Dettagli Recensione

 
Lettere a un giovane poeta
 
Lettere a un giovane poeta 2015-06-21 11:18:02 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    21 Giugno, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

'La voce delle cose'

" Essere artisti significa: non calcolare o contare; maturare come l'albero che non incalza i suoi succhi e fiducioso sta nelle tempeste di primavera, senza l'ansia che dopo possa non giungere l'estate. L'estate giunge (...) a chi è paziente e vive come se l'eternità gli stesse innanzi ".

Le lettere contenute nell'agile volumetto, spedite da Rilke essenzialmente negli anni 1903-04 in risposta a sollecitazioni di un giovane poeta, ci danno un pregevole contributo per comprendere il pensiero dell'Autore su letteratura e ruolo dell'artista.
Rilke scrive in un periodo che ha ormai messo in irreversibile crisi il Positivismo e che elabora la concezione dell'arte come intuizione. E' l'epoca della pascoliana teoria del Fanciullino. Rilke non si discosta da questa posizione, ma ne dà una visione più moderna e personale.

Benevolmente rimprovera il giovane poeta di guardare troppo all'esterno e lo invita a rivolgersi "nel punto più profondo del suo cuore". Se così sgorgherà poesia, gli consiglia di non dipendere da eventuali pubblicazioni; l'importante è che i versi prodotti siano "una scheggia e un suono della sua vita".
Non crede quindi che l'arte sia un mestiere, ma una realizzazione che nasce da reale necessità, urgenza interiore.
Gli dice di cogliere la "tremula eco del ricordo" e di leggere "il meno possibile testi di critica estetica" : la critica tramonta con le mode; l'arte rimane a sfidare i secoli.
L'umiltà è virtù da praticare assolutamente per giungere all'autenticità: attenersi alla natura, maturare l'amore per le piccole cose, per ciò "che è invisibile ai più e può d'un tratto farsi grande e incommensurabile" : "allora tutto le diverrà (...) quasi più conciliante (...) nella sua più intima e vigile coscienza, e conoscenza".
Dunque, l'arte come conoscenza; l'artista che 'si fa veggente' , come diceva alcuni anni prima Rimbaud.

Se si legge ad ampio raggio, questa prosa bellissima tende ad essere anche fonte di riflessione per la vita.
Rilke non tratta solamente di arte e poesia, ma dà informazioni sulla propria esistenza errante per l'Europa, sul proprio stato di salute e dialoga perfino su aspetti intimi. In un periodo e in una cultura che tendono a rimuovere problematiche scomode, egli parla di "un mondo sessuale non pienamente maturato e puro, (...) carico degli antichi pregiudizi e orgogli con cui il maschio ha sfigurato e oppresso l'amore". Siamo ad inizio '900 e le prime suffragette sfilano per le vie di Londra, ma la questione femminile è ancora lontana dal diventare argomento di discussione in questi termini, anche se figure quali Lou Salomé e Sibilla Aleramo compaiono già, come scandalose presenze.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
vuole riflettere sulla letteratura
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

13 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Che bei messaggi Emilio!
L'artista al di là del tempo...le poesie come schegge e suoni di vita...una meraviglia...
Grazie!
Mi fai venire la voglia di scrivere qualche verso....e non sto scherzando.
Pia
Grazie, Pia, per avermi letto.
...scrivere qualche verso? Fallo, ti direbbe Rilke.
Un resto simile non poteva che venire da un animo sensibile, se pur complesso, quale quello di Rilke, un poeta che si è sempre posto il problema delle relazioni fra cause ed effetti e che ancor oggi riesce a essere attuale per la profondità delle sue analisi.
Grazie, Emilio.
Fallo, te lo dico io; non c'è di meglio che cominciare, ma continuando a studiare testi poetici di altri autoei.
L'artista che scrive ciò che sente veramente senza preoccuparsi della critica e delle vendite...l'arte come espressione di un'urgenza interiore e non come mezzo per fare soldi...sembra quasi una chimera in un mondo in cui compiacere critici e pubblico, apparire e vendere sembrano essere sempre più i veri obiettivi...splendida segnalazione Emilio.
Grazie a te, Renzo.
Grazie, Enrico.
Oggi purtroppo, almeno in Italia, mi pare che ci sia una spinta a spremere un autore di qualche successo (un libro ogni anno...). Eppure, se consideriamo i testi che amiamo, paiono proprio scritti 'senza fretta', per un'urgenza espressiva dello scrittore ("La montagna incantata" ha richiesto 12 anni di lavoro. Ho letto che Donna Tartt pubblica un libro ogni 10 anni.... Per non parlare del romanzo manzoniano...).
Ciao Emilio, interessante allora anche per gli spunti autobiografici e per la rappresentazione di quel bellissimo periodo. Grazie per il contributo.
Grazie a te, Laura.
Complimenti Emilio, le tue opinioni sono sempre tra le più esaustive ma questa è andata oltre, ha toccato l'anima. Bravo :-)
13 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri