Dettagli Recensione

 
Guerra e pace
 
Guerra e pace 2020-04-30 15:19:45 Belmi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    30 Aprile, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I veri guerrieri sono il tempo e la pazienza

Quando incontri un non lettore, una delle prime cose che ti domanda è se hai letto “Delitto e castigo” e “Guerra e pace”, perché per “loro” il vero lettore deve averli letti altrimenti che lettore è, visto che i due libri sono ben conosciuti come due “mattoni”. A queste persone solitamente mi astengo dal rispondere, ma ora posso rispondere che l'ho fatto e che mi sento la lettrice di prima perché per me non sono stati una fatica ma un arricchimento, queste due letture.

“Guerra e pace” racconta il periodo di dominio di Napoleone e le sue guerre e come questo abbia influenzato la Russia e soprattutto la popolazione russa:

“”Dieu me la donne, gare à qui la touche!” - disse ripetendo le parole pronunziate da Bonaparte durante l'incoronazione.”

L'inizio è molto problematico perché i personaggi sono veramente tanti senza considerare il problema dei nomi russi e dei nomignoli russi (spesso si parla della solita persona ma i nomi sono diversi). Dopo esser riuscita a capirne le dinamiche, entrare nella storia è stato semplice e subito mi sono resa conto che i protagonisti hanno personalità davvero diverse, alcune delle quali rappresentano “le caratteristiche russe” già ritrovate in altri romanzi.

Il narratore oltre a raccontare le vicende dei suoi innumerevoli protagonisti si espone più volte anche in prima persona, mettendo molto di sé nell'analisi degli avvenimenti:

“Tutta questa strana, incomprensibile contraddizione tra i fatti e la descrizione della storia, deriva semplicemente da questo che gli storici che hanno scritto su tale avvenimento hanno narrato la storia dei buoni sentimenti e delle belle parole dei diversi generali, ma non la storia degli avvenimenti veri e propri.”

Quando penso allo stile di Tolstoj la prima cosa che mi viene in mente è l'eleganza, uno scrittore che lo si potrebbe definire anche un poeta:

“Essa non lo sapeva, non lo avrebbe creduto, ma dallo strato di limo che le aveva avvolto l'animo e che a lei pareva impenetrabile, stavano già spuntando i primi, teneri fili dell'erba novella che doveva mettere radici e coprire con i suoi getti vitali tutto il dolore che era in lei e che presto nessuno avrebbe più visto e notato. La ferita si stava rimarginando dall'interno.”

Sarò sincera, leggere “Guerra e pace” non è stata una passeggiata, stiamo parlando di un libro che conta, almeno nella mia edizione (scritta molto piccola e con molti errori di battitura) ben 1200 pagine, con pagine interamente scritte in francese (personalmente non l'ho studiato a scuola ma posso assicurare che anche un buon conoscitore della lingua qualche difficoltà potrebbe trovarla, io per fortuna ho comprato un'edizione con la traduzione passo passo), con lunghe digressioni (sempre legate al lato spirituale e religioso dell'autore) e con la parte che affronta la pace molto più lenta della parte guerra. Ma posso anche dire che arrivati alla fine l'emozione che predomina in me è la tristezza, perché dopo aver passato tanti giorni in compagnia di un libro di questa “potenza” alla fine mi sono sentita come se un amico a cui mi ero particolarmente affezionata mi avesse abbandonato e so già che non sarà facile trovarne un altro di questo livello.

Quindi l'unica cosa che posso fare è consigliarlo, Tolstoj anche questa volta non ha deluso le mie aspettative.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ciao Federica, bravissima...mi ha fatto sorridere la tua riflessione iniziale. Anche io ho preferito le parti di guerra a quelle di pace che ho trovato lente, davvero una tesoro artistico e storico questo tomo.
In risposta ad un precedente commento
Belmi
01 Mag, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Ioana, un tesoro artistico è davvero una bella e giusta definizione per questo libro.
Federica
Sì, Federica, un libro proprio imperdibile.
Letto tempo fa, l'ho riletto in un'edizione 'per la scuola' , in cui sono state sottratte le numerose pagine sul Napoleone e presumo altre ancora : un testo scorrevole. Però è venuta a mancare la scansione giustamente 'rallentata' del tempo : gli anni trascorrevano troppo in fretta. Le pagine, che paiono 'non necessarie' al procedere delle vicende, in realtà hanno una funzione importante. Va bene così com'è.
Federica, complimenti. Di cuore. La tua recensione a un titolo monumentale per contenuti, dimensioni, aspetti storici e genealogia è semplicemente perfetta. Leggerti è stato un sincero piacere, hai fatto venir voglia di prenderlo tra le mani e di buttarcisi a capofitto adesso e ora. :)
Ciao Federica, leggerti è sempre un piacere! Complimenti, bellissima recensione. Ancora non ho letto questo classico ma lo farò di sicuro prima o poi.
In risposta ad un precedente commento
Belmi
02 Mag, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, direi che la versione integrale è l'unica soluzione per questo libro per poterlo apprezzare fino in fondo.
Grazie del commento.
Federica
In risposta ad un precedente commento
Belmi
02 Mag, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Maria, troppo gentile!
Fede
In risposta ad un precedente commento
Belmi
02 Mag, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Chiara, direi che questa quarantena a qualcosa mi è servita..era da molto che avevo questo titolo in libreria ma non osavo aprirlo perché la lunghezza un pò mi spaventava, ma arrivata alla fine la soddisfazione è veramente tanta.
Grazie per i complimenti.
Fede
Ciao Federica, io per esempio non l'ho ancora letto...
Ciao Fede, anch'io, arrivata all'ultima pagina, mi sono sentita esattamente cosi'! E nessun nuovo libro, subito dopo, sembrava essere all'altezza :)
Bello ritrovarsi nelle tue parole.
Grazie, Manu
12 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia
Casa Danesbury
Lontano nel tempo