Dettagli Recensione

 
Canto di Natale
 
Canto di Natale 2016-12-24 22:04:49 68
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
68 Opinione inserita da 68    25 Dicembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Natale dei sentimenti e della fratellanza giuoc

È la vigilia di Natale, uno dei tanti, altri ne seguiranno accompagnati da quel magico tocco che solo la sacralità di questo giorno sa condensare, diffondendo quiete e candore in ogni dove.
Invero non tutte le notti sono popolate da splendidi sogni, vi è un luogo dove il Natale non si festeggia da tempo e una solitudine voluta, invocata, protratta cela un passato dissolto, ingrigito dalla memoria, e fattosi triste, ripudiati affetti e amicizie, in un presente impoverito da avarizia, odio, solitudine, tirchieria.
Tanti giorni siffatti hanno accompagnato la vita di Ebenezer Scrooge, dopo la morte del socio in affari Jacob Marley, la vecchiaia è ormai compagna fidata, con il proprio seguito di vuoto ed assenze protratte.
A nulla sono serviti gli inviti e le suppliche del nipote Fred, la vicinanza di Robert, impiegato sfruttato e sottopagato, il semplice incontro con la gente comune, da anni Ebenezer è insensibile al contorno ed odia attraversare strade vestite a festa disprezzando la folla gaudente in questo giorno di gioia ed armonia universale.
Vive di un' arida e solo teorica opulenza, impoverito nell' animo, trasandato nell' aspetto e con la morte nel cuore, da tempo arcigna compagna, contrapposta al senso della sacralità del Natale.
Ormai il corso degli eventi si è fatto immutabile oltre ogni possibile cambiamento per il quale andrebbe invocato un miracolo insperato e neppure agognato.
Ma quando Ebenezer è sprofondato nella notte più buia, smarrita anche la propria coscienza, ammuffito, ingrigito, ottenebrato da odio e denaro, affossato dalla propria inettitudine, d' improvviso la sua stanza si popola d' altro e tre spiriti, specchio del Natale passato, presente e futuro, si mostreranno, annunciati dal fantasma di Marley incatenato alla futilità ed al peso di colpe e desideri.
È un ultimo soffio vitale per riacquisire quel senso di se' sepolto in un angolo remoto del proprio vissuto ridestando affetti perduti, o solo tragicamente rigettati e dimenticati.
Ha inizio un viaggio della memoria e dei sentimenti, rivisitazione di dolori e gioie d' infanzia, giovanili e dell' oggi, fino all' arida conversione al Dio denaro, abbandonata una promessa d' amore, tra ombre, speranze dissolte ed affetti svaniti, per finire a guardare incredulo e terrorizzato una scritta funesta che porta inciso il proprio nome.
Il passato alimenta il presente, il futuro ne sarà solo l' epilogo, quando ombre di morte sovrasteranno ogni dove ed ormai sarà troppo tardi.
La rinascita, dopo il pentimento, riporterà affetti insperati e segnerà nuovi giorni, ridestando la gioia di vivere e scrivendo una nuova storia.
Canto di Natale non è un semplice dramma in cinque atti, o una parabola di redenzione e buoni sentimenti. Segna il passaggio di Dickens all' essere romanziere e presenta tratti di racconto gotico e una scrittura traboccante di ricchezza espressiva.
Una voce fuori campo guida lo svolgimento della trama che ha influenze picaresche e tratti di denuncia sociale ( come tutti i romanzi dell' autore ).
La storia di Scrooge si erge a morale suprema, allegoria verso l' umanità intera, in un monito di saggezza ed armonia, perché il Natale è simbolo di pace ed amore.
Ecco la semplice verità: rivivere ed interiorizzare un passato in equilibrio tra gioie e dolori, addentrarsi in un percorso arricchito da ascolto e condivisione, tralasciare il superfluo, estirpare avidità e puro egoismo, aprire il proprio cuore, abbandonandosi alla semplicità di gesti cordiali, spensierati, semplicemente umani.
Male e bene ritornano sempre in misura uguale e contraria, c' è ancora la possibilità di un riscatto e di un cambiamento di rotta.
In fondo " basta vivere nel passato, nel presente e nell' avvenire ". Tutti e tre gli Spiriti ci parleranno dentro, esternamente avremo a che fare semplicemente con gli uomini.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Buon Natale Gianni, a proposito!
In risposta ad un precedente commento
68
26 Dicembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Buon Natale anche a te, Mario!
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia
Casa Danesbury
Lontano nel tempo
L'americano
Ritorno nel South Riding
Mary Barton