Dettagli Recensione

 
Port Mungo
 
Port Mungo 2012-08-21 08:40:05 C l a r a
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C l a r a Opinione inserita da C l a r a    21 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Niente è come sembra.

"Nel corso degli anni, mi preoccupai sovente per questo, ma per molto tempo sembrò che i fatti avvenuti fra le mangrovie dovessero restare inconoscibili, almeno per me - un mistero, anche se odio questa parola. Non esistono misteri: solo persone che nascondono le cose, solo segreti."

McGrath ci regala un'altra storia dove l'amore assume i lineamenti del disturbo patologico, del sentimento totalizzante che si trasforma in ossessione, dove il confine labile tra sano e malato è portato agli estremi e tutto, ancora una volta, è incerto.
Gin Rathbone racconta la tragica storia di suo fratello Jack.
Jack l' eccentrico, l'artista, il narcisista.
Impossibile per la sorella resistere al suo fascino, Gin vive nel culto della personalità del fratello fin dagli anni dell'infanzia trascorsa in un'Inghilterra un po' provinciale e un po' borghese.
Un fascino che assume una connotazione morbosa tant'è che resta saldo anche quando Vera Savage, artista in ascesa che ha tutti i tratti dell'avventuriera, glielo porta via facendogli balenare il sogno di una New York carica di energia e di promesse.
Ma il sogno dura poco. Jack incapace di reggere la competizione con la compagna e con un ambiente intriso di arte e innovazione decide di rifufiarsi in una dimensione più tranquilla: Port Mungo. Come Gauguin, Jack va a cercare la sua ispirazione artistica ai Tropici, portandosi dietro Vera.
Ma a Port Mungo naufragano sole le illusioni: Jack e Vera non sono in grado di dare vita a un progetto comune, né sul piano artistico né sul piano sentimentale e non li salva neanche l'arrivo di due figlie: Peg e Anna.
Peg, la maggiore delle due, cresce e vive come una selvaggia, a sette anni fuma e beve birra, e a sedici viene ritrovata morta annegata sotto un groviglio di mangrovie sotto lo sguardo passivo della sorella più piccola che inevitabilmente ne riporta i traumi.

Ma da dove nasce la tragedia?
Da dove viene il comportamento anomalo dei protagonisti?
Dove finisce la normalità e inizia la malattia?

Anche in questo romanzo di McGrath il narratore ha ruolo centrale, e come sempre l'autore vuole mettere in dubbio la sua affidabilità. Noi non possiamo che lasciarci guidare e ogni tanto cercare di tirare il freno a mano per riflettere lucidamente sulla narrazione.
Il plot è ben congegnato, la caratterizzazione dei personaggi è incisiva e delineata con precisione: atteggiamenti, sguardi, gestualità e modi di vestire li rivelano in poche righe in modo inequivocabile.
"Port Mungo" è un viaggio nei lati più torbidi e oscuri dell'animo umano. Impossibile resistere al fascino della penna di McGrath!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Clara! Tic onsiglio vivamente Spider, ti stupirà, più passa il tempo più mi piace!
Ottima recensione e il libro merita veramente, voglio comprare l'ultimo "l'estranea" , mi affascina molto Mc Grath ma devo fare un pò d'intervallo tra un suo romanzo e l'altro per gustarli meglio.
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
22 Agosto, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
@Katia: IO ho recentemente letto Spider, un piccolo capolavoro, cheti consiglio vivamente, il più straniente dei romanzi dell'autore, quello in cui il confine tra realtà e fantasia, delirio e razionalità è più sfumato ;-)
In risposta ad un precedente commento
C l a r a
22 Agosto, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Daniele "Spider" lo ho in wl, se mi dici così però lo compro subito... :)
Ho in coda anche Martha Peake sempre dello stesso autore; per me Mc Grath è irresistibile! E' il terzo suo libro che leggo e riesce a raggirarmi ed affascinarmi ancora come fosse il primo...
Katia grazie mille! Ora guardo la trama di "L'estranea"!
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Senza pietà
La casa delle tenebre
Omicidio a Manhattan
Lo scambio
L'ultima carta è la morte
Tempo di caccia
A cena con l'assassino
Teddy
Rabbits. Gioca se ne hai il coraggio
Polvere negli occhi
Nel cerchio del male
Natale rosso sangue