Dettagli Recensione

 
L'enigma della camera 622
 
L'enigma della camera 622 2020-07-30 14:39:41 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    30 Luglio, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un buon Dicker ma non il migliore

Torna in libreria Joël Dicker, autore ormai noto al grande pubblico per i suoi romanzi dalle tinte gialle e misteri da scoprire, un autore che basa e sostanzia la sua linea narrativa su fatti del presente e del passato tra loro collegati, susseguenti e intervallati.
Anche questa volta lo svizzero ci fa destinatari di un intrigo che muove i suoi passi da questa costante, pertanto, se già avete avuto modo di leggere opere dello stesso, vi sentirete a casa e riconoscere quell’impostazione ormai cara e consona. Se al contrario non avete ancora avuto modo di avvicinarvi ai suoi titoli ecco che questo potrebbe essere un ottimo spunto per cominciare.
È un fine settimana di dicembre quando presso il Palace de Verbier, un lussuoso albergo sulle Alpi svizzere, viene rinvenuto, in attesa dell’annuale ricorrenza della festa di una delle più prestigiose banche d’affari di Ginevra, un corpo privo di vita all’interno della camera 622. Del colpevole vengono perse le tracce e per quanto l’indagine di polizia sia condotta con meticolosità e scrupolo, mai si verrà a conoscenza della sua identità. Adesso, pertanto, unico obiettivo della struttura è quello di tornare alla normalità e di ripristinare lo status quo ante al delitto così da non danneggiare ulteriormente gli affari.
Sono trascorsi quindici anni quando lo stesso hotel viene scelto da uno scrittore quale rifugio dalla quotidianità. Il fascino del mistero irrisolto è tale da solleticare la sua curiosità così da spingerlo a rivangare quei fatti del passato per venire a capo della verità.
Sin dalle prime battute si evince dunque che il lavoro proposto da Dicker ha tutti quegli elementi propri del genere per riuscire (dal delitto efferato alla ricerca di un colpevole e del suo movente), elementi dai quali allo stesso tempo si distanzia per di fatto intessere una trama che gioca con il lettore, che ne solletica la curiosità, che lo invita a interrogarsi e a cercare di ricomporre quei tasselli. Nel concreto è questa la sua grande maestria; intessere un romanzo lineare ma al contempo corposo e basato su una trama solida ma non troppo impegnativa e per questo appetibile al pubblico più eterogeneo di lettori.
A ciò si somma anche la contestualizzazione nella realtà di quanto accade poiché egli riesce a coinvolgere il conoscitore anche in fatti del quotidiano, relazioni umane, legami che rendono vividi di personaggi nella mente.
Alcune note negative che ho ravvisato sono insite nei dialoghi talvolta eccessivi, ridondanti e troppo concentrati sul “voler lasciare per forza qualcosa” tanto da rallentare un poco la lettura e renderla più faticosa, alla tendenza a stereotipare fatti e personaggi – ma questa mia personale valutazione dipende certamente dal fatto di aver letto precedenti suoi elaborati che dunque levano il gusto della freschezza di un narratore seriale seppur con voci anche diverse –, al tendere a dilatare un po’ troppo le vicende tanto da far perdere un po’ di pathos e dunque giungere a un epilogo sfiancato che offre delle soluzioni che pienamente non convincono e che lasciano delle perplessità.
Resta un buon libro, godibile, piacevole, curioso ma non da annoverare quale miglior Dicker. Adatto a chi cerca un romanzo dello scrittore con il quale avvicinarsi alle sue opere e a chi cerca un romanzo estivo da leggere senza troppe pretese.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Finestra sul vuoto
L'ultimo conclave
Prato all'inglese
Mio marito
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
Il pericolo senza nome
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro