Dettagli Recensione

 
Orlando
 
Orlando 2021-02-18 10:06:57 archeomari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    18 Febbraio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Indefinibile

Dico subito, ex abrupto, che non consiglio questo romanzo per approcciarsi alla celebre autrice, molto meglio cominciare con “La signora Dalloway”, oppure con “ Gita al faro” (che devo ancora leggere). Perché?
Perché l’ho trovato, tenendo conto delle altre letture fatte della Woolf, tra cui “Una stanza tutta per sé” -nella fattispecie una raccolta di lezioni sulle donne e la lettura/letteratura”- diverso e particolare, se vogliamo anche “strano” con tutte le sfumature che questo aggettivo porta con sé.
Bisogna conoscere abbastanza bene non solo la produzione della scrittrice, ma anche la sua biografia, le vicende del Bloomsbury set, la relazione con Victoria Sackville-West (la saffica dichiarata, così la definì la Woolf nel suo diario nel 1923) destinataria reale o ideale del romanzo Orlando, per avvicinarsi alla comprensione di quest’opera che mi ha lasciata con la sensazione di non aver ben afferrato non tanto la trama, quanto piuttosto le intenzioni nascoste tra gli strati dei significati.
Orlando, giovane nobile di bell’aspetto, ammirato, cercato indifferentemente da uomini e donne per la sua grazia e la sua nobiltà d’animo, dopo una cocente delusione d’amore con una giovane russa che lo aveva ingannato, ad un certo punto, senza un valido motivo, si risveglia in un corpo femminile. Comincia a pensare come una donna, ad apprezzare la civetteria e a rendersi conto di quanto sia difficile per una donna pubblicare un suo scritto, poesia o romanzo, senza attraversare la fitta selva dei pregiudizi dell’epoca.
Confluiscono in Orlando, motivi cari alla scrittrice: ho apprezzato tantissimo la ricostruzione della bufera di neve delle prime pagine della storia, l’indagine psicologica sul protagonista sia nel corpo di giovane uomo che in quello di una donna (la metamorfosi avviene quando lui ha superato i trent’anni, così si narra nel libro), l’ambientazione ben inquadrata dal regno della regina Elisabetta I agli anni venti del Novecento. Ebbene sì, questo elemento sovrannaturale, che sembra connaturato alla letteratura inglese (basti pensare già ai romance del ciclo bretone delle origini oppure anche a Shakespeare, per citare solo qualche esempio più rappresentativo ) si trova in quest’opera così particolare che la Woolf definì “ un libriccino”, come dire, uno scherzo, un gioco, un divertissement: Orlando è un personaggio universale che non solo vive in epoche diverse, tutte ben caratterizzate dalla scrittrice, ma ha la fortuna di adottare due punti di vista opposti e complementari, quello maschile e quello femminile.
Veramente particolare, forse troppo. Preferisco le altre opere della scrittrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Le altre opere della Woolf
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Non ho letto questo libro.
Della deliziosa Virginia ho grande nostalgia di "Gita al faro" . Mi è capitato raramente d'imbattermi in un testo tanto bello ed emozionante.
In risposta ad un precedente commento
archeomari
18 Febbraio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Io adoro la scrittrice, mi piace come scrive, “Gita al faro”mi manca, non vedo l’ora di leggerlo, tuttavia questo libro secondo me non è il suo migliore.
Deve essere un romanzo curioso. Io avevo visto molti anni fa un film tratto da "Orlando", con Tilda Swinton protagonista. Mi fa anche venire in mente il mito di Tiresia, che aveva vissuto sette anni come donna, prima di ritornare ad essere uomo.
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
19 Febbraio, 2021
Ultimo aggiornamento:
19 Febbraio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Come ti avevo già detto, Marianna, io non ho compreso questo libro che definirei "ermetico". Per il momento, l'opera più bella letta della Woolf per me è "Le onde", magico libro.
Non ho letto "Orlando", ma un mio amico molto appassionato della Woolf mi ha sempre detto che a suo avviso è il suo romanzo meno riuscito.
In risposta ad un precedente commento
archeomari
19 Febbraio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Tu e Ioana mi avete incuriosito tantissimo pronendomi due libri che devo assolutamente leggere.
Gita al faro e Le onde.
Emilio però Orlando è proprio diverso... Leggilo anche tu e facci sapere!
In risposta ad un precedente commento
archeomari
19 Febbraio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì ho visto su Youtube qualche scena, l'attrice è un'adrogina perfetta! Ciao Giulio
In risposta ad un precedente commento
archeomari
19 Febbraio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Ha ragione il tuo amico, Dany, concordo con lui e con Ioana
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri