Narrativa straniera Classici Il dizionario del diavolo
 

Il dizionario del diavolo Il dizionario del diavolo

Il dizionario del diavolo

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

"Cinico: mascalzone che, a causa di un difetto della vista, vede le cose come realmente sono e non come dovrebbero essere." Tenendo conto del fatto che questo Dizionario del diavolo fu pubblicato per la prima volta nel 1906 con il titolo The Cynic's Word Book (Il vocabolario del cinico), la precedente definizione diventa manifesto programmatico delle intenzioni del suo autore: fornire una serie di aforismi e paradossi che mettano a nudo i vizi e i difetti della società in cui vive, demolendone con tono irriverente gli idoli e le convenzioni. Questo dizionario rappresenta al massimo grado la vena ironica e polemica di Bierce e il suo atteggiamento critico verso la società americana, che egli vede sfigurata dalla corruzione e dall'ipocrisia. Suo bersaglio prediletto resta però il linguaggio, dove, a detta dell'autore, si compiono le peggiori nefandezze.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il dizionario del diavolo 2017-03-04 22:13:50 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    05 Marzo, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ANNO. Una serie di 365 delusioni

«Meglio non fidarsi di te.»
Eravamo alle prime battute della conoscenza. E tu esercitavi il sospetto nei miei confronti. Con il sarcasmo che presupponeva una convinzione di fondo. Intuivi la mia complessità dietro un’apparente bonomia che – anziché tranquillizzarti – ti rendeva diffidente.
«Non comprendo questo tuo atteggiamento difensivo», cercavo di persuaderti con le parole e con gli sguardi. Del resto, come rassicurarti sulle mie migliori intenzioni?
«Acqua cheta rompe i ponti», hai replicato con circospezione.
«Guarda che io sono un mite!», insistevo contraccambiando l’ironia, ma affiorava un principio di affanno.
«Mitezza. La straordinaria pazienza esercitata per poter preparare una vendetta degna di questo nome. Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo.» L’hai detto d’un fiato, al telefono. Immagino scorrendo l’ordine alfabetico di un vocabolario sui generis. Sul momento ho anche pensato al nome dell'autrice, Ambrosia! Nettare degli dei? Allergia?

Fu così che scoprii questo libro. Un vero e proprio abecedario del disinganno. Un testo da consultare occasionalmente per decodificare linguaggi e comportamenti in modo estemporaneo.
Da allora, ogni tanto lo consulto per ottenere qualche spunto critico, per non fermarmi al significato scontato delle parole.

E noi due? Adesso siamo amici. Ogni tanto ci rinfacciamo qualche derivazione, significati impliciti, e dissacrazioni di apparenze…

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il dizionario del diavolo 2010-10-15 10:32:12 NomeUtente
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
NomeUtente Opinione inserita da NomeUtente    15 Ottobre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non può mancare in una libreria "seria"

Innanzi tutto va detto che è un vero e proprio dizionario, con parole e definizioni in ordine alfabetico. Una chicca da tenere in libreria e consultare di tanto in tanto.
Irriverente, sarcastico, cinico, spregiudicato, blasfemo: in una parola, imperdibile.
Un "aforismario" che dal tipo di comicità potremmo definire l'antenato di Spinoza.

Altre parole per descrivere questo libro non ce ne sono, cito solo alcune definizioni per inquadrare il genere:

Cinico. Mascalzone che, a causa di un difetto alla vista, vede le cose come realmente sono e non come dovrebbero essere.
Filosofia. Strada con molte diramazioni, che conduce dal nulla a nessun posto.
Omeopata. L'umorista della professione medica.
Pace. Nel diritto internazionale, si definisce così un periodo di inganni reciproci compreso fra due fasi di combattimento aperto.
Proibito. Investito di un nuovo irresistibile fascino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri