Dettagli Recensione

 
Lo spettro
 
Lo spettro 2014-08-09 19:45:48 mariaangela
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    09 Agosto, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

OLEG: GELO. E’ SUONATA DI NUOVO L’ORA. PAPA’?

Il peggiore e il migliore è tornato. E cerca di farcela di nuovo.

Vorrebbe occuparsi dell’omicidio per droga di Gusto Hanssen, diciannove anni, spacciatore e assuntore. Trovato cadavere il 12 luglio, morto dissanguato in seguito a un colpo d’arma da fuoco al torace. Ma non può perché interdetto.

Ricompaiono personaggi noti, i tre amici di Harry rimasti in polizia: Bjorn Holm della Scientifica e Beate Lonn della Scientifica e Gunnar Hagen capo dell’Anticrimine.
Mikael Bellman che lavorava alla Kripos ora dirige l’Orgkrim che nel frattempo è diventata la più grande divisione del settore anticrimine ed ha accorpato al suo interno Criminalità organizzata, Antirapina, Antitrafficking, Narcotici.

Oleg.
E’ talmente cambiato da non essere più lui. Indossa un paio di jeans Diesel e una felpa nera con cappuccio e scritta “Machine Head” che evidentemente non può far riferimento ai Deep Purple...
Cinque anni dal loro ultimo incontro, ora ha diciotto anni e soprattutto guarda Harry senza espressione alcuna.

HARRY. SEMPRE SULL’ORLO DEL BARATRO, PER LUI VINCERE O PERDERE NON FA POI GRAN DIFFERENZA.
HARRY. I CANI SCALCIANO.
CERCANO NUOVAMENTE DI AZZANNARTI, GRAFFIARTI, ABBAIANO FINO A NON AVERE PIÙ VOCE E LI SENTI FIN DENTRO L’INTESTINO, STESO SUL TUO LETTO, AD OCCHI CHIUSI, IN COMPAGNIA DELLA PIOGGIA, SPERANDO, ANCORA UNA NOTTE CHE IL SONNO VENGA A SALVARTI.
INVANO.
QUAL È IL NOME DEL TUO VELENO?

“Vengo con te, Harry.” Vengo con te. Vengo con te.
Perché alla fine di tutto c’è lei, lei e poi e ancora e sempre e solo lei.

Riconosco dalle prime righe lo stile di Nesbo, partenza lenta e faticosa, leggera salita, poi pian piano arrivo in pianura, improvvisamente sono in caduta libera verso un finale travolgente…forse sconvolgente. Sicuramente appassionante, fino a creare in me quel bisogno che se non è proprio quello che Oleg, Gusto, Irene, anelano per la violina…è qualcosa che anche io voglio assolutamente appagare.

Violina, protagonista anch’essa di questo romanzo, una sostanza diversa dall’eroina, somiglia più al levorfanolo, la bomba atomica degli oppioidi, un potentissimo antidolorifico; molto di più della morfina e dell’eroina. Con effetti più duraturi. Ne bastano bassissime quantità, soprattutto se iniettate.
Il pericolo deriva dalla dipendenza, è quella a distruggere la qualità della vita.

“Lei crollò completamente. Allora le dissi che avevo qualcosa che avrebbe aggiustato tutto. Preparai una siringa e lei mi fissò con due enormi occhi umidi quando trovai una vena azzurra nella sua pelle sottile e bianca e poi introdussi l’ago.
Mentre abbassavo lo stantuffo sentii gli spasmi propagarsi dal suo corpo al mio. La sua bocca si aprì come in un orgasmo muto. Poi il flash calò una tenda scintillante sopra il suo sguardo.…”

Non condivido chi dice che questo romanzo ha un finale prevedibile. Ritengo sia l’unico possibile, e non perché voglio a tutti i costi, ancora una volta, santificare questo scrittore.
Penso solo sia molto bravo e tanto furbo.

Penso che la lettura crei una fantastica e perversa dipendenza, ed è bellissimo il legame che si instaura tra l’autore e chi lo legge.
I protagonisti prendono forma e hanno vita propria, anche se solo per la durata di una storia. Per poi ritornare a vivere in me in quella successiva. E’ straordinario e anche divertente.
Certo…è un’arte, e come tale capacità di non tutti gli scrittori.
Ma probabilmente dipende maggiormente dalla disponibilità a liberare la mente per farsi portare dagli eventi, per viverli.

Harry, sei andato a Hong Kong, ma sei riuscito a sottrarti agli spettri? Sono diminuiti?
Con gli spettri il segreto sta’ nell’avere il coraggio di guardarli abbastanza attentamente e a lungo da capire che sono appunto questo. Spettri, morti e impotenti.

HARRY…LI SENTI ANCORA I CANI?

"È un po' come nella musica. Non saprei spiegare, ma alla fine vorrei rimanesse un'emozione, una commozione.”
Jo Nesbo

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per capire se vi piace Jo Nesbo dovete leggerlo almeno una volta. E dal principio possibilmente.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Che bello il tuo commento, molto appassionato !
Mi segno il titolo, grazie.
In risposta ad un precedente commento
mariaangela
11 Agosto, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie. E' l'autore che mi appassiona!
Ma devi partire dall'inizio.. insomma, ti consiglio.
Ciao C.U.B. buone letture
Mariangela
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Finestra sul vuoto
Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà
Il libro delle cose sconosciute
La casa delle tenebre

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232