Dettagli Recensione

 
L'amante di Lady Chatterley
 
L'amante di Lady Chatterley 2013-03-29 09:46:25 LadyQMercury
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
LadyQMercury Opinione inserita da LadyQMercury    29 Marzo, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"C'è tanto di te qui con me..."

"... che è un peccato che tu non possa essere qui davvero.”

Ho da poco finito di leggere “L’amante di Lady Chatterley” ed il mio giudizio è abbastanza positivo anche se ammetto che in alcuni punti l’ho trovato un po’ ponderoso.La storia, nota ai più, parla di Connie Reid, una donna appartenente alla borghesia scozzese che, dopo la morte della madre, si trasferisce a Kensigton dove conosce Clifford Chatterley (di cui diventerà moglie, prendendo così il titolo di Lady Chatterley), ragazzo appartenente all’aristocrazia inglese che, in seguito ad una ferita riportata in guerra, diventa invalido perdendo purtroppo anche la sua virilità.Sylvia Kristel e Nicholas Clayin una scena dell'omonimo film del 1981,diretto da Just Jaeckin.Quando il libro uscì, fu un vero scandalo in quanto le descrizioni forse per l’epoca erano un po’ troppo spinte anche se credo che a turbare la sensibilità dei lettori non fu tanto il tradimento in se stesso, ma il fatto che fosse avvenuto tra una donna aristocratica ed un semplice guardacaccia. Inizialmente (ma solo inizialmente) ho ammirato la coppia Connie/Clifford. Lei, nonostante tutto, si è presa cura di lui, anche se magari si sentiva più in obbligo che altro; Clifford invece, capendo che non poteva cambiare il suo essere, si è comportato in una maniera invidiabile nei confronti della moglie, sarà forse per il detto “occhio non vede, cuore non duole”, ma sicuramente tra i due c’era un’intesa che andava ben oltre il fattore fisico, intesa però che è stata subito sopraffatta dall’amore di Connie verso il guardacaccia, Oliver Mellors. Cosa dire su quest’ ultimo personaggio? Ambiguo, veramente molto ambiguo. Avete presente quelle persone che non si sa mai cosa provano? Ecco, Mellors è proprio così: un attimo ti fa provare la sensazione, senza ovviamente dirtelo, di essere la persona più amata di questo mondo, in un altro frangente, invece, ti fa sentire come se fossi solo il suo “oggetto sessuale”, anche se credo che per lo più lo faceva per una sorta di autodifesa personale, non tanto perché lo pensava veramente. Mi ha stupito, però, come mai un uomo che sembra così pieno di sentimenti altalenanti non abbia mai tratto la figlia in mezzo ai discorsi sull’avvenire, figlia per la quale ho provato tanta afflizione proprio per l’indifferenza con cui è stata trattata.Ho apprezzato molto le minuziose descrizioni della zona circostante la tenuta di Wragby, così limpide e chiare che non è stato difficile entrare nelle pagine ed assaporarne ogni profumo e colore.Ho amato la maggior parte dei dialoghi, mi sono segnata tantissime citazioni che a mio parere sono anche uno spunto per riflettere ma, nel contempo, ho trovato che alcuni discorsi siano stati un po’ troppo prolissi e quindi pesanti, in particolar modo quelli tra Connie e Clifford. Parlavano, ma in loro c’era una sorta di poesia forzata che non mi ha convinta per niente ed a tratti mi ha fatto anche sbadigliare.Il finale mi è piaciuto, l’ho trovato degno di un classico, anche se per un attimo mi ha spiazzata perché mi aspettavo qualcosina in più (che, ahimé, non posso dire perché altrimenti rivelerei dettagli importanti sul racconto).Cosa aggiungere? Niente di più a parte il consiglio di leggerlo, perché è veramente ben scritto e la storia merita di essere letta e se siete amanti dei classici, allora non potete proprio perdervelo.
Via lascio con questa citazione ricca di sentimento:

“I momenti brutti non hanno mai fatto appassire i fiori, né l’amore delle donne. Perciò non spegneranno il mio amore per te, né la piccola fiammella che c’è tra te e me. […] Non importa, non importa, non torturiamoci. […]C’è tanto di te qui con me, che è un peccato che tu non possa essere qui davvero.”

E, nella speranza che le distanze (per ciò a cui si tiene) vengano sempre accorciate, vi ringrazio per l'attenzione vi saluto calorosamente.
Alla prossima.
Q.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama i classici.
Trovi utile questa opinione? 
122
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

A me Mellors non è sembrato affatto ambiguo, anzi ha il coraggio delle sue opinioni che vanno contro le convenzioni sociali. E poi non ho capito cosa hai trovato di bello nel rapporto tra Connie e il marito: niente di più squallido!
Infatti, se hai letto, ho scritto "Inizialmente (ma solo inizialmente) ho ammirato la coppia Connie/Clifford" ed i motivi sono spiegati subito dopo il punto.
Mellors mi è sembrato ambiguo sempre per i motivi che ho già spiegato, questo non significa che non abbia avuto il coraggio dei propri sentimenti.
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
29 Marzo, 2013
Ultimo aggiornamento:
29 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ma cornificare un marito non significa averci un bel rapporto, credo.
Credo che in un altro frangente non l'avrebbe cornificato (credo) e comunque era lui stesso che la incitava a cornificarlo a causa della sua impotenza. Ritengo che pochi uomini avrebbero dato un certo tipo di libertà alla moglie, non è stato egoista per questo lo apprezzo.
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
29 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Un po' ipocrita però!
Mah, non la vedo proprio così! Sfido chiunque a proseguire una relazione senza tradimenti in quelle condizioni perché, come cita il libro: "Che bugiardi erano i poeti e tutti quanti! Ti facevano credere che c'era bisogno di sentimento. Quando quello che si voleva era questa suprema, penetrante, logorante, spaventosa sensualità.", quindi alla fine, volente o nolente, quando passa la passione è difficile che rimanga accesa la fiammella dell'amore, certo non sempre, ma nella maggior parte dei casi è così.
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
29 Marzo, 2013
Ultimo aggiornamento:
29 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Appunto, e loro due vivevano nella bugia, in un fantoccio di matrimonio.
Sì, ma metti che erano anche altri tempi, dove il divorzio era visto come una specie di adorazione a Satana. xD Comunque ripeto, mi sono piaciuti all'inizio, quando erano ancora novellini, poi i loro caratteri sono usciti fuori, ma non posso accusare Connie, sarei ipocrita a farlo.
Mi hai proprio invogliato a leggerlo...si, sono proprio curiosa!
Molto bella e dettagliata la recensione...
Pia
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
29 Marzo, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Be', certo che no, poveraccia :-)
12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Omicidio a Manhattan
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La casa delle tenebre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La Santuzza è una rosa
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Abel
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lo scambio
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Sua Eccellenza perde un pezzo
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Giù nella valle
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Perdersi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tempo di caccia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Sotto la pioggia gentile
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Le schegge
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il vento soffia dove vuole
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I misteri di Udolpho
Il violino del pazzo
In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia