Dettagli Recensione

 
La caduta
 
La caduta 2020-01-19 17:08:13 DanySanny
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    19 Gennaio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cadere, come Silvia

Qualcuno prima di me si è chiesto cosa avrebbe scritto Camus dopo questo libro, dove sarebbe giunto il suo pensiero, perché il pessimismo e la disillusione cui “La caduta” approda, hanno davvero il peso di un macigno che nemmeno il Sisifo più volenteroso e felice potrebbe sollevare. In effetti il libro al quale Camus stava lavorando prima della morte, non era un romanzo, ma un’autobiografia, come se il personaggio di Clamence avesse alla fine davvero chiuso un cerchio e solo nei ricordi del suo maestro di scuola, dell’uomo che lo ha reso lo scrittore che è poi diventato, Camus avrebbe potuto trovare una nuovo calore, una nuovo punto d’inizio.

“La caduta” non è un romanzo perfetto, ma ricapitola, nella sua straordinaria densità, i temi cardine dello scrittore e ne sottolinea, ancora una volta, l’acume tagliente, l’implacabile e indefessa profondità con cui scava non solo nelle radici dell’esistenza, ma anche nell’amore, nell’amicizia, nell’ipocrisia. La scrittura di Camus è tale che, ogni volta che si pensa di afferrarla, essa raggiunge un livello ancora più alto, una percezione ancora più intensa del mondo. Mi pare che ogni suo libro sia in fondo una riflessione sull’impossibile impossibilità del mondo, ovvero sull’impossibilità di aprire un varco, un miracolo, nella maglia rigida dell’esistenza. Lo stesso varco che cerca il suo Caligola, quando in uno splendido atto terzo chiede a un suo suddito-poeta di poter avere la luna, è lo stesso squarcio che il protagonista Mersault non sa intuire nella sua asettica impassibilità e soprattutto lo stesso miracolo che Clamence non sa realizzare. Perché ogni miracolo è, in un certo senso, una forma d’amore e Camus ci ricorda che “non essere amati è una semplice sfortuna: la vera disgrazia è non amare”. Il dramma di “La caduta” è tutta qui: Clamence non sa amare, in lui tutto è voce del verbo, chiacchiera e discorso, retorica; tutto il suo parlare, la sua sofistica, non è altro che la prosopopea di chi intuisce il giusto per logica, senza però sentirne l’urgenza, di chi conoscendo il male, non sceglie il bene. Il miracolo che avrebbe potuto arrestare la parabola discendente di questo libro era un tuffo, un atto di pura abnegazione, ma ancora una volta, nella paralisi di Clamence, Camus ci ricorda che non basta conoscere le maglie dell’assurdo per poterle spezzare. Non è un caso che il cuore del romanzo sia il suicidio di una ragazza, perché nel suicidio l’uomo è chiamato a portare alle estreme conseguenze il disgusto di una vita straniante nella sua pleonastica gratuità, eppure un vita che, al di là di ogni percezione razionale, l’uomo non è in grado di abbandonare. In fondo Clamence sa di essere al culmine della disperazione, là dove secondo Cioran la vita disgusta tanto quanto la morte, ma non ha abbastanza tempra per poterlo sostenere e allora tutto il discorso diventa una forma estrema di divertissement.

Quello che non funziona è che Camus tocca verità limpide tramite la voce di un personaggio creato e plasmato per non raggiungerle mai, condensa una quantità enorme di pensieri in uno spazio tanto stretto da diventare concettoso e lo stile non riesce a sostenere le ambizioni dell’opere. L’esito è che il libro rischia di sfaldarsi su se stesso e che nessun pensiero, una volta chiuso, resterà davvero impresso. È certo che con Clamence, Camus silenzia l’ipocrisia esistenzialista e fa crollare, una volta per sempre, la speranza, unica vera vittima di questa caduta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Last but not least, è arrivata anche la tua recensione, Daniele, a suggellare questo oltremodo stimolante gruppo di lettura. Le tue considerazioni sono come sempre ineccepibili ("L'impossibile impossibilità del mondo" è un'espressione bellissima), anche se è un peccato che tu abbia amato poco questo romanzo. Forse la struttura del libro è un po' troppo fragile per sostenere in così poche pagine la gran mole di riflessioni sciorinate dall'autore, ma io sono lo stesso rimasto affascinato da come il testo abbia la solidità e la lucidità di un teorema geometrico, beffardo e ambizioso al tempo stesso. Se lo metto a confronto con un altro famoso testo dell'esistenzialismo francese di qualche anno prima come "La nausea", "La caduta" ne esce a mio avviso nettamente vincitore.
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
20 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Giulio, l’avevo scritta da tempo ma per un motivo o per l’altro non l’ho mai pubblicata. Per il libro, come sai io amo visceralmente Camus, avrei potuto tranquillamente dare 5 allo stile e al contenuto, ma ho voluto sottolineare che da un punto di vista puramente narrativo, secondo me, ci sono dei problemi. Ciò non toglie che vale forse più di libri a cui ho dato giudizi migliore. Per il resto, anche io non amo molto Sartre.
siti
21 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Daniele, ti leggo rapita e penso che questo scritto ci abbia portato posizioni tutte diverse, eppure tutte condivisibili. Strana sensazione.
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
21 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì Laura, davvero un libro polisemico. Credo che anche nelle intenzioni di Camus dovesse avere una sua ambiguità pervasiva.
In risposta ad un precedente commento
siti
21 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Una vera e propria opera aperta per dirla come Eco.
Finalmente la tua!
Quando la recensione è tardiva, tra le molteplici motivazioni del ritardo c'è anche la perplessità che un libro di un autore importante ci può lasciare. Niente da fare, tante tematiche interessanti non sviluppate adeguatamente in un libro così breve e messe in bocca ad un uomo antipaticamente narcisista.
Acute osservazioni, Dany!
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
22 Gennaio, 2020
Ultimo aggiornamento:
22 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì esatto Marianna, troppo breve per dare spazio a tutte queste tematiche. Per quanto io ami comunque Camus.
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri