Dettagli Recensione

 
La ragazza di neve
 
La ragazza di neve 2022-09-21 21:20:57 ALI77
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    21 Settembre, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN THRILLER MEDIOCRE

Siamo a New York nel 1998 e durante la parata per il giorno del Ringraziamento la piccola Kiera Templeton di appena tre anni sparisce nel nulla, saranno vani tutti i tentativi dei genitori di cercarla e anche poi quelli della polizia.

Passano gli anni, il matrimonio di Aaron e Grace, il padre e la madre della bambina, si sgretola e la loro vita è cambiata molto da quel giorno. La speranza di poterla ritrovare rimane sempre viva e nel 2003 arriva una videocassetta, dove c'è una bambina che gioca e sembra proprio la loro figlia scomparsa. I filmati non finiranno qui e ne arriveranno degli altri ma Kiera non si trova da nessuna parte.




"Aaron e Grace, invece, non si sarebbero fermati che un’ora più tardi quando, dopo aver perso la voce e il cuore nelle ricerche della figlia, la loro vita sarebbe cambiata per sempre."




Miren Triggs si appassiona al caso fin da subito, prima da studentessa e poi da giornalista e deciderà di non fermarsi fino a quando non arriverà a trovare la bambina.

Mi fermo qui con la trama perché di più non posso dire, però sono di fronte all'ennesimo thriller lento e con poca suspense con una struttura narrativa confusa e con decisamente troppi piani temporali.

L'autore utilizza dei capitoli brevi che conclude spesso con un cliffhanger, per tenere alta la tensione della storia, che poi però viene smorzata o annullata quando per ritornare allo spazio temporale che abbiamo lasciato in sospeso, passano tre o quattro capitoli.

E' una storia simile ad altri thriller, sicuramente è molto difficile essere originali in questo genere, non ci sono colpi di scena eclatanti, si legge velocemente ma non si rimane attaccati alle pagine, non capisco il successo di questo libro e mi chiedo quanti lettori di thriller leggendolo lo possano apprezzare.

La scrittura di questo autore è semplice ma dispersiva, si perde in dettagli che non interessano al lettore e inoltre in alcuni punti l'ho trovato poco verosimile.

I personali sono delineati in maniera approssimativa, l'autore si sofferma di più su Miren perché sarà la protagonista anche dei prossimi capitoli, visto che la serie porta il suo nome.

La polizia che dovrebbe indagare non riesce a mettere insieme due prove e trovare delle piste valide, mi è sembrato che come molti altri bambini scomparsi ci fosse l'intenzione di trovarli ma che alla fine i molti casi e il poco personale, abbia influito molto e non abbiamo fatto nulla per Kiera.




"In quel video Kiera mi fece pena. Durante l’intero minuto di registrazione scriveva su un quaderno, indossando un brillante e scomodo vestito arancione. Era una bambola rotta, come lo ero stata io. Se facevi attenzione, potevi immaginare le lacrime che cadevano sui fogli. Anch’io avevo avuto un periodo così, in cui mi sentivo sola, prigioniera dell’universo, e in realtà forse lo ero ancora, per quanto avessi cercato di rimettere insieme i pezzi con una colla fatta di rabbia e disperazione."


E' un thriller debole, piatto e poco avvincente che anche volendo non riesco proprio a salvare, prevedibile e poco originale e questo non è un giudizio personale perché per chi ama i thriller non può rimanere colpito in positivo da questo testo.

L'autore è spagnolo, mi sono chiesta più volte perché ambientare la storia a New York, trovo sempre, la scelta di cambiare paese da parte di uno scrittore, come un qualcosa di sbagliato che toglie autenticità alla storia. Non metto in dubbio che Castillo conosca New York e magari la apprezzi, però era meglio ambientarla in Spagna.

Il finale è la parte che mi ha delusa di più, mi aspettavo una conclusione degna di questo nome, speravo che ci fosse un colpo di scena e invece niente.

Ho letto questo romanzo perché avevo sentito parlare bene di questo autore spagnolo, ma ancora una volta ho capito come si promuova un libro con leggerezza senza una vera critica costruttiva, sì è un thriller scorrevole ma la storia è banale e molto prevedibile, di romanzi così ne ho letto centinaia quindi non è nulla di che. Sono sicura che questo autore abbia scritto o scriverà qualcosa di meglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il lungo addio
Il segreto di Inga
Le ombre
Il treno per Istanbul
Agatha Raisin. Campane a morto
Il caso Agatha Christie
La casa nell'ombra
Trappola di sangue
Niente orchidee per Miss Blandish
Brave ragazze, cattivo sangue
Il verdetto
Ci vediamo stanotte
Quel che la marea nasconde
Il caso della sorella scomparsa
La ragazza di neve
Un delitto avrà luogo