raccolta si rivelano brillanti e divertenti nonché capaci di far riflettere il lettore con argute metafore e di ammaliarlo con una prosa affascinante e piena di brio. “Il fantasma di Canterville” racconta dello spettro di Sir Simon di Canterville alle prese con una scettica famiglia americana, spaziando tra l’ilarità delle spassose gags e la commozione per un finale ricco di sentimento. Ma ciò che colpisce maggiormente è la geniale maniera di raccontare il contrasto tra due culture diametralmente opposte, quella europea ricca di tradizione, di poesia, di pathos e quella nordamericana fredda, pragmatica, materialista. Wilde aveva già intuito che la seconda avrebbe tristemente prevalso sulla prima. Molto bello anche il secondo racconto, “Il crimine di Lord Arthur Savile”, in cui si parla di chiromanzia e di assassini, scherzando sulla pericolosa credulità di alcune persone e sul rapporto tra l’uomo e il suo destino. Ne’ “Il compleanno dell’infanta” si affronta il tema della diversità, della derisione nei confronti dei diversi e dei più deboli, della spocchia e dell’arroganza di chi si sente superiore agli altri, raccontando la tragica fine di un povero nano deforme vittima delle grasse risate suscitate dal suo aspetto fisico. Piccoli capolavori di arte letteraria che si leggono in breve tempo ma rimangono dentro per sempre, frutto di una delle penne più virtuose della letteratura di tutti i tempi e in cui la morte, aleggiando su ogni pagina, fa da triste e inevitabile filo conduttore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il fantasma di Canterville e altri racconti 2012-08-27 15:22:52 Yoshi
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Yoshi Opinione inserita da Yoshi    27 Agosto, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un Wilde semplice

Raccolta di 5 racconti scritti con la morale di Wilde che a volte è inquietante, altre volte è ironica.
La sua scrittura è piacevole e semplice quasi queste novelle fossero rivolte ad un pubblico giovane oltre che adulto.
L'ho letto in un giorno ed è stata una lettura piacevole e varia, visto i temi che tocca con semplicità: religione e fede, umiltà, cattiveria, ricchezza e povertà, il bene e il male, il perdono, l'amore e la morte.
Storie semplici ma taglienti e con la dovuta morale finale.
Un Oscar Wilde diverso dal solito ma comunque piacevole e leggero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il fantasma di Canterville e altri racconti 2011-06-03 07:47:10 Ginseng666
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    03 Giugno, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fantasmi, delitti e sfingi non autentiche...

Fantastico, fantasioso e ironico Wilde!!
Quattro deliziosi racconti adatti per rallegrare e stupire qualsiasi tipo di utenza, anche quella più esigente come me.
L'umorismo e l'ironia dell'autore ce li rendono imperdibili e affascinanti.
Il fantasma di Canterville è una parodia delle amare vicissitudini di uno sfortunato fantasma che da 3 secoli terrorizza gli antenati della sua famiglia si trova alle prese con una famiglia americana, incredula e materialista, che lo tratta con indulgenza e superiorità, fino a sconvolgerlo completamente, riducendolo alla disperazione, alla resa incondizionata. Solo Virginia, l'unica componente della famiglia che prova pietà per lui l'aiuterà a redimersi e trovare finalmente la pace eterna. Come premio la coraggiosa ragazzina avrà un cofanetto di gioielli antichi e preziosi.
Nel " Il delitto di Lord Saville" lo scrittore ci narra la storia di un gentiluomo inglese che avuta una predizione tragica da un mago, cerca di compierla prima di sposarsi, allo scopo di garantirsi un avvenire sicuro e sereno; il morale, alquanto discutibile è il seguente: se devo uccidere è meglio che lo faccia prima del matrimonio...
Oscar Wilde gioca con i riflessi chiari e oscuri della storia umana, tratteggiando con pennellate da vero maestro le vicende di ogni individuo, svelandone le miserie e i limiti facendoci sorridere, poichè ahimè non siamo completamente buoni, ma neanche completamente malvagi ed è per leggerezza o per interesse che possiamo giungere al delitto o all'inganno.
Mentre la generosità e il coraggio possono albergare solo nel cuore dei fanciulli, non ancora corrotti dalle amarezze della vita.
Consiglio questa lettura a tutti, ma in particolare agli amanti dei libri di Wilde, che nonostante fosse un maschilista misogino, almeno questo risulta dalla sua biografia, era un grande scrittore.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Le opere di Oscar Wilde..
Trovi utile questa opinione? 
171
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il fantasma di Canterville e altri racconti 2011-05-31 09:38:13 MATIK
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
MATIK Opinione inserita da MATIK    31 Mag, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il fantasma di Canterville ed altri racconti.

Chi ha paura del fantasma di Canterville alzi la mano!
Delizioso il racconto del "Fantasma di Canterville" che ha terrorizzato per secoli il castello fino a quando non arriva la famiglia Otis di origine americana. Adesso sono loro che tormentano il povero fantasma....fino a quando la dolcissima Virginia non lo aiuta senza non prima perdonarlo di tutte le malefatte commesse facendogli trovare finalmente la pace tanto a lungo desiderata.
Ho letto questo racconto perchè mia fagli insieme ai suoi compagni ed alla maestra ha partecipato ad una rassegna teatrale, ho scoperto che è un testo molto utilizzato e concordo in pieno in quando da esso possiamo trarne situazioni molto spassose, simpatiche gags e battute esileranti.
Wilde in questo breve racconto coglie, con la sua immensa classe, l’eterna lotta tra razionalità e fantasia, l’infinita nostalgia per la perdita del mondo romantico, il fastidio per la quotidianità da leggere un ever-green!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi ama leggere racconti che hanno fatto la storia della letteratura!
Trovi utile questa opinione? 
101
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il fantasma di Canterville e altri racconti 2011-05-30 18:33:20 Lady Libro
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    30 Mag, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un non-fantasma

Una cosa è certa: leggendo questo libro non ci si trova davanti al tipico e stereotipato fantasma che terrorizza la gente facendola scappare da un edificio o ammazzandola. O almeno non con la famiglia americana degli Otis, venuti in Inghilterra per una villeggiatura nel castello di Canterville: essi, infatti, non danno alcun peso alle dicerie e alle maledizioni che gravano su quel luogo, puliscono la macchia di sangue maledetta di Lady Eleanor (nonché moglie del famoso fantasma Sir Simon e da lui stesso uccisa) nella biblioteca, fanno scherzi al fantasma, gli danno olio lubrificante per le catene, sciroppo per la gola a causa della sua risata malefica…. Senza un briciolo di paura! E il povero Sir Simon non riesce a spaventare nessuno di loro…
La famiglia Otis mi ha veramente stupita e divertita al tempo stesso proprio perché fanno l’esatto opposto di quello che farebbe chiunque! Per non parlare poi del fantasma che, a causa loro, viene umiliato! Questo interessante e comico confronto fra la pragmatica razionalità americana e la superstizione inglese mi è piaciuto troppo! Ma, secondo me, il momento più bello è la fine: quando la dolce Virginia s’impietosisce per Sir Simon e decide di pregare per la sua anima affinché possa riposare in pace e lui, per ringraziarla di ciò, le dona uno scrigno di gioielli (mentre leggevo questo pezzo mi è scappata qualche lacrimuccia…). Leggere questa storia è stato un vero piacere e un vero divertimento. Oscar Wilde aveva veramente una bella fantasia e un bellissimo modo di scrivere. Gli altri racconti contenuti in questo libro non mi sono piaciuti molto: sia perché non sono il mio genere (gialli e così via), sia perchè non mi hanno trasmesso le stesse bellissime emozioni de “Il fantasma di Canterville”. Questo libro merita di essere letto. E’forse il capolavoro di Oscar Wilde insieme a “Il ritratto di Dorian Gray”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il ritratto di Dorian Gray, L'importanza di chiamarsi Ernesto, De profundis
Trovi utile questa opinione? 
132
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'eredità di Mrs Westaway
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri