Dettagli Recensione

 
Follia
 
Follia 2011-10-09 09:26:00 EvaBlu
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
EvaBlu Opinione inserita da EvaBlu    09 Ottobre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il cuore ha sempre ragione?

C’era una volta un’importante casa automobilistica che decise di servirsi delle parole di un filosofo olandese per la creazione del suo nuovo spot pubblicitario. Lo spot, tra le altre cose, recitava più o meno così: “Osservate con quanta previdenza la natura ebbe cura di spargere ovunque un pizzico di follia. Infuse nell'uomo più passione che ragione… La vita umana non è altro che un gioco della Follia.” E concludeva con la “frasona” ad effetto: “Il cuore ha sempre ragione.”
È inutile dirvi che la pubblicità in questione riscosse un enorme successo, tutti rimasero incantati davanti allo schermo a godersi i tre minuti scarsi di “follia” e tutti, o quasi, fecero proprie le parole del caro vecchio Erasmo da Rotterdam fino ad allora semisconosciuto alle masse.
Perché la Follia affascina. La Follia è spesso associata all’arte, alla stravaganza, all’unicità di chi “folle” lo è. E poi la Follia è Amore. Chi non ha mai fatto “pazzie”in nome dell’Amore? Chi non ha mai avvertito quel “friccichio” al petto e non si è sentito capace di compiere qualsiasi genere d’azione per inseguire il cuore e chi lo aveva fatto prigioniero?
Molti si chiederanno: e che c’entra tutto questo con il romanzo? Niente, non c’entra sostanzialmente nulla, ma sappiate che leggendo il libro di McGrath potreste magari ricredervi rispetto all’assoluto e affascinante tema dell’Amore Folle. Perché nel romanzo di Follia si parla, ma di Follia autentica, incarnata dalla figura di Edgar, detenuto in un manicomio per uxoricidio, e dal folle tentativo di Stella, moglie del vicedirettore dell’istituto, di abbandonarsi completamente e contro ogni ragionevolezza alla passione nei confronti del paziente stesso. La vicenda, ambientata nell’Inghilterra del 1959, è narrata da Peter, psichiatra che ha in cura Edgar e che mano a mano traccia l’analisi dettagliata della psiche dei due innamorati mettendo in luce la distruzione che il rapporto causa intimamente ai due protagonisti e nelle sfere esterne che li riguardano. Poggiata su un stile alquanto semplice, la storia è ben costruita ed in grado di tenere alte l’attesa e le aspettative del lettore che si ritrova emotivamente e pienamente coinvolto nell’amara vicenda senza sapere esattamente, fino alla fine, cosa sperare. Ciò che tuttavia schiaffeggia dalle pagine, costringendo ad un’immedesimazione attenta ed inquisitoria con la protagonista, è la figura maestralmente delineata di Stella, donna all’apparenza forte e decisa, estrosa al punto giusto, pronta ad andare contro ogni conformismo ed ogni autorità pur di inseguire i propri sentimenti. Ma è veramente un’eroina, questa donna che non si fa scrupolo ad immolare la propria esistenza e quella delle persone a lei più vicine in nome di un Amore che non ha più confini? È veramente un’eroina una donna che non sa più distinguere e operarsi per la salvezza del proprio corpo e del proprio spirito?

Questo libro per me ha significato molto. L’ho sentito come fuoco sulla pelle e dentro l’anima. È stato, perdonate la nota confidenziale, come il riscatto da un passato in cui, contro la famosa e indiscutibile convinzione in base alla quale “a me non succederà mai!”, in un “Edgar” mi ci ero imbattuta .

E allora continuo a chiedermi: ma il cuore, ha veramente sempre ragione?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...a prescindere dai gusti, non leggerlo significherebbe perdere tanto!
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

15 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ringrazio infinitamente Darkala! Se ho letto questo libro è stato grazie alla sua bella e appassionata recensione :))

09 Ottobre, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Gran bella recensione. Complimenti. A questo punto devo leggerlo per forza...
Complimentissimi, ottima recensione Eva! :)

Devo dire però che questa frase non mi è proprio chiara: " contro la famosa e indiscutibile convinzione in base alla quale “a me non succederà mai!”, in un “Edgar” mi ci ero imbattuta." In un certo senso mi sarebbe piaciuto approfondire questo aspetto, ma so che son cose personali.

Nonostante tutto mi fa davvero piacere che tu abbia apprezzato un libro che io ho tanto amato e venerato. :)
Sono contenta, sono davvero contenta! :D

Prego, comunque! E' stato un piacere! :D
Un bacione, Eva!
Alla prossima "lettura shock" :D
ancora co sto libro?? =)

ma che follia!!
come ho detto a Darky:

non è follia, questa è zucculamma!
Follia? Noooo
Storia di una zoccola.

Dico, vuoi farti edgar, benissimo, aspetta e prima lascia tuo marito no?
eh no, zoccola inside quindi tradimenti, sensi di colpa.
E non venitemi a mettere il piccolo per di mezzo. Sono stufo di sentire la storia della famiglia che la donna vuole per forza preservare per il figlio.
Se non c'è amore tra i coniugi non c'è famiglia per il figlio, punto.
Peter è ancora più da manicomio degli altri due e non venitemi a parlare d'amore!
L'unica con un po' di sana intelligenza era la suocera che non solo aveva capito tutto ma poverina doveva anche sopportare un figlio battilocchio ormai già sposato.

Il cuore ha sempre ragione, lui sa sempre cosa vuoi. Però che ti costa fare le cose come si deve?? con un minimo di giustizia e rispetto per gli altri?

inoltre condivido la curiosità di Darky

chi è chi è!! racconta! vogliamo sapere tutto! =D
In risposta ad un precedente commento
darkala92
09 Ottobre, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Spank ci ritroviamo di nuovo a discutere di Follia :)
Ma sono sempre convinta della sua bellezza e della sua efficacia. :)

Il fatto di aspettare per potersi concedere completamente ad Edgar è fuori questione. Crolla il libro, crolla il concetto stesso di "follia d'amore" sotto l'influenza di problemi psichiatrici.

Concordo con te per la questione della separazione la quale non porta miglioramenti alla famiglia, tantomeno al figlio, vittima dei problemi dei genitori.

Per la faccenda: "fare le cose come si deve" poi là entra in ballo un altro fattore. Comportarsi come la società impone oppure come uno ritiene sia giusto (sempre rispettando gli altri?)
Domanda da 10.000$ :)

Ps. viva "Follia" :D
In risposta ad un precedente commento
AndreaDm
09 Ottobre, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
perfetto allora non chiamiamola follia

è zucculamma.

Assecondare i propri istinti è una cosa, farlo senza tener conto che sei sposata non è follia, è zucculamma.


La poligamia non è una follia, ma almeno sposati con un poligamo!
Vedi ad esempio Erika Berger di Millennium di Larsonn. Lei assecondava i suoi istinti sessuali ed affettivi con 2 persone differenti. Non c'è nulla di male se il compagno è d'accordo.

Ma se ti sposi con un monogamo e fai roba con un altro, io la chiamo essere zoccola inside, non follia.

In risposta ad un precedente commento
AndreaDm
09 Ottobre, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Schopenhauer sosteneva che la monogamia è una, come dire, una cosa innaturale, che l'uomo dev'essere poligamo perchè la donna è zoccola inside.
Chissà, sicuramente una buona parte delle persone sarà d'accordo con Arthur, ma io no. Difatti io sono sfacciatamente monogamo in cerca di monogama. =)
In risposta ad un precedente commento
AndreaDm
09 Ottobre, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
e come diceva Troisi,

a noi hanno insegnato da piccoli che bisogna salvare 'a faccia e 'i corn

=D
Complimenti Eva per l'analisi del testo da te proposta !!!
l'ho letto anch'io qualche settimana fa, ma non mi sono ancora cimentata a recensirlo.....
Brava SA!quanto bene ci fanno i riscatti eh ;)
15 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà
Il libro delle cose sconosciute
La casa delle tenebre
Omicidio a Manhattan

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232