Dettagli Recensione

 
It
It
 
It 2017-06-10 09:41:15 Nai_ve
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nai_ve Opinione inserita da Nai_ve    10 Giugno, 2017
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E poi purtroppo è finito...

Su It è stato detto forse tutto. Concordo assolutamente con quelli che dicono che It VA letto, indipendentemente dal genere, indipendentemente della mole, indipendentemente da tutto. It è un classico, e non soltanto un classico di genere, perché se è vero che di base è un capolavoro dell'horror, in realtà contiene al proprio interno un numero incalcolabile di elementi. E del resto, credo che forse la parte più profonda e più bella e di maggior valore stilistico/narrativo di tutto il romanzo sia proprio quella che va oltre l'horror stesso: è la storia dei protagonisti, di sette bambini che il lettore impara a conoscere e ad apprezzare sin dall'infanzia e vede poi crescere, cambiare, dimenticare, tornare indietro e dimenticare di nuovo.

Decisamente è un capolavoro, uno dei libri migliori che abbia mai letto. La storia è affascinante, l’incastro degli eventi costruito in modo equilibrato e calibratissimo: niente sfugge al controllo dell’autore, tutto viene fuori esattamente quando e dove serve. All’inizio può forse dare un’impressione di spaesamento, soprattutto perché lo sciogliersi dell’intreccio non corrisponde affatto a quello della fabula, e i tempi narrativi sono giostrati in modo decisamente particolare. Dopo aver letto quasi mille pagine, il lettore è ancora lì a domandarsi CHE COSA è realmente avvenuto nell’estate del ’58 e questo crescente senso di mistero lo tiene incollato alla storia fino alla fine. È vero, la narrazione è piena di elementi di «corredo», forse non proprio necessari al fine della narrazione, ma sicuramente utilissimi a caratterizzare i personaggi, a renderli fisici, tangibili, a farli concretamente «conoscere» al lettore.

Lo stile è semplicemente perfetto: sempre lucido, precisissimo, mai piatto, mai banale. Una sottile, certe volte amara, vena ironica attraversa la narrazione in modo costante e fa saltare un sorriso sulle labbra anche nella descrizioni di eventi che altrimenti risulterebbero spiacevoli. Oserei quasi dire che King in questo romanzo (e non so in altri perché non ne ho ancora letti) ha uno stile ipnotico: nel gioco delle descrizioni, il fluire della frase sfocia sulla pagina come un fiume in piena e travolge l’attenzione del lettore, trascinandolo via quasi senza dargli tempo di riflettere.

C’è forse (a mio parere) qualche piccola debolezza sul modo in cui alcuni personaggi finiscono per eclissarsi al termine della storia. Ma ciò che più resta dopo le ultime pagine è in fin dei conti un grande senso di vuoto, quasi di perdita: è strano restare lì a fissare la pagina con la consapevolezza che dopo milletrecento pagine la storia è finita. Hai vissuto con i personaggi, sperato con loro, sofferto e gioito con loro: sono quasi diventati parte di te, e la magia del loro particolarissimo rapporto di amicizia, così forte e al tempo stesso così fragile, ti lascia dopo tutto una sensazione di strana malinconia. È quasi come se Bill, Ben, Richie, Bev, Eddie, Stan e Mike ti mancassero. E forse in questo, più che in ogni altra cosa, sta la grandezza e il fascino del romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Mane
13 Giugno, 2017
Ultimo aggiornamento:
13 Giugno, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Complimenti Nai_ve per la tua recensione
che è molto piacevole da leggere e davvero ben curata,
nonostante non conosca il libro,
grazie al fatto che sei stata impeccabile nel presentarlo,
credo di essermene fatto un'idea abbastanza esaustiva.
Grazie
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri