Narrativa straniera Classici Al Paradiso delle signore
 

Al Paradiso delle signore Al Paradiso delle signore

Al Paradiso delle signore

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Il paradiso delle signore è un grande magazzino della Parigi fin-desiècle che fagocita una clientela smaniosa ed entusiasta. Ammiccanti vetrine e rutilanti cartelloni pubblicitari spiccano in questo tempio del nuovo commercio in cui si celebra la scalata nel mondo degli affari di Octave Mouret, commesso intraprendente e spregiudicato, e di Denise, tenace orfana di provincia, che tra i reparti colmi di merci troveranno l'amore e il riscatto sociale.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Al Paradiso delle signore 2019-10-08 22:20:20 cristiano75
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
cristiano75 Opinione inserita da cristiano75    09 Ottobre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tedio e noia

Precursore dei tempi. Un libro che è riuscito nella non indifferente impresa, di uccidermi ogni fantasia di continuare la lettura del ciclo di romanzi denominati dallo scrittore del "Rougon-Macquart".
Praticamente agli albori del consumismo più sfrenato di massa, riservato naturalmente a chi ha le capacità economiche di stare appresso a mode e sfizi, l'autore inizia una filippica di caratteri epocali volta a metterci in guardia dai danni del consumismo.
Siamo nella Parigi dei lustrini e delle luci, dove interi quartieri, case, palazzi, strade vengono profondamente modificati, se non distrutti, per far posto appunto ai primi prototipi di centri commerciali.
Diciamo che di certo l'autore non ci va giù leggero, con le femmine e il maniacale impulso a comprare, spendere, riempire la propria vita di oggetti.
Difatti il così paventato "paradiso dello signore" del titolo, non è altro che un enorme fecondo ventre di un commercio infinito di oggetti, vestiti, profumi e tutto ciò che riempie le esistenze che non trovano altro che godimento nell'effimero.
Un libro che dall'inizio alla fine non fa altro che ripetere sempre gli stessi concetti. Come vedersi un paio di milioni di puntate di Beautiful e poi capire che dei protagonisti non è cambiato nulla, come se il tempo per loro facesse un baffo.
Ora dopo questa lavata di capo del nostro Zola, me ne guardo bene dall'andarmi a comprare un paio di scarpe nuove da ginnastica e anzi mi vado a prendere un buon libro con cui farmi compagnia nelle lunghe sere di solitudine romana.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

Al Paradiso delle signore 2014-10-08 14:52:43 romantica82
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
romantica82 Opinione inserita da romantica82    08 Ottobre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La sperequazione del capitalismo

Zola, si sa, è un grande osservatore della realtà sociale francese della seconda metà dell'Ottocento ed anche in questa opera non tanto conosciuta come l'Assomoir o come l'eroina noire Therese Raquin riesce, con un'acutezza sublime, ad affrescare la nuova realtà economica che il capitalismo ridisegna, caratterizzata dal profondo squilibrio tra chi detiene i mezzi di produzione e chi deve produrre merce, inesorabilmente, senza sosta alcuna, e produrre guadagni per poter vivere ai limiti della sussistenza.
Il Paradiso delle Signore è l'opificio in cui si concretizza questo dualismo economico: da un lato il proprietario, il ricco Mouret, che escogita qualunque mezzo pubblicitario e commerciale pur di massimizzare il profitto derivante dal commercio delle stoffe e di gingilli femminili, dall'altro le commesse, fanciulle proveniente dalle parti più svariate della Francia pur di migliorare la propria condizione economica e che vivono nel soffitto del Paradiso soffrendo fame e freddo e dedicando tutta la propria esistenza alla vendita.
Il Paradiso delle signore è il primo esempio di grande magazzino che nasce al centro di Parigi, prima come piccola realtà, per ampliarsi poi irreversibilmente travolgendo, con una furia distruttiva, le piccole attività artigianali che, con sacrificio, cercavano di contrastare questo tsunami di rinnovamento alla luce del profitto.
Con minuzia certosina l'autore descrive la trasformazione sociale e finanziaria che investe la capitale e ne ridisegna la geografia umana e territoriale penetrando, con il bisturi della scrittura, nelle viscere delle città, tastando gli umori di quel ceto cangiante, qual era il proletariato industriale-commerciale, che subisce il cambiamento, che vede il Paradiso imporsi con prepotenza nelle vite di ognuno e nella stessa morfologia dei luoghi, diventando l'unico ed incontrastato protagonista economico. Intorno a questo mostro pittoresco fatto di pizzi, sete, arazzi, guanti e biancherie di fattezza pregiata tutto è morte e distruzione: il vecchio Bourras, artigiano ombrellaio che è capace di far emergere qualsiasi figura mitologica da un semplice bastone, si aggrappa con le unghie e con i denti alla propria bottega ed inveisce contro il grande magazzino che espande i propri tentacoli strozzando i più indigenti o la famiglia Baudu, venditrice di stoffe, che vede scemare i propri clienti fino a scomparire del tutto.
In questo sfondo si staglia la figura della protagonista, Denise Baudu, giovane ventenne proveniente dalla provincia di Valognes che, per sfamare i due fratelli, entra nel Paradiso delle signore come addetta alla vendita e, dagli stenti iniziali, finisce per diventare punto di riferimento per tutte le commesse ed addirittura del bell'ombroso Mauret, imprenditore e proprietario del negozio, poi suo sposo.
Al di là dell'affascinante favola d'amore di cui Zola, con acume, traccia l'evoluzione cogliendo i sospiri ed i desideri dei due innamorati, la storia di Denise si identifica con la vicenda umana di quelle persone che, con la propria capacità, con lo studio ed anche, mi si consenta, con un pò di fortuna, riescono ad investire sulle proprie attitudini ed operano una scalata sociale formidabile.
Si tratta, dunque, di un vero classico: capace, soprattutto in un periodo come questo, fatto di sperequazione e marginalità, di cogliere i tratti di una società in cui il danaro la fa da padrone.

Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri