Dettagli Recensione

 
Il Maestro e Margherita
 
Il Maestro e Margherita 2018-07-13 20:29:43 siti
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    13 Luglio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il bene e il male

“Hai pronunciato le tue parole come se tu non riconoscessi l’esistenza delle ombre, e neppure del male. Non vorresti avere la bontà di riflettere sulla questione: che cosa farebbe il tuo bene, se non esistesse il male? E come apparirebbe la terra , se ne sparissero le ombre? Le ombre provengono dagli uomini e dalle cose. Ecco l’ombra della mia spada. Ma ci sono le ombre degli alberi e degli esseri viventi. Vuoi forse scorticare tutto il globo terrestre, portandogli via tutti gli alberi e tutto quanto c’è di vivo per il tuo capriccio di goderti la luce nuda? Sei sciocco.”
L’ospite non invitato, Levi Matteo, viene apostrofato da Woland, il Demonio, nelle battute finali del romanzo e queste poche, significative parole, sono per me il sugo di tutta la storia.
Che storia? La potrei definire una capriola dell’immaginazione , un tuffo carpiato con doppio avvitamento, una sospensione delle categorie spazio temporali e di qualsiasi certezza della quale si nutre la nostra razionalità.
Il lettore che voglia procedere con la lettura di questo atipico romanzo dovrà per forza mettere da parte la razionalità e procedere quasi affidandosi anch’egli all’unico motore dell’azione: il Demonio appunto. Egli irrompe nel maggio russo e rosso del più marcato stalinismo e mette tutto a soqquadro. Che vada tutto al diavolo, appunto. Niente più certezze, né rigidità , un po’ di sana fantasia in questa città morta dove ogni cittadino vive nel terrore di una perquisizione, di una delazione, di una denuncia. Tutto deve rimanere immobile per garantire serenità ma, si sa, l’uomo è essere perfettibile e basta un nonnulla per fargli modificare la visione. Eppure l’arrivo del Demonio, sotto le sembianze di un mago con un seguito picaresco, compreso un gatto dalle movenze umane, è cosa dura da far digerire. Lo scetticismo impera, lo sconfinamento nella pazzia segue, il caos è totale. Solo Margherita, anima in pena per la scomparsa del Maestro, scrittore incompreso, suo amante, è in grado di comunicare efficacemente col diavolo in persona, gli rende perfino dei servigi e in cambio verrà ricompensata.
A tratti divertente, magicamente surreale, il romanzo offre anche uno scritto nello scritto, il romanzo appunto del Maestro incentrato sulla Passione del Cristo, pagine di una bellezza raffinata che sole valgono tutta la lettura. I due scritti paiono a tratti uno complementare all’altro nell’economia totale e strettamente connessi alla biografia dell’autore, alla travagliata storia editoriale dello stesso romanzo, apparso postumo, e alla storia della Russia. Di esso sono state offerte svariate chiavi di lettura, la mia è quella della citazione iniziale, un invito appunto a contemplare il Bene e il Male come necessarie forze contrapposte sì ma indissolubili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Ottima analisi Laura, bravissima!
In risposta ad un precedente commento
siti
14 Luglio, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Maria cara, grazie. Il romanzo avrebbe bisogno di un lavoro di analisi molto più dettagliato e di una lettura aggiuntiva per esprimere qualcosa di più, al momento mi fermo al piacere della lettura, al netto.
Recensione come sempre umile ma avvincente di un capolavoro bizzarro e surreale, satirico e grottesco. Il libro nel libro, ossia la parte su Ponzio Pilato, mi ha ricordato "La leggenda del Grande Inquisitore" di Dostojevskij. Dicono che "Sympathy for the devil" dei Rolling Stones sia stata ispirata proprio da questo romanzo, e non fatico a crederlo, dal momento che esso si presta a una miriade di suggestioni. Buone letture, Laura.
In risposta ad un precedente commento
siti
18 Luglio, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Giulio, umiltà doverosa quando si affronta un capolavoro ma non si ha il tempo di approfondire...
Ciao, Laura!
Sempre ottime recensioni, le tue! Avevo molto apprezzato questo autore (l'unico russo finora con cui sia andata d'accordo!) in "Cuore di cane". Terrò presente anche quest'altro famosissimo titolo, grazie! :)
In risposta ad un precedente commento
siti
20 Luglio, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Laura, Cuore di cane e Le diavoleide li avevo letti anche io, purtroppo non li ricordo.
In risposta ad un precedente commento
Scavadentro
07 Settembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Brava e esaustiva. Cuore di cane ha avuto anche una versione cinematografica nel 1976 con la regia di Lattuada.
In risposta ad un precedente commento
siti
07 Settembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Diego anche per il riscontro cinematografico.
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri