Dettagli Recensione

 
Doppio sogno
 
Doppio sogno 2014-05-19 16:55:47 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    19 Mag, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Attenzione: "mezzo" spoiler sul finale.

Una frase tratta da tutt'altro contesto e libro (“Il gattopardo”) sembra la “morale” di questo racconto lungo di Schnitzler: “Cambiare tutto perché nulla cambi”.
In poco più di 24 ore, la tranquilla vita di coppia di Fridolin e Albertine subisce uno sconvolgimento assoluto.
Il pretesto è in una frase detta da lei, Albertine, su un fantomatico ufficiale danese con cui, tempo prima, si era appena incrociata: nulla era successo, eppure – come “confessa” al marito – le era sembrato di poter obbedire a qualunque volontà di quello sconosciuto, di essere capace di mandare all'aria la sua vita (marito e figlia compresi).
Fridoline lascia casa poco dopo, fortemente turbato da quella rivelazione (lui che pure ha avuto, in tanti anni di matrimonio, le sue occasioni non colte). Chiamato al capezzale di un illustre moribondo – da stimato medico qual è – non può far altro che constatarne l'avvenuta morte e tornare in strada, scoprendo di non avere alcun desiderio di tornare dalla moglie.
Il destino, quella notte, si materializza nella persona di un vecchio amico, Nachtigall. Pochi minuti per bere un bicchiere insieme, prima che costui sia prelevato – come spiega a Fridolin – per essere introdotto in una strana festa, dove si entra con una parola d'ordine e si resta bendati se, come lui, si è deputati soltanto a suonare il piano per accompagnare nei loro atti bellissime donne e misteriosi uomini, celati tutti sotto maschere, costumi e mantelli.
L'umore di quella notte spinge Fridolin a comprare in fretta un saio ed una maschera e a farsi rivelare dal ritrovato amico la parola d'ordine per entrare alla festa, alla quale riuscirà appunto ad accedere... ma a quale prezzo?

Nel momento storico probabilmente più felice per psicologia e psicanalisi (gli anni '20 del '900), Arthur Schnitzler realizza un racconto lungo sulle tensioni e le inquietudini dei meccanismi di coppia: la gelosia, il possesso erotico, i “riti” del sesso, l'individualismo, le pulsioni animali, il tradimento fisico e quello mentale.
Lo fa con uno stile semplice ma scorrevole, e un contenuto modernissimo: a “scolorare”, al confronto, è il tempo delle chat e dello speed-dating, della pornografia di largo consumo e delle sfumature di grigi e colori vari. Non c'è nulla di più desiderabile e terrorizzante di un perfetto corpo nudo, la cui identità resta nascosta dietro una deformante maschera carnevalesca... un corpo che ispira simultaneamente desiderio e minaccia.
Non è un caso che Stanley Kubrick abbia realizzato da questo romanzo il suo ultimo film, ambientando però la storia ai nostri giorni.
Nemmeno è un caso che Sigmund Freud abbia letto il libro e si sia complimentato con Schnitzler, riconoscendogli di aver ricostruito in un'opera letteraria le dinamiche del conscio e dell'inconscio della mente umana messa di fronte ad uno dei suoi nuclei costitutivi, la sessualità. In effetti, a 90 anni di distanza dall'uscita del libro, non si percepisce alcun invecchiamento... anzi.

Quando, al termine della notte, Fridolin torna a casa, consapevole che l'amore e la morte (“eros” e “thanatos”) si sono ancora una volta indissolubilmente intrecciati – e lui, solo per una casualità, non è ne stato vittima – non può evitare di raccontare ogni cosa alla moglie, di condividere con lei la visione di quella notte:
“-Che dobbiamo fare, Albertine?-
-Ringraziare il destino, credo, di essere usciti incolumi da tutte le nostre avventure... da quelle vere e da quelle sognate.-”
Tutto è cambiato... perché nulla cambi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ancora una volta devo raccomandare due recensioni - a mio parere notevolissime - che hanno preceduto questa nel commentare il libro di Schnitzler: la prima, in ordine cronologico, è di Viola, a la seconda di Bruno Elpis. Complimenti ad entrambi.
Recensione molto bella, Rollo. Conosco l'autore ma non il libro, che mi pare abbastanza diverso dagli altri dello scrittore. E' cosi' ?
In risposta ad un precedente commento
gracy
20 Mag, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Ma anche a te Rollo! Complimenti, impeccabile :)
Novant'anni e non dimostrarli... E' proprio vero che l'audacia mantiene giovani :-)
In risposta ad un precedente commento
Rollo Tommasi
20 Mag, 2014
Ultimo aggiornamento:
21 Mag, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Ad Emilio:
Sinceramente non lo so... ho letto solo questo. Mi sa che noi due, insieme, facciamo un profondo conoscitore di Schnitzler :)

A Gracy e Cristina:
Grazie per i complimenti. Non mi soffermo sul nostro nucleo di esseri umani (ovvero sul fatto che un libro a 90 anni si mantiene meglio di Sean Connery), perchè non la finiremmo più...
Ho letto il libro diversi anni fa (sulla scia di Kubrick, e senza grandi entusiasmi), ma conoscevo già Schnitzler per "Il Ritorno di Casanova", che mi aveva entusiasmato.
Ottima recensione, Rollo! Complimenti per l'analisi approfondita del romanzo!
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia
Casa Danesbury
Lontano nel tempo