Dettagli Recensione

 
Follia
 
Follia 2015-12-31 17:14:25 enricocaramuscio
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    31 Dicembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore, ossessione, tragedia

L’attrazione diventa amore, l’amore ossessione, l’ossessione tragedia. La follia è la grande protagonista, ma chi è il folle? E’ Edgar, lo scultore uxoricida, genio e sregolatezza? O Stella, bella e triste, che chiede solo di sentirsi viva? Sarà per caso Max, troppo impegnato a curare la psiche degli altri per accorgersi dei suoi problemi? O Peter, con quella sua aria distaccata, impenetrabile, con la sua misteriosa vita privata? E se fossero tutti folli? Ma cos’è, infondo, la follia? Patrick McGrath cerca di spiegarlo attraverso un’opera a metà tra erotismo e psicanalisi, con uno stile leggero e scorrevole e senza appesantire la lettura con nozioni psicologiche troppo tecniche. L’introspezione dei personaggi, pur non essendo molto approfondita, basta a creare un quadro preciso della psiche di ognuno di loro e a comprendere i loro comportamenti e il modo in cui la mente umana in generale possa essere deviata da determinate esperienze o episodi. La storia segue un filone già visto ma non per questo risulta noiosa o scontata e non mancano certo i colpi di scena. Siamo nell’Inghilterra del secondo dopoguerra. Tra le mura di un manicomio criminale nasce un amore clandestino tra il detenuto Edgar Stark e l’affascinante Stella, moglie del vicedirettore dell’istituto, il dottor Max Raphael. Lui è un artista, uno spirito ribelle finito dietro le sbarre dopo aver massacrato la moglie per gelosia. Lei una donna trascurata dal marito e in cerca di nuove emozioni. L’attrazione fisica dà inizio ad un gioco pericoloso che sfocia in un dramma annunciato in cui a farne le spese sono un po’ tutti, dai due protagonisti al marito tradito, finanche alla voce narrante, il dottor Peter Cleave, lo psichiatra che segue Edgar ed è legato ai Raphael da una profonda amicizia. Ma a pagare più di chiunque altro è il piccolo Charlie, figlio di Stella e Max, vittima innocente della follia, delle ripicche e delle frustrazioni degli adulti. “Dentro di sé rivisse quel momento al sole, in cui si era resa conto che sarebbero andati a letto, perché ormai non si potevano più fermare. Era molto semplice: non farlo era impensabile. E quando capisci che non puoi più evitare, o rinviare, o ignorare una necessità, il rischio cessa di essere un deterrente. Stella cercò di spiegarmi questo.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà
Il libro delle cose sconosciute
La casa delle tenebre
Omicidio a Manhattan

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232