Dettagli Recensione

 
Il diavolo
 
Il diavolo 2012-09-01 10:56:27 DanySanny
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    01 Settembre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Diavolo, tentazione e tormento

E' essenzialmente un racconto sulla passione, quello di Tolstoj, su quella passione assillante che giace all'interno del corpo e corrode il cuore e la mente sino rendere un uomo svuotato di ideali, preda che soggiace alla tentazione, la cui dignità sembra disintegrarsi di fronte alle pulsioni. E' un uomo schivo, automa senza capacità di decidere. La tentazione diventa religione. La passione diventa ossessione. Esiste solo la dimensione dell'appagamento del desiderio.

Tolstoj, il grande scrittore russo, riflette sul tema del sesso, unico pensiero fisso di un uomo che nonostante l'idillio familiare non riesce a distogliere lo sguardo da una contadina. Un desiderio irrazionale che pone in discussione qualsiasi certezza, tutto si sacrifica all'obiettivo, tutto cede innanzi alla pulsione.
E' il Diavolo che tenta, il Diavolo è il male. O forse la tentazione è il vero Male, e il Diavolo la concretizzazione di una prospettiva distorta dal desiderio?
E d'altra parte, chi decide cosa è Male? La ragione non sempre, anzi, spesso soccombe alla fantasia, alla possessione, all'ossessione.

E' male ciò che trascende la normalità. Ma è sempre così? O forse la normalità è una gabbia che tenta di rinchiudere e anestetizzare le passioni in nome di un'apparente tranquillità? E' ricco di interrogativi questo racconto, nonostante la brevità, un testo che spinge a riflettere sulla normalità, sul desiderio. E' un racconto che scandaglia l'animo umano alla ricerca della causa dell’insoddisfazione.
Perché il protagonista, nonostante il denaro, una moglie, la felicità secondo il pensiero comune, rifugge plagiato da un desiderio incontenibile tra le braccia di un'altra donna?
La pulsione sessuale è l'effetto di una disarmonia con se stessi che non si vuole ammettere, dell'insostenibilità di una situazione che non si vuole modificare in nome delle apparenze. Il sesso non è il Diavolo, come può sembrare, sebbene sia visto da Tolstoj come un nemico dell'uomo in quanto è capace di annichilire coscienza, dignità in nome del desiderio. L'eros non è il male, ma lo può facilmente diventare in quanto limite, in un cero senso, alla libertà.

Ma forse, a questo punto, sorge un sospetto: forse l'Eros è Amore? Forse è l'amore che disgrega il matrimonio e la razionalità, aprendo le porte verso il raggiungimento della felicità. E l'amore no tollera ostacoli, tranne forse uno che ne eguaglia il potere: la Vergogna. Un dissidio imperituro che riecheggia tra le pagine di libri e libri, fino a riproporsi nella penna dell'autore russo, che, nonostante non raggiuga stilisticamente i livelli di Anna Karenina, porta in scena un contrasto che troppo spesso viene liquidato con diabolica e crudele freddezza dalle convenzioni sociali.

Amore e Vergogna, pentimento e rimorso si scontrano nella dicotomia di un uomo il cui equilibri galleggia pericolosamente tra i fuochi della passione, e le onde turbinanti del pentimento. E qual è l'unica soluzione? Come riacquisire la stabilità?
Tolstoj propone due finali, io ho preferito il secondo, più in linea, a mio avviso, con la personalità dell'uomo, ma anche qui il dubbio imperversa, come se la riflessione su questo racconto debba essere infinita. Ed in effetti, a ben pensarci, i tratti di questa lotta si ripresenta in continuazione, spesso obliati dal giusto e dall'ingiusto, senza che questo discernimento arbitrario poggi su basi che siano differenti da quelle delle convenzioni. Tolstoj non smentisce il suo sguardo acuto, la penna polemica che talora si sovrappone all'autobiografico. Non è un Tolstoj lucido, è un uomo che subisce su di sé lo stesso contrasto del protagonista. Il diavolo è ciò che ognuna tenta di evitare, pur essendone inevitabilmente attratto. Il diavolo è il disequilibrio, il non ascoltare se stessi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

22 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2 3
Ordina 

01 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Dany, recensione sublime....non conoscevo questo scritto...grazie per averlo recensito e postato.
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
01 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Marcella!! L'ho scoperto in biblioteca, e fa parte di una collana intitolata racconti d'autore e pubblicata ogni domenica da Il sole 24 ore a soli 50 centesimi O-O, purtroppo è già iniziata da molto e sono già al numero 60 e qualcosa, ma ho intenzione di comprare quelli che ancora pubblicheranno!!! Ci sono scrittori come Roth, Dostoesvskij, Flaubert, maupassant, ma anche contemporanei, una collana che ora mi voglio assolutamente procurare!!
GLICINE
01 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Bella recensione Daniele, anche se ammetto non è un libro che leggerei.... Tutto giusto quello che hai scritto, anche se certi valori morali non sono pure e semplici convenzioni, come non sempre agire al di fuori della "normalità" sia per forza un comportamento che va a scardinare i sopra citati valori morali.... Grazie per le riflessioni che, indipendentemente dalla lettura del libro, il tuo commento porta a fare...
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
01 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Francesca! Ho riflettuto un po' prima di scriverla, perchè Tolstoj non è un autore qualunque che scrive raccontini, mi sono sforzato di generalizzare in termini più concreti possibili ciò che traspare dalle pagine.... concordo con te quando dici che i valori morali non sono convenzioni, anche se nella prospettiva del romanzo, quella della Russia aristocratica, purtroppo, lo sono e essere al di fuori della normalità, spesso ci fa provare vergogna per la diversitàe quindi ci porta a sopprimere i nostri veri intenti, almeno questo è quello che ho tratto ;-)
Ale96
01 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Bravissimo Daniele!!! Recensione stupenda!!!!! Di sicuro non l'ho leggo visto che eravamo insieme in biblioteca quando lo leggevi e mi ci facevi la telecronaca!!
"Il diavolo è ciò che ognuna tenta di evitare, pur essendone inevitabilmente attratto. Il diavolo è il disequilibrio, il non ascoltare se stessi." Concordo perfettamente!!!!!!
In risposta ad un precedente commento
GLICINE
01 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie ancora! Probabilmente mi procurerò il libro per poter avere un opinione più mirata e completa.
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
01 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie!!! Sei tu che mi chiedevi dettagli ;-)

Francesca: Felice di averti suggerito unalettura che può anche essere rischiosa, considerando lo scrittore :-)
In risposta ad un precedente commento
GLICINE
01 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Allora rischierò!!! Eh! Eh! Eh! :)))
rakovic
01 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grande recensione, come sempre!
L'idillio con la moglie è però solo apparente: chi mangia bene a casa non va al ristorante.....
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
01 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Hai ragione rakovic, perfettamente!! A volte del ristorante però più che il cibo piace l'atmosfera, il fascino del non monotono ;-)
22 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Anello di piombo
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
3.4 (3)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri