La stanza degli ospiti La stanza degli ospiti

La stanza degli ospiti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Lisa, una giovane donna con un passato da dimenticare, non riesce a credere alla propria fortuna: ha appena trovato una bellissima stanza in affitto in una splendida casa. E Martha e Jack, i proprietari con cui andrà a coabitare, sono una coppia gentile e premurosa. Sembra proprio un sogno che si realizza. Fino al giorno in cui Lisa trova, nascosto nella sua stanza, il biglietto di un uomo che annuncia il suicidio. Alla sua richiesta di spiegazioni, Martha e Jack negano che la stanza sia mai stata occupata da qualcuno prima del suo arrivo. Di fronte a tanta sicurezza, Lisa comincia a dubitare di sé stessa… Ma strani eventi iniziano ad accadere. E più cresce il suo desiderio di scoprire la verità, più è chiaro che c’è qualcuno disposto a tutto pur di metterla a tacere. Mentre le mura della casa diventano sempre più opprimenti, Lisa si ritrova intrappolata in una fitta rete di segreti da cui non si può uscire. Possibile che la stanza in cui Lisa si è appena trasferita fosse abitata da un uomo svanito nel nulla?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La stanza degli ospiti 2020-05-13 14:36:41 cesare giardini
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    13 Mag, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una verità nascosta per troppo tempo.

E’ un thriller ben impostato, con personaggi credibili in un’atmosfera grigia stile londinese. La storia però non riesce a prenderti, non è coinvolgente, ha lunghi momenti di pausa, insistendo forse troppo sulle caratteristiche psicologiche della protagonista, assillata da un trauma infantile e dalle sue nefaste conseguenze. La giovane, di nome Lisa (ma non è quello d’origine), è tormentata da incubi notturni, soffre di sonnambulismo ed ha accarezzato l’idea di suicidarsi: avrà pace solo quando risolverà il suo dubbio, vale a dire, si capirà piano piano, conoscere finalmente la verità su un episodio capitatole in occasione del suo quinto compleanno e cercare il luogo in cui ebbe a subire gravissimi traumi le cui cicatrici ancora la tormentano. Nessuno le svela la verità, nemmeno i genitori, pur amandola sinceramente, e neppure un ambiguo medico psichiatra, amico e collega del padre. La ragazza indaga per conto suo, riesce a trovare la casa in cui ebbe a subire violenza, affitta con un sotterfugio una camera dai padroni ( una coppia poco raccomandabile che nasconde segreti inconfessabili) ed inizia a indagare, scoprendo proprio nella sua stanza verità nascoste e indizi raccapriccianti. Naturalmente, dopo una serie di colpi di scena, di scontri con i proprietari, di incomprensioni e litigi con i genitori e malintesi con il medico curante, alla fine, nonostante le continue bugie e depistaggi, verrà a galla la verità, una verità sconvolgente e inimmaginabile. A Lisa sarà d’aiuto un fidanzato trascurato, con il quale ritroverà l’amore perduto.
La storia è interessante, piena di punti interrogativi che stimolano alla lettura per sapere come va a finire, sostanzialmente, ma non è sorretta a mio parere da uno stile narrativo adeguato ai vari momenti drammatici. Lo stile è farraginoso, a volte sciatto, cercando forse inopportunamente di scavare nella psiche alterata della protagonista e tralasciando invece di enfatizzare i momenti culminanti della narrazione. Per contro, ben riuscite le figure secondarie del thriller, soprattutto quella della padrona di casa, che si atteggia malignamente a vamp sofisticata, e quelle dei genitori di Lisa, genitori d’altri tempi, il padre amorevole ma incapace di vera comprensione, la madre chiusa in una disperata rassegnazione.
Da leggere comunque.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri eventuali romanzi dell'autrice.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
La stanza degli ospiti 2020-04-25 08:13:33 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    25 Aprile, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le angoscie di Lisa

Lisa è una ragazza intelligente, un piccolo genio informatico, ha un bel lavoro e una bella famiglia, che la ama. Ma ha un passato che la perseguita sino al punto da averle fatto sfiorare il suicidio. Qualcosa di orribile è accaduto quando aveva solo cinque anni e le bruttissime cicatrici che le deturpano parte del corpo glielo ricordano quotidianamente. Forse anche per sfuggire a questo passato angoscioso di cui lei personalmente non ricorda nulla, ha preso in affitto una bella stanza in una prestigiosa casa vittoriana nel centro di Londra. Però quella casa sembra acuire le sue ansie e i suoi incubi, quasi essa cercasse di comunicarle qualcosa di importante e tremendo.
La situazione peggiora col ritrovamento, in un cassetto, di una lettera incompiuta scritta da un suicida, che avrebbe occupato la stanza prima di lei. I proprietari negano di averla mai affittata precedentemente a qualcuno, ma Lisa non crede a loro. Così decide di indagare. Qualcuno le sta mentendo? E su cosa? Che accadde all’uomo autore della lettera? Quale terribile segreto nascondeva? Quei fatti hanno in qualche modo a che vedere anche con il suo passato? È possibile che la versione che le hanno raccontato i genitori sull’incidente infantile che l’ha sfregiata non corrisponda al vero? In un accelerarsi di eventi che la porteranno a sfiorare la pazzia, Lisa giungerà a scoprire una storia agghiacciante.
“La stanza degli ospiti” è un thriller ben congegnato, e ben condotto. La storia di per sé non è originalissima e anche l’esito finale non giunge inaspettato, ma, al contrario, risulta piuttosto prevedibile. Tuttavia il rapido fluire del racconto fa scordare le ingenuità e perdonare alcune situazioni al limite del credibile.
Lo stile lineare e diretto, tutto giocato sul racconto in prima persona di Lisa, aiuta a coinvolgere il lettore che non fatica a divenire partecipe dei suoi stati d’angoscia e, talvolta, di vera e propria allucinazione. Forse sarebbe stato opportuno un maggiore approfondimento psicologico dei personaggi comprimari, a cominciare da Martha e Jack, i due affittuari, che appaiono un po’ troppo stereotipati ed eccessivi. A giustificazione però si deve osservare che essi sono visti esclusivamente attraverso gli occhi della protagonista che li può analizzare solo oltre la coltre di inquietudine crescente che la attornia.
In definitiva, in quanto romanzo d’evasione, il libro risulta piacevole e lo si può gustare in poche sedute di lettura lasciandosi trascinare dalla storia senza farsi troppe domande e apprezzandolo per la gradevole distrazione che contribuisce a fornire.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri