Dettagli Recensione

 
Follia
 
Follia 2017-06-26 22:26:57 Valerio91
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    27 Giugno, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Stella Karenina

Vi starete chiedendo perché, nel mio titolo, abbia messo un chiaro riferimento al famosissimo personaggio di Lev Tolstoj. Beh, perché non ho potuto fare a meno di cogliere varie analogie tra "Follia" e "Anna Karenina", principalmente nelle protagoniste, ma anche per situazioni specifiche della trama.
Ma procediamo con ordine.
McGrath ha uno stile fresco e scorrevole: vi ritroverete a divorare questo libro a tratti davvero avvincente; ad entrare in empatia con i personaggi, anche se l'unico realmente amabile è il narratore, lo psichiatra Peter Cleave, che si erge al di sopra di tutti in quanto a morale e umanità. Stella, invece, è una di quelle personalità che si possono amare, odiare o compatire, a seconda del lettore che si trova a "giudicarla". Personalmente, l'ho odiata come ho fatto con la Karenina (prima analogia).

Stella è la moglie del promettente psichiatra Max Raphael, appena trasferitasi con lui e suo figlio Charlie in una villa all'interno della struttura psichiatrica in cui suo marito sarà vicedirettore.
L'incontro fatale sarà quello con Edgar Stark, paziente in semilibertà che lavora nella loro serra per ristrutturarla. Stark è un ex scultore internato per una gelosia ossessiva, che lo ha portato a uccidere sua moglie e ad infierire sul suo cadavere. Silenziosamente, tra Edgar e Stella nasce una passione irrefrenabile, favorita dall'insoddisfazione di lei a causa di quel marito freddo, totalmente dedito al lavoro e spaventosamente simile ad Aleksej Aleksandrovic Karenin (seconda analogia, che comprende personaggio e situazione).
Da qui scaturirà una serie di eventi tragici, che manderà completamente in malora la vita di tutti i personaggi principali, trascinati nell'oblio dalla follia dei due amanti che, completamente rapiti dal loro "amore" (puah!), se ne fregheranno di tutte le conseguenze e delle persone a cui stanno facendo del male. Personalmente, devo dire che pur apprezzando la penna dell'autore, la scorrevolezza e i colpi di scena, non ho amato questo libro, così come non ho amato il capolavoro russo (terza analogia, ma strettamente personale). E' probabile che il mio scarso entusiasmo sia generato dall'antipatia che i personaggi come Stella (e Anna) generano in me, ma sospetto che sia dovuto anche al fatto che la psicologia di Stella non mi ha convinto del tutto. A parte tutto è una lettura che consiglio, anche perché starà a voi cogliere la quarta analogia. Se avete letto Anna Karenina ci arriverete, sono sicuro.

"Era come se lo sentisse al suo fianco, sempre. Aveva imparato a fidarsi di lui. Senza una ragione al mondo, ovviamente, o forse proprio per questo, sì, perché si stava convincendo che la fiducia, e la speranza e l'amore sono tali in quanto nascono e crescono a dispetto della ragione."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Anna Karenina
Cime Tempestose
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Molto interessante la tua recensione, Valerio!
Non conosco l'autore. Da come hai valutato il suo stile, dev'essere comunque uno scrittore di qualità.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
27 Giugno, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio,
grazie mille! Si, in effetti il suo stile mi ha colpito molto, anche se qualche volta si ripete. Penso che ci sia anche lo zampino di un ottimo traduttore... Adelphi è davvero una signora casa editrice! Quello che posso dirti è che forse non spicca per la sua profondità, ma scorre che è un piacere.

Vale.
Ho in libreria questo romanzo da tantissimi anni, non mi ricordo nemmeno più quanti, credo di averlo ricevuto in omaggio x altri acquisrti, ma finora non ho mai trovato la voglia di leggerlo. Eppure continuo ad imbattermi in commenti positivi, alcuni addirittura entusiasti. Se ci sono analogie con Anna Karenina, è la volta buona che mi decido: a me il grande romanzo di Tolstoj e'piaciuto moltissimo... :-)
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
27 Giugno, 2017
Ultimo aggiornamento:
27 Giugno, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Pierpaolo,
posso dirti che è una lettura piacevole e che queste analogie non me le sono andate a cercare col lanternino, sono nate spontanee durante la lettura. Ovviamente, non ci sono digressioni e la profondità di Tolstoj, nè il suo affresco sulla società russa, ma te lo consiglierei comunque.

Vale.
Qualitativamente è di molto inferiore al romanzo di Tolstoj. L'ho letto tempo fa e mi ha lasciato poco.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
28 Giugno, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Chiaro... infatti parlo di analogie pur senza voler fare paragoni...

Vale.
Mi è piaciuto molto il parallelismo con Anna Karenina. In effetti ho ritrovato molti punti in comune anch’io. Bravissimo Valerio. Ottima recensione. Ciao.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
28 Gennaio, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Marcellaaaaaa ben tornata!! E' un piacere rivederti su Qlibri.
Grazie, come al solito.

Vale.
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Senza pietà
La casa delle tenebre
Omicidio a Manhattan
Lo scambio
L'ultima carta è la morte
Tempo di caccia
A cena con l'assassino
Teddy
Rabbits. Gioca se ne hai il coraggio
Polvere negli occhi
Nel cerchio del male
Natale rosso sangue