Dettagli Recensione

 
Il marinaio
 
Il marinaio 2018-08-09 14:30:16 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    09 Agosto, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Immaginazione o realtà?

«”Perché si muore?”
“Forse perché non si sogna abbastanza”
“È possibile… Ma allora non varrebbe la pena di chiudersi nel sogno e dimenticare la vita, perché la morte si dimentichi di noi?»

Scritto nel 1913 e rielaborato nel 1915 per essere pubblicato su Orpheu una rivista dalla, purtroppo, breve vita, “Il marinaio”, è un dramma caratterizzato da forti simbolismi e che nasce e si sviluppa interamente nel lasso temporale di una notte e all’interno di un unico luogo, una camera dalla forma circolare sita in un castello. In questa si apre una sola finestra dalla quale si intravedono due monti e il mare. Tre donne, rigorosamente abbigliate in bianco e di cui non conosciamo l’identità, vegliano sul feretro contenuto in una bara di una quarta fanciulla il cui alito di vita è venuto meno. Sono sedute, le tre, e al loro fianco splende la fiamma di quattro candele, una per ciascuna (defunta compresa). In un gioco di specchi queste iniziano a parlare al passato e del passato, mettendosi a nudo, interrogandosi per prime su un tempo che non riconoscono quasi come se mai lo avessero avuto e vissuto. Seguono negazioni su negazioni, il nostro essere finisce con l’assumere una forma circolare dove non vi è inizio o fine, dove la realtà non può essere manipolata, dove la convinzione della sua esistenza è messa in discussione. Si approda a un passato infelice, che non ha possibilità di migliorare nemmeno nel futuro più prossimo e che apre le porte alla forza dell’immaginazione che è la sola che concede di continuare, di farci vivere, di farci andare avanti.
Sino a che una delle tre vegliatrici introduce lui, il marinaio. Naufrago su una isola deserta egli è l’emblema della malinconia per la vita passata, trascorsa, precedente. È nostalgia. È nostalgia che può essere combattuta solo con la forza di sognare una realtà anteriore ricca di dettagli, colori e persone che finisce con l’offuscare quella che invece era stata la sua vita vera. Ma chi è davvero il marinaio? Qual è il suo ruolo? Qual è il suo rapporto con l’acquisita coscienza? E le tre vegliatrici? Quale sarà la loro sorte? Il loro compito?
Il testo si presenta dunque come un elaborato dal gran contenuto filosofico, assume la forma teatrale e nella mia edizione non mancava la possibilità di confrontarsi con il testo a fronte, elemento che ne ha avvalorato ulteriormente la pregiatezza nonostante la brevità dello stesso. Pessoa riesce in poche pagine a dar vita ad una vera e propria riflessione sull’io, sull’individuo, sulla forza e potenza dell’arte, sulla necessità, talvolta irrefrenabile, di abbandonarsi alla costruzione di una realtà diversa fino a rendersi conto, nella sua intellettualità, che nulla può – nemmeno i mondi interiori – sciogliere la consistenza e la resistenza della dimensione in cui ciascuno vive e esplica la sua vita. Nessun sogno, nessun mondo interiore può farlo. E dietro alla narrazione, all’analisi più saggia e erudita non manca quella politica di un mondo, quello del letterato portoghese, in evoluzione, in prossimità di una guerra e di sconvolgimenti economici affatto irrisori.

«Le mani non sono vere, non sono reali… Sono misteri che abitano la nostra vita…»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Bella presentazione, Maria.
Il libro è piaciuto anche a me : un testo di pura poesia.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
15 Agosto, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Da leggere e rileggere. Grazie Emilio, di cuore.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia
Casa Danesbury
Lontano nel tempo
L'americano
Ritorno nel South Riding