Dettagli Recensione

 
Follia
 
Follia 2013-01-09 15:53:54 Simona
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Simona    09 Gennaio, 2013

Uno stile che rapisce

Quando ho acquistato questo libro, ero andata in libreria con lo scopo di cercare uno di quegli adorabili libri con le pagine di cartone spesse 1 centimetro da regalare al mio nipotino; a missione compiuta, ho dato una rapida occhiata ai saggi prima di andar via e nel mucchio, fuori posto come ad auto-imputarsi una valenza saggistica, “Follia” di McGrath ha immancabilmente attirato la mia attenzione.
Di solito più che comprare libri, preferisco “adottarne” qualcuno in biblioteca, ma stavolta ho fatto un’eccezione, quasi avessi paura a lasciarlo lì tutto solo in mezzo ai suoi pretenziosi cugini Saggi.
Ebbene, quando è l’istinto a parlare di solito vale la pena di ascoltarlo.
La trama si sviluppa in un intreccio narrativo che più che sorprendere colpendo alle spalle dopo un incipit in sordina, come forse mi aspettavo, mi ha accompagnata tenendomi per mano nello snodarsi di eventi tanto tragici quanto ovvi e inesorabili.
L’atto di svolgimento di avvenimenti drammatici è sbrigato in poche essenziali battute, mentre l’attenzione spasmodica dell’autore è tutta rivolta alla fitta rete dei retroscena, che giustificano l’inevitabilità di quanto accade, tirando fuori il lettore dalla sua solita nicchia del “ma chi se lo aspettava?!” e privandolo della possibilità (di consueto offerta su un piatto d’argento) di identificarsi e poi “soffrire” con i protagonisti, inserendolo viceversa gradualmente e sapientemente nella lucida prospettiva dell’interpretazione psichiatrica.
Tuttavia a poco a poco tale lucidità lascia intravedere qualche falla che apre al lettore una strada interpretativa indipendente, inducendo a mettere in dubbio l’oggettività della voce narrante; così ci si trova come in un gioco di specchi a improvvisare un proprio tentativo di psicanalisi di chi scrive, in un cambio repentino e disarmante di prospettive.
Qualche parola sullo stile: scorrevole e trascinante come un fiume in piena, mai barocco, sempre coinvolgente nella sua linearità; l’assenza dei consueti fronzoli non concede distrazioni al lettore, e a mio avviso sono questi gli strumenti che permettono a McGrath di avvolgerci tutti con sé nel perverso e soffocante manto di un amore folle.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Oliver Sacks
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà
Il libro delle cose sconosciute
La casa delle tenebre
Omicidio a Manhattan

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232