Dettagli Recensione

 
Odissea
 
Odissea 2020-05-13 04:58:52 siti
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    13 Mag, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una comune identità: il canto

Mai come in questo caso il traduttore ha permesso di godere maggiormente dell’opera, accantonato dunque il ricordo scolastico legato alla traduzione del Pindemonte, cosa che mi riprometto di fare tradendo pure il Monti dell’Iliade, ho letto serenamente il lavoro della Calzecchi Onesti, gustando appieno ognuno dei ventiquattro libri del poema.
Dalla “Telemachia”, a “ I viaggi di Odisseo”, concludendo con “Il ritorno e la vendetta di Odisseo”, la protagonista assoluta, compagna delle tre sezioni, è stata la curiosità, nonostante questo sia il libro che molti conoscono senza averlo mai letto. In particolare la lettura è stata utile per scalzare dal podio il suo protagonista assoluto, Odisseo: non l’ho condannato come Dante nel XXVI canto dell’Inferno; non l’ho circoscritto alla sua condizione di esule come fece Foscolo per cantare il suo destino; non ho visto in lui l’emblema della decadenza come fece Pascoli e tanto meno ne posso cogliere i tratti del superuomo di cui l’ha rivestito D’Annunzio, entrambi , Pascoli e D’Annunzio, facendolo protagonista, come Dante prima, del rinnovato viaggiare nonostante il ritorno.
L’Odissea non è solo Ulisse, è un mondo multiforme, è la metafora del pericolo, del diverso, dell’incontro, della scoperta; è inoltre il canto dei canti, un poema in divenire che evolve autoalimentandosi; tutto questo è ben visibile nella lettura integrale, non episodica ma continuativa, nonostante la struttura episodica sia sovrana e abbia dato modo di isolare i singoli momenti narrativi ben noti a tutti. Una continuità di lettura che permette dunque di godere dell’antico poema collettivo come di un romanzo moderno, facendosi suggestionare dal tema centrale del nostos e da quella commistione di generi che, come ci fa notare Calvino,nel suo “Le Odissee nell’Odissea” in “Perché leggere i classici”, riprendendo la tesi di Heubeck, mette un eroe epico in uno schema narrativo da antica favola e da fiaba. Ecco perché ci affascinano la maga Circe, il Ciclope, il potenziamento delle proprie virtù per intercessione esterna ( il dono a dirla come Propp), misti al concilio degli dei, alla guida di Atena, alla vendetta di Poseidone e allo stesso tempo varchiamo la dimensione più reale di quegli antichi regni autonomi che si affacciano sul mare o ne sono circondati e aspettano un ritorno o accolgono uno straniero accomunati da un unico canto che unisce una comunità dispersa quasi in una sorta di diaspora atavica che ha come legame il suo comune cantare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altre versioni del poema e a chi non l'ha mai letto
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

14 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Ci voleva proprio una lettrice appassionata e colta (che squisite citazioni che fai!) come te, Laura, per dare il meritato rilievo a un'opera la quale, come tu giustamente dici, è più conosciuta che letta. Complimenti.
Complimenti Laura! Condivido il commento di Giulio, ci voleva! Personalmente ancora non mi sento pronta e chissà se lo sarò mai, per ora resta un mio limite.
Mi incuriosisce e mi intriga molto questa nuova traduzione. Perciò mi permetto di chiederti se è stato usato un linguaggio moderno e se il testo è in metrica. Io, l'ultimo approccio con Omero, l'ho avuto eoni fa mentre mi cimentavo con le difficili versioni in classe, ma se questa nuova interpretazione fosse di agevole lettura mi piacerebbe cimentarmi nuovamente con le avventure di Odisseo.
La tua coltissima recensione, Laura, mi ha incuriosito. Una nuova traduzione, dunque. Non ho però ben compreso se la famosa opera sia lasciata nella sua forma di poema oppure se sia stata messa in prosa.
Bellissima presentazione, essenziale e fiorita di colte citazioni che innalzano il livello delle letture sul portale.
Interessante una lettura più moderna del poema omerico che rimane l'archetipo del moderno romanzo: il viaggio come scoperta del sé, viaggio con discesa e risalita dagli Inferi che ispirerà i poemi epici successivi fino al Ariosto, ad Tasso e non solo. Una riscoperta di quando viaggio era abbandono Dell propria casa e spostamento fisico. Quando la letteratura è costruzione e non dissoluzione dei valori nel nostro mondo contemporanea. Ulisse, uomo dal multiforme ingegno e dalla lingua persuasiva, che ad una lettura diversa è meno vincente di quello che ricordavamo. Calzante l'accostamento a Propp, basilare per lo studio della fiaba e dei racconti moderni.
Brava Laura.
Da matusa quale sono resto nostalgiamente abbarbicata come una cozza allo scoglio, alle traduzioni del Monti e del Pindemonte ai quali devo l'esercizio alla musicalità ed alle costruzioni, che tanto mi hanno aiutato negli studi a venire!
In risposta ad un precedente commento
siti
13 Mag, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie, mi lusinghi, Giulio.
In risposta ad un precedente commento
siti
13 Mag, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ioana, ma grazie...per te, credimi, sarebbe una passeggiata!!
In risposta ad un precedente commento
siti
13 Mag, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao FrancoAntonio, l'edizione è nuova ma la traduzione della Calzecchi Onesti è del '63; questa poi è una versione in prosa ma dal ritmo metrico. Se vuoi saperne di più :https://www.lindiceonline.com/geografie/itinerari-di-parole/traduttori-omero-sfide-contemporaneita/
In risposta ad un precedente commento
siti
13 Mag, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, no è una versione in prosa ma conserva il ritmo tipico della metrica.Una via di mezzo.
In risposta ad un precedente commento
siti
13 Mag, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Studi classici; Marianna? Io purtroppo solo il latino, ho in mente di rivedere l'Eneide senza l'incubo dell'esametro...prima però mi sono ripromessa L'Iliade. Grazie per l'apprezzamento.
14 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri