Narrativa straniera Classici Il nostro cuore
 

Il nostro cuore Il nostro cuore

Il nostro cuore

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Questo romanzo, l'ultimo pubblicato (1890) dall'autore prima di precipitare nella follia che lo avrebbe condotto alla morte, raccolse al suo apparire i più larghi consensi della critica. Michèle de Burne, giovane e bella vedova con ambizioni mondane, raccoglie intorno a sé un cenacolo di artisti e uomini di mondo che s'invaghiscono di lei e che lei con abilità trasforma in rispettosi ammiratori. Ma entra nel gruppo André Mariolle, flaneur di qualche talento che conduce una vita piacevolmente senza scopo, e questa volta l'impeto della sua passione vince la saggia ritrosia di Michèle. Dopo lunghi turbamenti, André si sottae alla donna, che non riusciva a corrisponderlo con pari abbandono, per rifugiarsi in campagna tra le braccia di una graziosa governante. Ma Michele va a cercarlo, e André si lascia riconquistare, pur sapendo che non riuscirà a trasformarla secondo i propri desideri.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il nostro cuore 2015-07-30 05:29:50 siti
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
siti Opinione inserita da siti    30 Luglio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ANTICIPAZIONI


Musicisti, romanzieri, artisti di ogni qualità, misti a gente più comune, frequentano il salotto letterario di una giovane vedova. La morte del marito tiranno l’ha resa finalmente indipendente ( nella accezione più moderna del termine) e lei , memore di un’identità defraudata dal sopruso mascolino, si rifà. La sua identità è civettuola, ricorda altri ritratti femminili consegnati a memoria eterna dallo stesso Guy. Come non vedervi insieme la conferma di certi stereotipi già tracciati e di contro la negazione più assoluta di quel suo primo bozzetto regalatoci con la sognante Jeanne di “Una vita”, il suo esordio da romanziere?
Qui si giunge ad una riflessione più matura sulla donna; la civetteria e l’indipendenza intellettuale nonché l’antico gioco della seduzione restituiscono ora una tappa dell’emancipazione femminile che nessun manuale di storia potrà al pari tracciare. “Dopo le sognatrici appassionate e romantiche della restaurazione, dopo le donne di mondo dell’epoca imperiale, convinte della realtà del piacere, ecco apparire una nuova trasformazione di questo eterno femminino: un essere raffinato, di sensibilità indefinita, d’animo inquieto, agitato, irresoluto, che sembrava aver già provato tutte le droghe con cui si calmano e si eccitano i nervi: il cloroformio che abbatte, l’etere e la morfina che fustigano il sogno, spengono i sensi e addormentano le emozioni”. Altresì interessante è la riflessione che Maupassant fa esternare a Lamarthe (alter ego, si pensa di Paul Bourget): “Nei tempi in cui i romanzieri e i poeti le esaltavano e le facevano fantasticare (..) esse cercavano e credevano di trovare nella vita, l’equivalente di quanto il loro cuore aveva presentito nelle letture. Oggi voi vi ostinate a sopprimere tutte le apparenze poetiche e seducenti, per non mostrare che le realtà spoetizzanti. Ora, mio caro, senza amore nei libri, non c’è più amore nella vita. Voi eravate degli inventori d’ ideali, ed essi credevano alle vostre invenzioni. Ora non siete che degli evocatori di realtà precise, e come voi, esse si sono date a credere alla volgarità di tutto.”
Che celi questa tirata una polemica verso il nuovo realismo? Che sia questa tutta la disillusione di un uomo le cui cronache ci hanno lasciato un ritratto impietoso di tombeur de femmes e di misconoscitore della propria prole? Che sia infine la conferma che la latente vena misogina che attraversa gran parte dei suoi romanzi sia , in senso più ampio, una veduta d’insieme dell’intera razza umana, schiava di illusioni e di passioni destinate a durare quanto il soffio della vita? Che sia insomma un’indagine di quel muscolo cardiaco che palpita e sussulta trafitto al di là della nostra volontà?

Gli interrogativi sono tanti, i rimandi letterari pullulano, richiami e anticipazioni mi spingono ora alla rilettura della prima produzione di Federico de Roberto ( altro che verista minore!) e alla agognata lettura della Recherche proustiana.
Maupassant? Ci vediamo presto, i tuoi racconti già mi attendono.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
De Roberto "Documenti Umani"
Proust


Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri