Dettagli Recensione

 
Il potere del cane
 
Il potere del cane 2013-10-28 17:51:36 Arturo
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Arturo    28 Ottobre, 2013

Capolavoro

Il potere del cane è forse il più grande romanzo mai scritto sul traffico di droga, un noir di una potenza tale da sconvolgere anche i più incalliti appassionati del genere, come il sottoscritto.
Don Winslow racconta in modo romanzato, e senza alcuna pietà, il mondo dei cartelli messicani, il loro modo di fare affari, le loro guerre. Dal Messico alla Colombia, da New York alla California, in lungo e in largo, senza sosta: la droga segue un percorso tortuoso e per certi versi geniale, che Art Keller – agente delle DEA di stanza in Messico – conduce senza esclusione di colpi.
Art, così come tutti i personaggi de Il potere del cane, è un uomo distrutto da una vita passata in prima linea. Quella che combatte per 29 anni (l’arco temporale in cui si sviluppa la narrazione) è una guerra che ha fatto un numero imprecisato di vittime, e in cui nessuno può dirsi innocente. Nemmeno lui, Art, che fa parte dei “buoni”. Nel romanzo di Winslow, infatti, non ci sono i classici buoni da lieto fine. In questo mondo è impossibile non sporcarsi le mani, soprattutto se la questione diventa qualcosa di personale, un'ossessione ai limiti della malattia.
L’obiettivo dei cartelli messicani – guidati da Tìo Barrera – è quello di inondare di droga le strade degli Stati Uniti. In questo scenario hanno un ruolo rilevante, sebbene in modo diverso, anche Nora Hayden (prostituta d'alto bordo), padre Juan Parada (un prete comunista), Sean Callan (sicario irlandese), Sal Scachi (agente della CIA), la polizia federale messicana, le famiglie mafiose italoamericane di Chicago e New York, i nipoti di Tìo Barrera (Adan e Raùl) e Antonio Ramos.
Non è un caso che in un’intervista, Winslow abbia dichiarato che il 90% di quello che c'è scritto in queste 715 pagine è reale, nomi e personaggi esclusi. Senza fare della facile ideologia, Il potere del cane ritrae in modo poco lusinghiero anche alcune politiche estere degli Stati Uniti, nella fattispecie quelle portate avanti nel centro e sud America.
Un romanzo spietato, quindi, da cui è davvero difficile staccarsi, corroborato da una narrazione diretta e attenta – a volte forse anche troppo – in cui ogni singolo protagonista appare spaventosamente reale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
gialli, noir
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Finestra sul vuoto
L'ultimo conclave
Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
Il pericolo senza nome
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà