Ti prego lasciati odiare Ti prego lasciati odiare

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
25 risultati - visualizzati 1 - 25
Ordina 
 
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
fede.book21 Opinione inserita da fede.book21    06 Mag, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tante risate e tanta leggerezza

E' vero siamo di nuovo davanti a un romanzo rosa di odio e amore, ma almeno ci divertiamo un po' .
L'autrice è davvero brava a coinvolgerti e non annoiarti mai. Piena di brio e allegria questa storia racconta il tormentato rapporto tra due protagonisti che si odiano talmente tanto da farti sperare in un lieto fine. Perché è proprio quando c'è così tanto odio che le cose si fanno piccanti ed inaspettate e diciamoci la verità "gli opposti si attraggono" non sempre funziona ma ci piace assai crederci.
Insomma se avete voglia di qualche ora di leggerezza, ironia e amore questo è il libro giusto.
E sono molto curiosa di leggerne anche altri di questa scrittrice perché mi piacciono molto la leggerezza e il brio con i quali scrive.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    26 Gennaio, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ian & Jennifer

Jennifer Percy, trentatreenne avvocato fiscalista, proprio non ci riesce ad andare d’accordo con Ian James Henry St. John, conte di Langley, trentunenne collega economista. Entrambi sono dipendenti di una delle più importanti banche londinesi, ma guai a farli lavorare insieme, precedenti memorabili segnano le vicissitudini che hanno visto quali protagonisti le due menti più brillanti – ed inconciliabili – dell’istituto di credito talché quando Mr. Beverly, abbiente cliente, richiede espressamente la loro collaborazione, Colin, il direttore, non ha altra alternativa che obbligarli a vedersi al di fuori delle mura comuni col chiaro monito dello scannarsi liberamente quando sono all’esterno ma di mantenere rapporti civili e pacifici durante le ore in ufficio.
Per varie vicissitudini i due finiscono col trascorrere molto più tempo del previsto insieme, lui le chiede addirittura il favore di fingersi sua fidanzata per liberarsi delle avances di alcune irremovibili corteggiatrici che ambiscono al titolo più che all’attraente rampollo dagli occhi azzurri e i folti capelli corvini. E quando diventa palese per entrambi che sotto la finzione c’è del sentimento, oh, allora si che ne vedremo delle belle.
Piccola premessa…. Ho ricevuto questo romanzo in regalo sotto il periodo Natalizio in un formato che rappresenta una raccolta di alcune opere dell’autrice (oltre al presente scritto, contiene infatti anche “come inciampare nel principe azzurro” e “finché amore non ci separi”) ed ho deciso di leggere il primo di questa collezione in questo periodo perché da un lato avevo bisogno di una lettura più leggera (avendone divorate tre di fila più impegnative) ma anche perché mi ero ripromessa di non passare in libreria (per ragioni di studio/lavoro) prima di ieri sera, circostanza che non mi ha però impedito di prenotare nei 7 giorni scorsi ben 9 libri che vanno da Stoner, a De Cataldo per arrivare alla Quinta Onda. Inutile dire che ho fatto ingenti danni in un colpo solo ma che non vedo l’ora di tornare a casa per iniziarli.
Perdonate questa piccola parentesi, tornando al testo devo ammettere che non mi aspettavo granché, avevo già letto un paio di opere della Premoli, dunque, sapevo a cosa andavo incontro. A tal proposito infatti il romanzo presenta gli elementi classici e più amati da questa, quali: la coppia che scoppia caratterizzata da due persone completamente diverse e quindi l’intramontabile dogma del “gli opposti si attraggono”, l’imparare a non giudicare dalle apparenze andando oltre il pregiudizio non sparando sentenze così per partito preso, il lieto fine, il mondo quasi fatato contraddistinto da circostanze improbabili ma che fanno sorridere.
Tuttavia la storia attrae, è scritta con semplicità, senza pretese e con un linguaggio fluente che è capace di far sorridere la lettrice dinanzi alle situazioni tragicomiche che sono presentate. Relativo lo sviluppo, diciamo che la scrittrice poteva dilungarsi ulteriormente, incrementare maggiormente la parte finale del racconto dandole “più sapore”, ma è anche vero che grazie alla sinteticità adottata lo stesso si fa apprezzare, non risultando pedante e rendendosi così concludibile nell’arco di una giornata (considerate che io l’ho iniziato ieri alle 14.00, mi sono interrotta per rientrare al lavoro, l’ho ripreso ieri sera prima di andare a dormire e l’ho già finito).
In conclusione, un libro genuino, con cui trascorrere ore liete, nel registro della novelliera, adatto ad un pubblico femminile che cerca qualcosa da leggere sotto l’ombrellone o semplicemente con cui staccare la spina.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
al pubblico femminile che cerca romanzi leggeri con cui staccare la spina o trascorrere ore liete sotto l'ombrellone, a chi ama le fiabe, i romance e lo stile della Premoli.
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
noemi.musica Opinione inserita da noemi.musica    10 Novembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La scrittrice non delude!

Ho letto questo libro in soli 2 giorni, non riuscivo a staccarmi! L'autrice mi ha stupita ancora, questa volta con una scrittura in prima persona totalmente scorrevole e assolutamente reale e adattabile alla realtà. la vicenda può sembrare la più banale di tutte: Jennifer e Ian, colleghi di lavoro, si odiano da 7 lunghi anni, non si riescono a salutare senza litigare. Peccato che un cliente molto importante chieda la consulenza congiunta di entrambi e che li obblighi quindi a lavorare ASSIEME. Non avrei mai pensato che con una trama così semplice potessi appassionarmi così tanto ai protagonisti ed alla storia. Jennifer è a dir poco realistica e fantastica. Una donna brillante. Ian è altrettanto scritto bene e personalmente l'ho trovato assolutamente riscontrabile nella realtà inglese (anche se devo ammettere un po' principe azzurro in alcuni momenti). Tutti i personaggi marginali hanno la loro personalità ben definita e sinceramente tutta la storia si svolge in maniera fluida, simpatica, divertente. Ho apprezzato anche questo libro dell'autrice, non vedo l'ora di leggere il prossimo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzi rosa o altri libri dell'autrice
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Vivix Opinione inserita da Vivix    24 Giugno, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una droga

Non ho comprato subito questo libro perché temevo che fosse pieno dei soliti cliché, ma quando ho saputo che aveva vinto il premio “bancarella” mi sono decisa a leggerlo e non sono affatto pentita. Questa storia l’ho finita in due soli giorni ed è stata una vera e propria droga: non riuscivo in alcun modo a staccarmi dalle pagine!
Naturalmente è tutta incentrata sulla storia d’amore, ma non è smielata come avevo temuto, anzi. Non diventa tale nemmeno quando sono ormai chiari ad entrambi i sentimenti che provano l’uno per l’altra e soprattutto, (solo per questo ci vogliono 20 punti per l’autrice) mancano le scene hot che ormai da parecchio tempo sembrano essere diventate onnipresenti. La Premoli ha finalmente dimostrato che è possibile creare un libro splendido anche senza!
In alcuni punti il romanzo risulta un po’ irrealistico, ma la cosa non arreca fastidio poiché lo stesso stile usato dall’autrice (per niente serio) aiuta a distaccarsi dalla realtà restando però, sempre nel verosimile.
La protagonista è splendida: forte, ironica, determinata, sicura e non la solita timida inetta. Anche Ian è molto ben caratterizzato (pur se in maniera minore); mi sarebbe piaciuto leggere parte degli avvenimenti dal suo punto di vista. Per quanto riguarda i personaggi secondari sono appena accennati e a volte addirittura interscambiabili (ad esempio Vera e Laura), ma pazienza, in fondo il romanzo è incentrato sulla coppia.
Probabilmente l’aspetto che più mi ha fatto amare questo libro è il modo in cui è scritto: fresco, scorrevole, ironico, spesso divertente.
Naturalmente non si tratta di un capolavoro, ma è un ottimo testo per passare un po’ di tempo in totale relax e l’ho trovato decisamente migliore di molti altri volumi che pretendevano di essere dei “grandi” libri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Someonewhoread_    01 Mag, 2014

Amore a prima vista!


Questo libro? Una favola, un piccolo gioiello.
Una storia che, anche se non brilla di originalità, ti lascia col fiato sospeso fino alla fine!
Una serie di avvenimenti comici e romantici incorniciano la storia di amore/odio di Jenny e Ian!

Anna Premoli è riuscita a creare un piccolo capolavoro, degno del premio Bancarella, usando una scrittura semplice, senza perdersi in descrizioni futili e inutile, e usando le parole adatte!

Un libro da inguaribili romantiche. Tutto al femminile.
Chi meglio di una donna può addentrarsi nella mente indaffarata e intelligente di Jennifer Percy?

Ian è tutto d'amare. Un uomo raffinato e super sexy, proprio ciò di cui ha bisogno una lettrice accanita con la testa tra le nuvole!

Ho fulminato questo libro in un giorno, solo per intenderci, e lo farete anche voi! Perché non si può non amare "ti prego lasciati odiare"!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
romanzi rosa, lo consiglio inoltre a chi ama l' happyend
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    17 Marzo, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un libro davvero divertente!!!

Anna Premoli sa scrivere molto bene ed è stato piacevole leggere il suo libro.
La trama può sembrare molto simile ad altre, due persone che si odiano ma forse in realtà quell'odio è amore..ma la cosa davvero sorprendente è lo stile della scrittrice, che questa storia te la fa diventare divertente,romantica e non banale.
Comunque se ha vinto il premio bancarella un motivo ci sarà!
Lo consiglio!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
per chi vuole un storia romantica e divertente
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Alis94 Opinione inserita da Alis94    27 Ottobre, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ti prego, lasciati ..... Amare !!

Ho acquistato questo libro non solo per le recensioni buone che ha ma soprattutto perché sembrava raccontare una storia che in un certo senso mi rispecchiava.
Non ha deluso le mie aspettative, è stato invece piacevole dall'inizio alla fine.
È vero la storia in se è banale e quasi scontata (il finale si sa com'è) però ciò che rende valido questo libro è il modo in cui viene raccontata la storia,la protagonista che assume una posizione ironica ,determinata apparentemente ma che si lascia andare facilmente dall'istinto.
Ho apprezzato il fatto che è ambientato in un tempo moderno e anche il dettaglio che differenzia i due protagonisti : lei appartenente ad una classe sociale medio bassa e lui una specie di riccone pieno di donne.
Ciò fa riflettere molto su questo amore apparentemente impossibile che spesso sembra essere un ostacolo tra i due tanto diversi ma alla fine uguali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
phoebe1976 Opinione inserita da phoebe1976    11 Settembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ti prego lasciati odiare. Ok, fatto. Ed ora?

Ci sono libri che in genere non leggo, non perché io sia snob ma solo perché ho la certezza che non abbiano la possibilità di piacermi. Questi sono quelli cosiddetti smielati o con titoli che richiamino una impennata improvvisa della glicemia: non fanno per me, gli Harmony e tutti i loro derivati non fanno per me. Sia chiaro, massimo rispetto per chi li legge, ma soprattutto li scrive, ma io anche no.

E lo dico da fervente ammiratrice di Sophie Kinsella, che ritengo una grande ed ironica scrittrice: divertente, mai banale, con una scrittura fluente e amabile, la Kinsella dà lustro ad un genere, la letteratura d’evasione rosa, ingiustamente bistrattato e relegato a letteratura da donnicciole.

Ora, nonostante la mia avversione non ho potuto non seguire la vicenda letteraria dell’estate: la vittoria di Ti prego lasciati odiare di Anna Premoli del Premio Bancarella. Ora, quando l’ho sentito ho pensato due cose:
- Forse il titolo e la copertina sono ingannevoli, un po’ come per The eternal sunshine of the spotless mind, tramutato nell’orribile Se mi lasci ti cancello da un titolista ubriaco e spacciato per una storiella romantica quando invece era ben altro.
- Forse con Premio Bancarella si intende il best seller delle bancarelle “Tutto a 2 euro” che vendono libri di seconda mano. Che poi non ci trovo mai niente, l’ultimo acquisto che c’ho fatto è stata “La signora delle camelie” quando avevo 12 anni (e non c’erano gli euro, come sono anziana…)

Fattostà che la mia perplessità non ha trovato accoliti, e sfogliando l’albo d’oro del Premio Bancarella c’è da chiedersi come mai. O forse no, visto che vi figurano (per dire) Marcello Simoni e Bruno Vespa, seppur accanto a Elisabeth Strout e Donato Carrisi. Per citarne alcuni recenti, chiaramente. A caso. altrimenti ci troverete pure Hemingway, tanto per scomodare un signor Nessuno.
L’unica stroncatura che ho trovato è stata quella di Pippo Russo, capitatami per sbaglio tra le notifiche di Facebook e, ho scoperto poi essere diventata quasi virale.

Ma prima di criticare un libro, specialmente di una autrice che non conosco, occorre sempre documentarsi e buttarsi nell’opera incriminata. Potrà mai essere così orribile? Così indecoroso?
E così l’ho letto.
Tutto.
Giuro.
Anche se il finale proprio no.
Ma già a metà rimpiangevo ardentemente gli Harmony che a dodici anni rubavo dalla libreria della zia, dove insopportabili colleghi di lavoro bonazzi convertivano con il calore del proprio corpo animale (per non dire del proprio membro vibrante) la più riottosa delle colleghe zitelle, trasformandola in un agnellino adorante ed implorante.
E invece noia. Moltissima noia. Sembra che un bacio possa scatenare nella protagonista una tempesta ormonale capace di farle uscire un gigantesco brufolo sul naso. Che poi può anche essere, ma lo devi sapere descrivere; non è che tutti nasciamo Jane Austen. Insomma, per essere un romanzo rosa senza la benché minima ironia è decisamente troppo casto per me.
E non è l’unico problema:
1.La grammatica. Ragazzi, la grammatica è importante. Non me ne frega nulla se per molti l’italiano è una lingua in evoluzione, se sta involvendo nella mitica forma codificata dagli sms o se il congiuntivo è noioso. Se tu vuoi fare lo scrittore DEVI padroneggiare la lingua italiana e non scrivere “c’è” al posto di “ce”. E la concordanza dei tempi non può essere una mera opinione, caro mio. Finché si tratta di un libro straniero, si può sempre prendere a male parole il traduttore (molte volte a ragione), ma io che leggo certi strafalcioni in un libro italiano me la devo prendere con la scrittrice o con l’editor?
2.La storia è davvero senza senso. Non surreale, altrimenti mi sarebbe anche potuta piacere: proprio senza senso. La protagonista dice e fa cose totalmente irragionevoli, incomprensibili ai lettori dotati di intelligenza media e anche a quelli sotto la media. Che poi, la storia è così scema che non ti viene nemmeno voglia di prendere la protagonista a martellate sulla testa quando fa una cavolata. Per non parlare della psicologia dei personaggi, proprio non pervenuta. Specialmente quelli di contorno son tagliati col coltello, senza sfaccettature, senza un briciolo di lavoro sul personaggio
3.Lo stile: NON CI SIAMO. A volte ho avuto la sensazione di leggere un romanzo scritto da una ragazzina venuta su tra Harmony e chick-lit scadente. Va bene utilizzare uno stile fluido e scorrevole, però un minimo di originalità, un guizzo nella trama, un punto di svolta, una descrizione esaltante… no, niente. Noia. Buio. Si legge in un giorno, sono d’accordo. Perfetto per l’ombrellone, è vero. Ma non è che questi siano complimenti, eh.

Non vorrei essere fraintesa: io Anna Premoli non la conosco, è il suo primo libro che leggo e rischio di diventare come uno di quegli avventori di bar che si sentono tutti allenatori della Nazionale senza aver mai tirato un calcio al pallone. In fondo leggendo la sua storia mi sta anche simpatica, si è autoprodotta il libro in ebook e per questo la stimo; solo dopo è arrivata la Newton e il Premio Bancarella.
Non è certo la classica raccomandata in stile Moccia, né la ragazzina torbida che pubblica romanzetti scollacciati.
Però il Premio Bancarella è ridotto davvero male, poraccio…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
gli Harmony, e li trova un filino complicati
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lady Aileen Opinione inserita da Lady Aileen    18 Agosto, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore e Odio due facce della stessa medaglia

Ti prego lasciati odiare è un delizioso romanzo chick lit che vede protagonista Jennifer Percy, avvocato fiscalista di una grande banca di Londra, intelligente, ironica, esteticamente normale ma da sette anni in competizione con il suo collega Ian St. John, bellissimo, nobile, ricco ma tanto presuntuoso e indisponente.
Non fanno altro che punzecchiarsi e farsi la guerra ma un bel giorno sono costretti a lavorare insieme ed è a questo punto che cominciano i guai...
Le vicende sono narrate in prima persona (unico punto di vista) da Jennifer e sono ambientate a Londra (salvo per i chiari riferimenti toponomastici in realtà potrebbe essere ambientata ovunque).
Ho apprezzato la caratterizzazione dei due protagonisti soprattutto il sarcasmo di Jennifer e la determinazione di Ian. E' vero che la trama non presenta colpi di scena e procede su un binario scontato ma devo ammettere che ho trascorso delle ore davvero piacevoli.
Trovo sia una perfetta lettura di svago (e tale dovrebbe essere considerata) adatta se siete in un periodo in cui vi sentite giù di morale o troppo stressati.
Mi piace lo stile di quest'autrice perché riesce davvero a coinvolgerti e senza accorgermene sei già arrivata alla fine del romanzo: leggero, frizzante, ironico, scorrevole e divertente.
Una storia romantica da portare in spiaggia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    29 Luglio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Premio Bancarella 2013!

Cariche dello stesso segno si respingono

Ian St John (“un uomo oggettivamente, fastidiosamente bello … i giornali scandalistici scrivono spesso di lui: un nobile, un futuro duca, l’erede principale di un impero …”) e Jennifer sono colleghi in una banca d’affari: lui economista, lei avvocato fiscalista.
In passato si sono scontrati per ambizione. Jennifer ha addirittura rotto il naso a Ian in un eccesso d’ira.
Si odiano, si detestano: ogni occasione è buona per litigare, rimbeccarsi, sprigionare astio.
Origine di tanta repulsione, verosimilmente, è un principio dell’elettromagnetismo: le cariche dello stesso segno si respingono; perché entrambi gli antagonisti sono testardi, volitivi, intelligenti, affascinanti, carismatici.
Poi un bel giorno sono costretti a lavorare insieme, per propiziare gli affari di un riccastro (“Beverly … ha preteso di avere anche Ian perché quello che vuole è avere un futuro duca come genero”). Inevitabile che dall’occasione di lavoro ‘gomito a gomito’ scocchino le scintille che fanno due pietre focaie quando cozzano l’una contro l’altra. Poi però, tra mille scintille, stringono un patto: lei fingerà di essere la sua fidanzata per tenergli alla larga un codazzo di ragazze disposte a tutto (“Le altre sono portate a credere che se ti frequento, allora deve essere per forza una cosa seria”), lui le lascerà campo libero in azienda
(“E in cambio tu giri lontano dai miei progetti e su Beverly mi lasci carta bianca”).

Poli opposti si attraggono

Ma l’elementare principio dell’elettromagnetismo sopra ricordato può anche essere letto in senso complementare: e allora diventa “poli opposti si attraggono”. Che poi, nel buon senso dei proverbi, assomiglia a “Chi disprezza, compra”. E, nell’eleganza dei detti classici, richiama “Odi et amo” dei poeti latini.
Ian e Jennifer sono poli opposti perché provengono da famiglie antitetiche (“Immagino che nella sua famiglia si saranno scelti le mogli più belle dell’intero Paese, con un notevole incremento … del tasso estetico generale, mentre nella mia è da generazioni che i partner si scelgono per il cervello tralasciando del tutto l’aspetto fisico”).
Nelle vene di Ian scorre il sangue blu della nobiltà e della tradizione che ha in un nonno despota il suo padre-padrone (“Il duca di Revington siede maestoso sul suo cavallo nero. Bellissimo, non c’è che dire, il suo aspetto incute timore quasi quanto il suo padrone”).
Le arterie di Jennifer trasportano il sangue rosso del progressismo, dell’informalità, dell’ambientalismo (“Il mio fratellone medico … lavora per Amnesty International .. e mia sorella Stacey … avvocato … offre patrocinio gratuito a chi non può permettersi un legame … io sono un avvocato fiscalista! Ai loro occhi aiuto i ricchi a diventare ancor più ricchi … sono quasi una sorta di satana in gonnella”).
Conclusione: “Veniamo da due famiglie totalmente diverse ma in qualche modo sentiamo lo stesso peso sulle spalle”.

La sintesi

Per il Premio Bancarella 2013 una sintesi finale che faccia tutti contenti, però, è possibile.
Grazie alla magia della favola più canonica: quella che prevede che – dopo tanto guerreggiare – la pace abbia lo straordinario sapore del trionfo, tanto più se il Principe (dall’occhio straordinariamente) Azzurro riesce a inginocchiarsi dinnanzi alla sua Cenerentola e paga pegno (un diamante di cinque carati!) di fedeltà eterna.
E vissero felici e contenti, verrebbe da concludere con la più banale delle formule narrative. Ed è proprio così, nel 2013 è ancora così: anche per i lettori, che finalmente possono incanalare tutte le loro pulsioni più elementari e basiche (la voglia di sogno, il desiderio di tenerezza, ecc.) in una storia romantica che riesce a far sorridere come la più bella e spensierata delle commedie americane.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... commedie, romance, fiabe!
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Iry Opinione inserita da Iry    02 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Semplicità

Il classico libro da compagnia, che ti fa sorridere, l'avete mai letto? Beh, "Ti prego lasciati odiare" è sicuramente uno di quei libri. Jennifer e Ian si odiano, ma se quell'odio fosse amore? Costretti a lavorare a duro contatto, i due scoprono la fatale attrazione. Ma si sà, l'amore non è mai semplice, soprattutto, se ci si rifiuta di innamorarsi di una persona che si credeva di odiare! Ho trovato questo libro molto semplice, scorrevole e piacevole. Un libro leggero, senza pretese che vi farà ridere ed innamorare di questi personaggi un po' fuori dagli schemi. Si, il protagonista maschile è un protagonista visto e rivisto in diversi libri ma, la protagonista femminile, è finalmente fuori dagli schemi. Consiglio questo libro a chi ama i romanzi semplici e romantici.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    13 Mag, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amici/ nemici....

Quando si vuole scaricarsi da una grande quantità di letture gialle/ noir con il peso psicologico che possano avere sulla mente, si ci può avviare verso un libro leggero e simpatico di questo tipo.
Scarica psicologicamente e dona una vivace carica intellettiva.
Anche la storia non è male: Jenniffer e Jan si occupano entrambi di affari bancari, ma non si sopportano e cercano in qualche modo di sabotare la vita professionale l'uno dell'altra...
Fra dispetti e sgambetti quotidiani, il risentimento di entrambi cresce e così l'antipatia...finchè un giorno si trovano a dover collaborare a un progetto comune, nella convivenza lavorativa nascono occcasioni di cene e contatti più confidenziali.
Jan è uno scapolo desiderato e sciupafemmine, perciò la sua frequentazione con Jenniffer viene scambiata per qualcosa di più di un rapporto lavorativo; in tal modo i due amici-nemici finiscono sul giornale scandalistico, con grande disappunto iroso di lei che non vuole affatto essere associata a un uomo che avverte di disprezzare profondamente..
Ma la notizia scandalistica ha invece giovato a Jan, allontanandogli le probabili e fameliche fans...
per questo le propone di fingersi la sua fidanzata...
Jenniffer accetterà "la sua proposta indecente" che aprirà ad entrambi le porte...per un rapporto....sempre più vicino, romantico e inatteso idillio...
"Chi disprezza ama" recita un antico detto.
Oddio a me non è mai successo, ostinata e prevedibile come sono, corretta fino allo spasimo...
Ciò che amo... lo amo e ciò che non amo...lo odio, senza coinvolgimente fra mente e cuore...
Però devo ammettere che alcune persone scambiano l'odio con l'amore o lo mescolano fino a farlo diventare tutt'uno...
Tutto è possibile e nel complicato processo di identificazione romantica, si può facilmente scambiare un'antipatia per un sentimento che invece è un ponte verso l'amore...
Consigliato.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Letteratura rosa...
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Girlonfire Opinione inserita da Girlonfire    12 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

CARINO E SIMPATICO!

sono stata subito colpita dalla trama di questo libro.
la scrittrice non proponeva nulla di nuovo ma sembrava essere carino.
Con questo ho superato me stessa: l'ho letto in due giorni quando l'avrei potuto leggere in uno soltanto.
Il libro mi è piaciuto molto soprattutto perché lo scontro tra i due era molto divertente e durante la lettura non si può fare a meno che sorridere.
Non l'ho trovato per niente noioso come qualcuno dice e nemmeno banale. Certo non sarà il massimo, nemmeno uno dei libri più belli che ho letto, ma sicuramente merita attenzioni :)
Vale la pena leggerlo, tanto non si perde nulla!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a coloro che non voglio leggere nulla di impegnativo
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Adelia    07 Aprile, 2013

Attenzione al passaparola!

Una storia già sentita, non c'è nulla di originale, banale e alla fine risulta pure noiosa... Non trasmette al lettore nessuna emozione, ma il rammarico per la cattiva scelta. Infatti non comprendo questo successo del passaparola per una commedia che vedrei bene interpretata da Hug Grant e Renee Zellwegher... Non lo consiglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    05 Aprile, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanticismo 'diverso al punto giusto'

Ammetto che il primo approccio con questo romanzo non è stato dei più idilliaci; mi era bastata una fugace lettura del titolo per etichettarlo superficialmente come un banale 'romanzo rosa' di dubbia qualità.
Bene, mai detto popolare fu più azzeccato de 'l'apparenza inganna'.

Un plauso all'autrice ('in erba', ma con una maturità letteraria da scrittrice navigata) per aver steso una trama innovativa, scostandosi abilmente dal romanticismo 'trito e ritrito', ponendo difatti in primo piano due personaggi antitetici che si odiano-amano in maniera tutt'altro che ovvia e scontata.

Un altro punto di forza riguarda lo stile, che risulta semplice, basilare e frizzantino al punto giusto, proprio con l'obiettivo di coinvolgere appieno il lettore e di rendere la lettura piacevole e spensierata. Obiettivo pienamente raggiunto, anche perchè il romanzo non appare mai 'pesante' e si fa leggere con relativa facilità.

Completano la presentazione i protagonisti costruiti in maniera eccellente, nonostante il romanzo sia scritto in prima persona, ed un'ambientazione in chiave moderna, proprio a voler confermare quanto la vicenda voglia essere attuale e contemporanea.

In fondo, chi di noi non ha sul posto di lavoro un/a collega odioso/a, supponente e la cui semplice visione fisica ci fa covare progetti assassini? ... E se, in realtà... proprio quella persona fosse...

Lascio a voi l'onere e l'onore di concludere quest'ultima frase, ma non prima di aver letto il romanzo. Da leggere tutto d'un fiato, preferibilmente senza pregiudizi simili ai miei.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
piccicuia Opinione inserita da piccicuia    01 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

AMICA DEL PASSAPAROLA

Ok, trama interessante, scrittrice nuova ed italiana..
Lo compro. Lo leggo nel giro di un giorno (tanto era scorrevole) e lo chiudo. Solo per riaprirlo qualche secondo dopo per imprimere nella mia memoria le battute più interessanti.
Il tutto con un sorriso enorme sulle labbra e con lo sguardo esasperato di mia madre preoccupata del fatto che mi piacciano più i libri che le persone.
E non sbaglia assolutamente a pensarlo!

Non avevo riposto fede in questo libro perchè l'autrice è italiana e forse non credevo fosse possibile che qualcuno della mia stessa patria fosse in grado di scrivere una tale opera:
sarcastica, emozionante, infinitamente divertente e romantica seppur l'ambiente "molto" professionale... Lo stile è molto vicino a quello della Kinsella. E lo consiglio a qualunque ragazza, adolescente o non, anche se il finale è a dir poco presumibile. Anzi, trasparente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chiunque!
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    10 Marzo, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

TI PREGO LASCIATI ODIARE

Ti prego lasciati odiare!
Si è questo il titolo di un libro molto carino che ho letto recentemente. L'ho acquistato incuriosità dal fatto che sia diventato un successo grazie al passaparola dei lettori, secondo me questo era un punto a suo favore.
I protagonisti della storia sono Jennifer e Ian due colleghi di lavoro di una importante banca d'affari di Londra, per parecchi anni si fanno la guerra finchè un giorno devono lavorare a un progetto comune per un ricco cliente e da lì inizieranno a frequentarsi sempre di più e i loro rapporti cambiano radicalmente.
Una lettera piacevole, un antistress garantito una storia molto romantica che ti mette di buon umore magari dopo una giornata faticosa.
Jen e Ian sono due persone completamente diverse, ma nonostante questo sono molto attratti uno dall'altra anche se non lo amettono con loro stessi, soprattutto Jennifer faticherà non poco a rendersi conto dei sentimenti che prova.
Anna Premoli però racconta una storia già vista già sentita e se si legge la trama si può sicuramente immaginare il finale, nonostante questo il libro è una piacevole lettura e è scritto molto bene considerando che lei non lo fa per lavoro.
Lo consiglio a tutti e diciamoci la verità in particolare a noi lettrici piaccono sempre queste storie molto romantiche e appassionate.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Rizzolini Opinione inserita da Rizzolini    03 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

romantico e divertente

Premettendo che ovviamente non è una lettura di grande livello, ho adorato questo romanzo!!!!
L'ho letto in poco più di 5 ore filate e sono state 5 ore di liberazione!
La storia non è delle più fantasiose e i protagonisti sono abbastanza stereotipati, ma la scrittura è scorrevole, semplice e mai volgare!
Inoltre è decisamente divertente! Spesso durante la lettura (nel cuore della notte, una notte decisamente insonne) mi ritrovavo a ridere come una scema, mentre in altri punti mi ha fatto abbastanza commuovere, esattamente ciò di cui avevo bisogno quella sera e che speravo di trovare in quel libro!
Consigliatissimo!!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
romanzi d'amore e a chi ha bisogno di staccare
Trovi utile questa opinione? 
72
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Sophie Opinione inserita da Sophie    03 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Divertente e romantico...

Proprio un bel romanzo, la cosa che più mi è piaciuta e' che mi sono spesso ritrovata a. ridere come una pazza di notte mente leggevo alcune frasi, all'inizio poche ma poi via via si fa più divertente e allo stesso tempo la storia appassiona e ci fa sognare...
Consiglio di leggero, e' davvero scorrevole, io curiosa l'ho letto tutto in un giorno ( andando a letto molto, troppo, tardi), non riusivo a smettere a metà!
L'unica cosa che però devo aggiungere e': perché in tutti i romanzi che al momento mi ritrovo a leggere lui è sempre bellissimo, ricchissimo, non si è mai innamorato prima, e lei carina intelligente che gli da filo da torcere?cioe' esiste un libro in cui lui è un poveraccio e tutto risulta comunque romanico e passionale?se si ditemi il titolo per favore! Sono curiosa!
Altra piccola curiosità...in tutti i libri lui ha sempre "una ribelle ciocca di capelli"? Bah...
Buona lettura!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Luigi    02 Marzo, 2013

Rende allegra la lettura

Questa e' una lettura senza pretese, dove una persona si impegna a leggere una storia che lo avvolgerà sino alla fine per la semplice dialettica e per gli avvenimenti umoristici che si moltiplicano.
Il racconto in fondo non è niente di articolato, ma gli avvenimenti sono di una naturalezza unica che hanno la possibilità di presentarsi ad ognuno.
La fine e' scontata ma è' l'evoluzione dei fatti che sono possibili nella realtà, a far si che la storia assuma una sfaccettatura divertente e possibile. Quindi il lettore si porta nella lettura chiedendosi sempre se i protagonisti avrebbero sviluppato le loro emozioni come avrebbero potuto farlo loro nelle condizioni simili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I libri di Josie Lloyd /Emlyn Rees (chissà se stai dormendo.... Chissà se sono svegli.... Settimo anno...ecc.) o Kathy Lette (mucche pazze....)
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Baobab Opinione inserita da Baobab    30 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mi ha fatto sorridere, il che non guasta mai

Prima di dirvi la mia, vorrei premettere un paio di cose.
Come prima cosa, sono un'amante dei libri che parlano di storie di odio/amore (colpa della mia amica Jane e del suo Orgoglio e Pregiudizio!) e questo fa di me una persona di parte.
D'altro canto, avendo letto (e visto) di tutto e di più sull'argomento è difficile che riesca ancora a trovare libri del genere che mi piacciano. Ma...questo mi è piaciuto!
Ok, ero (e sono) in fuga dalla mia realtà e mi nascondo vigliaccamente nei libri, per cui le 6 ore e mezzo filate (6 ore e mezzo di pace!) che ho impiegato per leggerlo, sono solo in parte un buon indicatore di quanto sia bello il libro, ma di sicuro lasciano intendere quanto sia scorrevole!
La trama è la solita, abbastanza standard in questo tipo di romanzi, per cui è nel contorno che un libro così può scadere oppure risultare piacevole!
Un errore in cui cadono parecchi scrittori (a mio avviso) è quello di far diventare questi libri dalla metà in poi, mielosi. Questo non è il caso (alleluja!)!
Come è giusto che sia i due mantengono molto dei loro atteggiamenti anche dopo aver scoperto i loro sentimenti (ti sei innamorato, non hai mica perso la spina dorsale!), si punzecchiano ancora, litigano ancora e lui, ci viene presentato come arrogantello e ironico all'inizio del libro e ci rimane, non diventa budinoso melenso e zuccheroso!Un punto per l'autrice!
Relativamente alla sua 'non-mielosità' c'è anche da dire che essendo scritto in prima persona l'autrice ci permette di sentire i pensieri di lei, che spesso mi hanno fatto sorridere se non, giuro, addirittura ridere (il pezzo delle oche nel giardino dei genitori ad esempio, chiunque abbai avuto un faccia a faccia con loro non puoi non essersi riconosciuto nei pensieri di lei).Un altro punto per Anna!
E poi, il libro non mi ha annoiato, dalla scoperta dei loro sentimenti fino all'happy-ending non mi sono trovata annoiata dalle solite scene, le pagine sono volate via, non saprei neanche bene dire cosa succede in quelle 100 pagine, talmente le ho buttate giù di corsa.
Insomma il libro è buono.
E' leggero, ovvimante, non si tratta di letteratura impegativa, ma mi è piaciuto!Brava.
Una nota che mi sento di fare è che, come ho letto anche sotto di me, questo passaggio di 'sei mesi dopo' o 'due settimane dopo' infastidisce un pò, capisco le necessità dell'autrice di far passare del tempo, ma non è bello per una persona che sta leggendo, perdersi 6 mesi dei suoi protagonisti così!PUFF, di punto in bianco!
Comunque, non le toglierò nessun punto per questo, la perdonerò, mi sta simpatica!

Ben fatto a lei e buona lettura a voi!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Chiara    15 Gennaio, 2013

Solita montatura pubblicitaria

Lo stile del libro è scorrevole ed è quindi una lettura adatta per chi vuole distrarsi qualche ora.
Ci sono però delle incongruenze terribili nella trama e nella caratterizzazione dei personaggi, che sono tutti stereotipati e psicolabili, vista la facilità con cui cambiano opinione.
Gli scambi di battute sono pietosi, a differenza di quello che si penserebbe all'inizio, vista l'autocelebrazione della protagonista... "Oh, come sono intelligente! Con questa battuta l'ho proprio steso!"
Per non parlare della pessima immagine della donna che ne esce fuori, come se essere bella fosse sinonimo di stupidità e inconsistenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Il libro precedente dell'autrice.
Trovi utile questa opinione? 
33
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    11 Gennaio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ti prego, lasciati ... odiare

Ho appena finito di leggere uno spassosissimo chick lit che mi ha divertita, rilassata e fatta pensare all’amore. È un romanzo made in Italy, scritto da Anna Premoli.
Il titolo è così simpatico che non consente di lasciarselo sfuggire: “Ti prego, lasciati odiare”. C’è più amore in un titolo così che in molti altri che ne contengono esplicitamente la parola.
Lo stile di Anna Premoli, costituito da simpatiche riflessioni e spassosi dialoghi, è degno di competere con le maestre americane di questo genere, tutto femminile, con donne in carriera, un po’ incasinate, cui manca soltanto l’amore per essere completamente felici. E nel finale, l’happy ending è sempre garantito. Una lettura leggera, divertente, con colpi di scena e briose situazioni per assicurare il buon umore.
L’ambientazione magica di questa favola contemporanea è Londra, che alterna uffici a parchi nel verde, dove la vita è dinamica, ma con stile, dove è facile incontrarsi e scontrarsi.
Jennifer e Ian sono una coppia imperfetta, proprio perché troppo diversi e combattivi. Sul lavoro, si odiano, si scontrano. Se uno dice bianco, l’altra dice nero. Se lei pensa che si può fare, lui è fortemente contrario. Attraenti, intelligenti, testardi: sono praticamente fatti per stare insieme, come le due facce di una stessa medaglia, soltanto che non riescono ad ammetterlo.
Se non fosse per un cliente, molto facoltoso, che li vuole a collaborare nello stesso progetto, la loro conoscenza sarebbe rimasta soltanto superficiale e invece l’amore è dietro la porta, anche per una come Jenny che l’amore non sa cosa sia.
Si resta legati alle pagine di questo romanzo romantico, dove i protagonisti giocano con l’amore.
“Ti prego, lasciati odiare” è un ottimo antistress contro il grigiore della quotidianità. Ve lo consiglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
152
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Eliana    10 Gennaio, 2013

viva l'ironia

per essere il primo libro posso dirlo: la scrittrice ci sa fare! il libro è piacevole anzi molto più che piacevole... i dialoghi tra i protagonisti soprattutto all'inizio sono fenomenali e alcune volte mi ricordavano vagamente lizzy e Mr Darcy di Orgoglio e Pregiudizio! l'ironia fa da padrone e ogni tanto c'è quel romanticismo che in libri del genere non può certo mancare. Promosso!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ama l'ironia molto british e quel tanto di romanticismo che male non fa
Trovi utile questa opinione? 
33
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Foschia75 Opinione inserita da Foschia75    08 Gennaio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

concentrato di ironia pungente e attrazione incalz

Soffro di una malattia che mi era del tutto sconosciuta, quella da amore impossibile.
L'amore che sento per Ian è così radicato dentro di me che quasi non riesco a funzionare, sospetto persino di non riuscire a ragionare, in qualche momento.
E' abbastanza patetico arrivare a trentatrè anni e scoprire cosa vuol dire innamorarsi davvero.


Ironia, sarcasmo e una dirompente dose di attrazione incollano il lettore alle pagine, come una droga.
Questo è un libro-terapia, uno di quelli che ti regalano risate, battiti del cuore e una piacevole e appagante fuga dalla realtà. Una favola moderna, ambientata a Londra. Due persone talmente diverse per carattere e stile di vita, che l'unico modo per convivere nello stesso ambiente lavorativo, sembra quello di dichiararsi guerra all'ultima battuta e all'ultimo dispetto. Sette anni nella stessa società, nemici giurati fino a quando il capo non li obbliga a lavorare a stretto contatto per un cliente molto influente.
Come se non bastasse, i due stringono un patto nel quale, in cambio di un finto fidanzamento, Jenny otterrà carta bianca sul cliente da parte di Ian. Avrà inizio una collaborazione non proprio pacifica che piano piano avvicinerà inesorabilmente i due giovani al punto di non ritorno.... l'Amore, quello inaspettato e tanto temuto, quello che entra nella tua vita senza bussare e che subdolamente si cela dietro accesi litigi e scambi di vedute che più diverse non potrebbero essere. Potranno mai, due caratteri così forti, trovare il modo di far battere i cuori all'unisono? E se di mezzo ci fossero due famiglie davvero "singolari", a rendere ancor più tortuoso il cammino verso la presa di coscenza, che dietro quello che pensavi fosse odio, si nascondeva qualcosa di ancora più allarmante? Si, perché lì dove ci sono tanti litigi.... c'è anche tanta passione. Jennifer è una donna davvero caparbia quando si tratta di nascondere la realtà anche a se stessa, laddove è chiaro a tutti che il loro non è più un normale rapporto di lavoro. Lei è l'ultima ad accorgersi che Ian non la guarda più con sufficienza, ma ha una luce tutta diversa nello sguardo. Come se il centro del suo universo fosse lei. Dovrà faticare come mai in vita sua per farle capire che l'unico modo per funzionare, è stare insieme. Dopo una pausa di riflessione forzata, si renderà conto che senza Ian non riesce più a sorridere. E come in tutte le favole che si rispettino, anche lei avrà la sua romantica dichiarazione d'amore vecchio stile, con anello e matrimonio in grande stile. Bello, intenso e divertente. Una favola moderna che si legge e rilegge nel tempo. Scritto talmente bene, che è difficle pensare al frutto del lavoro di un'esordiente (o quasi...).
Avete bisogno di qualcosa simile ad un massaggio, una temporanea fuga dalla quotidianità?
Allora sono convinta che Ti prego lasciati odiare sia quello che ci vuole!
Grazie all'autrice per avermi fatto ridere e tremare con questi suoi caparbi e vividi personaggi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi sta cercando una lettura leggera, carezzevole e ironica. Un chick-lit da leggere e rileggere
Trovi utile questa opinione? 
191
Segnala questa recensione ad un moderatore
25 risultati - visualizzati 1 - 25
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'amore fa miracoli
La piccola bottega di Parigi
Il traghettatore
Un tè a Chaverton House
Tutto ciò che il paradiso permette
Baci da Polignano
La forza della natura
Non essere ridicola
Divino amore
Volevo essere una vedova
L'amore secondo me
Il calore della neve
L'amore a vent'anni
Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli
Se mi guardo da fuori
L'amore è sempre in ritardo