Dettagli Recensione

 
Nella mente dell'ipnotista
 
Nella mente dell'ipnotista 2015-03-10 04:40:14 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    10 Marzo, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Esagerato!

Sarà che i Lars Kepler, in realtà, sono due persone (i coniugi Ahndoril), sarà che “Nella mente dell’ipnotista” si agita troppo inconscio… ma il ritorno dell’ipnotista avviene sotto il segno dell’eccesso.
Al di là della mole monumentale del romanzo, la mia critica si rivolge all’enfasi azionistica che rende esagerato un romanzo peraltro complessivamente divertente e coinvolgente.

PARTIAMO DAL PROTAGONISTA. Erik Maria Bark è un super eroe per abilità intellettuali (“è medico, psichiatra e psicoterapeuta, è specializzato in psicotraumatologia e psicologia delle catastrofi”), per doti umane (“ha lavorato in Uganda per la Croce Rossa”) e per il fascino inconsapevole che lo rende non soltanto involontario donnaiolo, ma anche ghiotta vittima di stalking. Erik è dotato di poteri speciali e li esercita sui pazienti attraverso l’ipnosi (“Rocky è entrato in una trance così profonda che l’attività cerebrale è minore di quella della fase REM e la respirazione è simile a quella di un animale in letargo”), che utilizza con tecnica più acquatica (“Si avvicina alla fase d’induzione… Cammini sul bagnasciuga verso la lingua di terra… l’acqua diventa più scura via via che scende più a fondo”) che clinica. Nonostante tutti questi impegni, il nostro ipnotista trova anche tempo e voglia di prendere lezioni di piano da un’affascinante insegnante non vedente (“Nel buio il cieco è sovrano”). Inguaiandola (ma non in quel senso!). E per non lasciarsi mancare nulla ed essere sufficientemente dannato (il ruolo lo richiede), ingurgita pasticche (“Estrae un Mogadon dal blister e inghiotte la compressa senz’acqua”) e divora Stilnox come fossero noccioline.

PROSEGUIAMO CON L’ASSASSINO (“Emerge un’aggressività teatrale dell’assassino: sono i preparativi a essere ben ponderati… mentre l’aggressione è istintiva”). Avvisa la polizia con filmati che ritraggono le vittime ignare, maneggia con disinvoltura il coltello come fosse una penna (“Un serial killer che perseguita le sue vittime”), spia le donne nelle loro case, si avventa sulle stesse, ne deturpa i visi, semina indizi a bizzeffe (“statuette di porcellana capovolte”), si appropria di macabri trofei (“A Katryna sono state sottratte le unghie finte di entrambe le mani”) e spariglia le prove (“Un pezzo di capriolo di porcellana”). Tanto indisciplinato nell’esecuzione, quanto abile nel mentire le proprie spoglie di serial killer, si nasconde sotto il profilo di un predicatore (“Lo chiama predicatore imbrattato”) che indossa una cerata gialla come divisa.

I personaggi sono numerosi, serve la bussola per orientarsi. Il mio preferito? Nestor, il paziente balbuziente che fa indovinelli con la stessa abilità enigmatica della Sfinge a Tebe.

Le situazioni sono tutte estreme: orge vip (“Li chiamano saturnali… Un gioco di ruolo?... No, è un’orgia”), droga à gogo (“Cocaina ed ecstasy… Ma poi hanno cominciato a girare spice, monkey dust, cantaride…”), preti dediti più ai vizi che alle funzioni religiose, stabili abbandonati e interrati da incubo, locali equivoci (“Ricordo solo stranissime stanze dai colori psichedelici”), sinistri cimiteri degli animali, case-labirinto, cantine con gabbie da circo.

Il finale è incandescente (viene appiccato un rogo), funambolico (il cielo è pieno di elicotteri), risolutivo (a Margot, l’investigatore capo dell’indagine, si rompono le acque. Auguro al nascituro che la mamma, nel partorire, sia più abile di quanto non dimostri nell’indagare!).

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... L'ipnotista. Romanzi di tensione, nordici e non
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Belmi
10 Marzo, 2015
Ultimo aggiornamento:
10 Marzo, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi hai fatto cominciare la giornata con un sorriso! Bella recensione!!!
Federica
Concordo ! Esagerato, forzato, troppi personaggi e...Nestor e' pure il mio preferito :-)

In risposta ad un precedente commento
Vita93
10 Marzo, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Bella recensione, questo romanzo è un banco di prova importante per Lars Kepler.
Dopo i primi due romanzi di buona/discreta fattura, un buon lavoro con " La testimone del fuoco " ed un ottimo " L' uomo della sabbia " considerato dalla critica il loro miglior romanzo, la qualità di questo libro è importante per dare continuità alla serie anche se leggendo qualche opinione temo sia stato fatto qualche passo indietro.
Le frasi che hai citato fanno accapponare la pelle per la bellezza di cui sono dotati :D!!! Poi "nel buio il cieco è sovrano" non si può sentire! Rotolo dalle risate.

03 Febbraio, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Questa recensione è fantasica! Non smetto di ridere... vero libro un tantino esagerato
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Finestra sul vuoto
L'ultimo conclave
Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
Il pericolo senza nome
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà