Narrativa straniera Romanzi Metà di un sole giallo
 

Metà di un sole giallo Metà di un sole giallo

Metà di un sole giallo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Metà di un sole giallo è la storia di molte Afriche: quella sensuale della splendida Olanna, che rinuncia ai privilegi per amare il professore idealista Odenigbo, e quella concreta della sua gemella Kainene, che affronta il mondo con l'arma del sarcasmo; l'Africa superstiziosa di Mama e Amala e quella colta ed emancipata del circolo di Odenigbo, l'Africa naïf del giovane servitore Ugwu e quella archetipica inseguita dall'uomo di Kainene, Richard. Tutti questi mondi, con il loro bagaglio di felicità e dolore, di generosità e crudeltà, di amore e gelosia, vengono travolti dalla piena della storia quando nel 1967 la proclamazione d'indipendenza dalla Nigeria della Repubblica del Biafra sfocia in una tragica guerra civile.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Metà di un sole giallo 2018-10-31 06:29:45 enricocaramuscio
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    31 Ottobre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La guerra, l'amore, la storia

"Rosso era il sangue dei fratelli assassinati nel Nord; nero era il lutto per la loro morte; verde, il colore della prosperità a venire del Biafra e, infine, la metà di un sole giallo indicava la gloria futura del paese". Chimamanda Ngozi Adichie ci presenta uno spaccato di storia troppo spesso taciuto, ignorato, in cui sangue, fame e prevaricazione si mischiano all'orgoglio, al senso di appartenenza, alla forza di un popolo. Siamo nella Nigeria degli anni Sessanta, un paese appena riscattatosi dalla lunga dominazione britannica, che scopre quanto sia difficile, dopo anni di sopraffazione, imparare a camminare con le proprie gambe. Uno Stato creato sulla carta e in base agli interessi dell'Occidente, con confini artificiali entro i quali etnie diverse convivono in una pace che non sembra destinata a durare in eterno. Scopriamo questa pagina nera attraverso tre voci narranti, tre personaggi diversi, con storia, cultura e sensibilità differenti, che fanno parte dello stesso nucleo familiare, che patiscono gli orrori di un conflitto insensato vivendoli ognuno a suo modo e subendone in maniera diversa le conseguenze. Olanna, donna di grande fascino e cultura, benestante figlia di un pezzo grosso nel campo delle costruzioni, che per amore del rivoluzionario Odenigbo abbandona agi e ricchezze. Ugwo, il suo giovane e sveglio domestico, ligio al dovere e desideroso di imparare, di studiare, di riscattarsi e crescere, smanioso di affrontare la vita. Richard, inglese bianco innamorato della lingua, della cultura, della terra che lo ospitano e che lui ormai considera sue, nonché della bella sorella di Olanna, la marmorea, sarcastica e risoluta Kainene. Le loro tranquille esistenze sembrano indirizzate verso un futuro pieno di opportunità, di serenità, di benessere. Finché gli animi non si scaldano, i mitra cominciano a sparare, il sangue scorre come fosse acqua. Finché uomini che fino al giorno prima vivevano in pace, che condividevano la stessa terra e lo stesso destino non si fanno sopraffare da un odio privo di qualsiasi senso. Finché lo scontro fratricida non sfocia in guerra civile, in secessione, in cieca e spietata violenza. Intanto l'Occidente guarda facendo finta di non vedere, ascolta facendo finta di non sentire, si schiera simulando un'ipocrita neutralità. Ma non c'è solo la storia, non si parla solo di guerra, non è tutto negativo in questa bellissima opera. C'è lo spazio per l'amore. Un amore che va oltre le differenze razziali e quelle di classe, che perdona e sa farsi perdonare, che brucia i corpi e appaga i cuori. Poi c'è l'amicizia, quella che lega persone che condividono obiettivi e ideali ma riesce anche ad unire chi appartiene a mondi differenti o la pensa in maniera diversa. C'è la cultura, la cui importanza è messa sempre in primo piano. Ci sono le tradizioni, che lottano contro una modernizzazione troppo spesso di stampo occidentale, provando a difendersi con il loro affascinante bagaglio e portandosi inevitabilmente dietro strascichi di pregiudizi e superstizioni. C'è una prosa dolce che accompagna egregiamente i bei momenti e attenua l'orrore dei passaggi più cruenti. Ci sono bellissime descrizioni, piacevoli divagazioni, interessanti notizie storiche. Ci sono personaggi ricchi di carisma, di fascino, capaci di entrare nel cuore del lettore. C'è una storia che in pochi conoscono e che invece dovrebbe essere di esempio per i popoli di tutte le razze, le religioni, le convinzioni politiche, una sorta di monito a che certi fatti non si verifichino ancora in futuro. C'è un'autrice ricca di talento e sensibilità, che ama la sua terra e la sua gente e che, proprio per questo, non può fare a meno di raccontare tristi e scomode verità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Metà di un sole giallo 2012-01-11 11:07:29 Sancara
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Sancara Opinione inserita da Sancara    11 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ottimo libro

Metà di un sole giallo (scritto nel 2006, edito in Italia da Einaudi nel 2008) della nigeriana Chimamanda Ngozi Adichie.
Con grande capacità narrativa, l'autrice colloca la sua storia, di amori, conquiste, rinuncie e cadute di ideali, tra l'elite nera nigeriana di etnia igbo, colta ed emancipata, - in quel 1967 quando scoppia la guerra del Biafra (il mezzo sole giallo era il simbolo della bandiera indipendentista del Biafra).
Un romanzo che è stato un bestseller negli USA scritto con grande maestria da una giovane nigeriana (nata, credo nel 1977).


Il 15 gennaio 1966 un colpo di stato in Nigeria, porta al potere militari di etnia ibo (regione sudorientale del paese). Il 29 luglio del 1966, un contro golpe, riporta il potere ai militari del nord (etnie Yoruba e Hausa) e all'esclusione degli ibo del sud. Nel nord (mussulmano) vengono massacrate le minoranze cristiane. Il 30 maggio 1967, la regione sud-orientale del Biafra dichiara unilateralmente l'indipendenza (letteralmente la secessione). Pochi saranno gli stati a riconoscerla (Gabon, Haiti, Costa Avorio, Tanzania, Israele e Zambia), mentre altri presteranno solo aiuti ( Francia, Rhodesia, Sudafrica e Portogallo). Il 6 luglio 1967 lo stato centrale della Nigeria dichiara guerra al Biafra e inzia la riconquista del territorio che avverrà, con la fine dell'esperienza del Biafra, tre anni dopo, il 7 gennaio 1970. La guerra del Biafra lascerà sul campo circa un milione di morti e secondo alcune stime quasi altri due milioni di morti di fame e miseria. Ancora oggi forti sono le tensioni , dovute al fondamentalismo di entrambe le parti, tra il nord mussulmano e il sud cristiano. Neanche a dirlo nel sud-est della Nigeria (quindi nel Biafra) sono concentrati i maggiori giacimenti di petrolio del Paese.

www.sancara.org

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
La legge del sognatore
Valutazione Utenti
 
3.3 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri