Dettagli Recensione

 
Inferno
 
Inferno 2014-08-29 16:04:43 GPC36
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
GPC36 Opinione inserita da GPC36    29 Agosto, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I gironi di un romanzo

Chandler sosteneva che la plausibilità è un requisito essenziale per un buon thriller: se si dovesse accogliere questo parere come criterio di valutazione allora il giudizio su “Inferno” potrebbe essere solo negativo, visto che al confronto i romanzi di Fleming su 007 sono testi da neorealismo.
Tuttavia se, iniziata la lettura, al termine di ogni capitolo (“Inferno” ne comprende ben 104!) ci si butta sul successivo con l’interrogativo “Voglio vedere come ne vengono fuori (Dan Brown e il professor Langdon) da questo –apparente- vicolo cieco” (che potrebbe essere un criterio alternativo per valutare un thriller) e il risultato è che in quarantott’ore la lettura è terminata, beh! allora bisogna ammettere che lo scrittore ha raggiunto l’obiettivo di coinvolgerci nella vicenda.
Vi sono tuttavia anche altre ragioni che rendono “Inferno” un libro da consigliare. Dan Brown pone al centro dell’intreccio la tematica del sovrappopolamento demografico, un tema cruciale per il futuro del’umanità. Se la soluzione ventilata appartiene alla fantascienza ed è quindi una “non soluzione” – né potrebbe essere diversamente trattandosi di un romanzo – per lo meno il romanzo costituisce una provocazione che potrebbe/dovrebbe sollecitare una maggior attenzione per una questione elusa dal dibattito politico. Per questo motivo ritengo che “Inferno” meriti un giudizio più positivo rispetto al – a mio avviso – sopravvalutato “Codice da Vinci”.
Inoltre Dan Brown/Langdon dimostra ancora un amore profondo per la ricchezza del nostro patrimonio culturale, tale che meriterebbe un riconoscimento ufficiale da parte del Ministro della Cultura e del Turismo (finalmente riuniti in un unico ministero).
A fronte di questi aspetti le sviste trovate da chi ha analizzato a fondo il libro appaiono marginali ed anche la più vistosa (quella sulla data della maschera mortuaria di Dante Alighieri) è ininfluente sulla dinamica della storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Dan Brown, ma anche a chi non l'ha letto; I limiti dello sviluppo del Club dui Roma
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Finestra sul vuoto
Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà
Il libro delle cose sconosciute
La casa delle tenebre