Dettagli Recensione

 
L'ultimo cavaliere
 
L'ultimo cavaliere 2017-08-08 23:18:51 Valerio91
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    09 Agosto, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

The gunslinger

Mi sono accostato alla celeberrima saga de La Torre Nera incredibilmente affascinato e, devo ammetterlo, attirato dalla prossima uscita del film(anche se a quanto pare avrà poco a che vedere col libro).
"L'ultimo cavaliere" è per stessa ammissione di King un libro scritto da un autore ancora alle prime armi, con tutti i difetti che questo comporta. Però devo dire che già si intravede la genialità e la fantasia che hanno fatto di King uno dei più grandi autori contemporanei. La storia de la Torre Nera è affascinante e nel suo primo capitolo non fa altro che introdurci in un mondo oscuro e tutto da scoprire.
"L'ultimo cavaliere" non è un capitolo da mandibola spalancata, anzi, devo dire che se non fosse per una seconda parte avvicncente e un finale davvero meraviglioso sarebbe risultato un po' piatto. A conti fatti però, si rivela la premessa perfetta per una saga che si preannuncia epica. Da acquolina in bocca.

"L'uomo in nero fuggì nel deserto e il pistolero lo seguì": quale incipit migliore per racchiudere le vicende de "L'ultimo cavaliere"? (Tralasciamo l'indegna traduzione dal titolo originale "The Gunslinger"). In fondo, le vicende raccontate nel libro non sono che questo: un inseguimento. Ma ridurre tutto a questo sarebbe decisamente riduttivo. Roland Deschain è l'ultimo dei pistoleri, una stirpe di uomini che si sono distinti per il proprio coraggio e le proprie abilità, ma della cui fine non verremo ancora a conoscenza. Sappiamo solo che Roland ne è l'ultimo superstite, che la sua missione primaria è quella di raggiungere la Torre Nera e che inseguire l'Uomo in Nero è quello che deve fare per perseguire il suo scopo.
Nel corso del suo pellegrinaggio-inseguimento, Roland intraprenderà un percorso che lo porterà a scoprire lati nascosti del suo animo e a riscoprire sentimenti seppelliti ormai da troppo tempo; un passato quasi dimenticato. In quel mondo desolato incontrerà una serie di personaggi che lo guideranno nel suo viaggio fisico e spirituale, che raggiungerà il suo snodo cruciale nell'incontro con Jake, un ragazzo proveniente da un mondo a Roland sconosciuto ma stranamente familiare. Tra le sabbie del deserto e montagne da scalare esploreremo questa dimensione in rovina, scavando nel suo passato, presente e futuro, e scoprendo che ha tante cose da dire e innumerevoli lati oscuri e misteriosi su cui potremo far luce soltanto proseguendo la lettura di questa promettentissima saga.

"Quando i traditori vengono proclamati eroi (o gli eroi traditori, ipotizzò nella sua grave cadenza meditativa), dev'essere segno di tempi. Tempi davvero bui."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri