Dettagli Recensione

 
Il caso di Charles Dexter Ward
 
Il caso di Charles Dexter Ward 2015-10-01 14:02:36 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    01 Ottobre, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Inoculazione ritualistica

“Il caso di Charles Dexter Ward” è, a parer mio, il capolavoro di Howard P. Lovecraft.

La storia del giovane studioso (dalla prefazione: “In numerosi racconti di Lovecraft, il protagonista - sempre identico: di genere maschile, colto, di buone maniere, quasi totalmente disinteressato all’altro sesso - finisce per essere risucchiato nella dimensione parallela…”), ritenuto pazzo dalle “analisi condotte dagli alienisti” e per questo prima assistito, poi recluso (“In base alle testimonianze di altri e in forza di molte lacune abnormi nell’assortimento delle sue nozioni… si era arrivati alla decisione di recluderlo”) e infine transfuga (“La fuga stessa è uno dei prodigi non spiegati dall’ospedale del Dr Waite. Una finestra aperta su uno strapiombo di venti metri poteva difficilmente costituire una spiegazione…”), che si intestardisce sullo studio (“Charles Ward era appassionato di antichità fin dall’infanzia”) di documenti segreti (“All’improvviso i suoi interessi mutarono dallo studio del passato allo studio dell’occulto ed egli si rifiutò di sostenere gli esami di qualificazione per l’università”), formule (“Un monogramma era stato accuratamente cancellato da un battiporta d’ottone”) e rituali (“Un simbolo arcaico, chiamato Testa del Drago, usato negli almanacchi per indicare il nodo ascendente, e… la Coda del Drago, o nodo discendente”) in grado di riportare in vita un antenato - Joseph Curwen - dedito a pratiche tanto orrende (“Il carico consisteva quasi completamente in scatole e casse di cui una gran parte era rettangolare e pesante e somigliava in modo preoccupante a delle bare”) quanto occulte (“Quelle marchiature delle streghe che si riteneva venissero inflitte durante certe morbose riunioni notturne in luoghi selvatici e solitari"), ha catturato la mia parte più arcana.
Affascinandomi. Insinuando “nella mente l’idea dell’esistenza di oscure relazioni cosmiche e di realtà innominabili dietro alle protettive illusioni di ciò che vediamo comunemente”. Conquistandomi (“Le reliquie mortali di metà dei titani del pensiero di tutte le epoche, trafugate da blasfemi predatori nelle cripte… e sottoposte agli ordini di folli che tentavano di aspirarne il potere per uno scopo ancora più pazzesco…”).
Al punto che, irretito, ho scritto un racconto completamente ispirato a quest’opera, un racconto che verrà inserito in un’antologia dedicata al genio di Providence. La storia, l’ho intitolata “La possibilità di riesumare un amore” (“Perché mai il mio amore infinito non doveva ritornare?”).

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo strano caso del Dr Jeckill e di Mr Hyde - Il ritratto di Dorian Gray - Dracula
Questo romanzo di H.P. Lovecraft ne è imparentato...
Trovi utile questa opinione? 
221
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Ho subito pensato a Stevenson....ma bisogna leggere "La possibilità di riesumare un amore"......

01 Ottobre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
H.P.L. è a mio avviso senza dubbio uno degli autori "minori" del novecento più intriganti, figlio di terre che con il terrore hanno avuto un rapporto diretto. Grazie per questa bella recensione. Condivido il tuo giudizio su Dexter Ward, ma anche il ciclo di Chtulhu e altri racconti non sono da meno.
In risposta ad un precedente commento
Mario Inisi
01 Ottobre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Io penso di averlo in libreria ma non l'ho mai letto, l'horror non fa per me. Spero che la tua riesumazione non sia stata traumatica ma piacevole.
allora dopo la delusione de "La casa stregata" potrei farci un pensierino...
Ce l'ho da leggere questo libro, ma mi spaventa il fatto che non ci siano dialoghi.... Grazie della recensione! :-)
@ Anna Maria: le assonanze sono marcate, a parer mio... :-)

@ Vittorio: ho in programma "Le montagne della follia" riedite nel 2015 da Il Saggiatore... :-)

@ Mario: io tollero soltanto l'horror classico, non sopporto le derivazioni splatter e volgari dei giorni nostri :-)

@ Mariangela: la scrittura di Lovecraft è un marchio inconfondibile, i racconti ne sono un campione rappresentativo. :-)

@ Antonella: ma è proprio questa la particolarità della prosa di Lovecraft, una narrativa indiretta e incalzante sino allo sfinimento :-)

Ciao a tutti, grazie per gli interventi.
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri