Narrativa straniera Classici La passeggiata
 

La passeggiata La passeggiata

La passeggiata

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La passeggiata (1919) è uno dei testi più perfetti di Walser, il grande scrittore svizzero che ormai, soprattutto dopo la pubblicazione delle sue opere complete, viene posto accanto a Kafka, a Rilke, a Musil – ammesso cioè fra i massimi autori di lingua tedesca del nostro secolo. Ma La passeggiata ha anche un significato peculiare in rapporto a tutta l’opera di Walser: è in certo modo la metafora della sua scrittura nomade, perpetuamente dissociata e abbandonata agli incontri più incongrui, casuali e sorprendenti, come lo è appunto ogni accanito passeggiatore – e tale Walser era –, che abbraccia amorosamente ogni particolare del circostante e insieme lo osserva da una invalicabile distanza, quella del solitario, estraneo a ogni rapporto funzionale col mondo. In un décor di piccola città svizzera, e della campagna che la circonda, il passeggiatore Walser ci guida, con la sua disperata ironia, in un labirinto della mente, abitato da figure disparate, dalle più amabili alle più inquietanti. Da Eichendorff a Mahler, il vagabondaggio è stato un archetipo ricchissimo della più radicale letteratura moderna. Tutta quella grande tradizione sembra condensarsi, quasi clandestinamente, nella Passeggiata di Walser, a cui lo scrittore ci invita col suo irresistibile tono: «Lei non crederà assolutamente possibile che in una placida passeggiata del genere io m’imbatta in giganti, abbia l’onore d’incontrare professori, visiti di passata librai e funzionari di banca, discorra con cantanti e con attrici, pranzi con signore intellettuali, vada per boschi, imposti lettere pericolose e mi azzuffi fieramente con sarti perfidi e ironici. Eppure ciò può avvenire, e io credo che in realtà sia avvenuto».



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La passeggiata 2020-04-08 12:18:24 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    08 Aprile, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La bellezza ovunque

Imbattersi in una scrittura bellissima e profonda succede raramente. Ma Rorert Waler qui realizza questo dono per il lettore che ama lo stile lieve e armonioso, si direbbe da avvicinarsi alla musica.
Una passeggiata, dunque, per immergersi nell'incanto della natura e del paesaggio e lasciar scorrere pensieri profondi, grazie anche all'arte di comunicare serenità e gioia.

Già la partenza avviene "in una disposizione d'animo avventurosa e romantica".
Inoltrandosi nel bosco, l'Io-narrante si sente invaso da "un indicibile senso dell'universo, e insieme, strettamente unito" da "un fiotto di gratitudine prorompente con forza dall'anima lieta. (...) Suoni di un mondo primordiale giungevano, provenienti chissà da dove, al mio orecchio. (...) Di lassù, dalla cima degli abeti, veniva un fruscio lontano e lieve".
Superato il bosco, la passeggiata si snoda tra case, un'osteria non pretenziosa che "appariva come la familiarità e la fedeltà stessa" e altre immagini liete : un "trasognato giardino" e "sopra un chioschetto (...) pendeva e si torceva con squisita grazia un rosaio tutto fiorito" .

Con Walser, ovviamente, nulla di lezioso e ridondante. Egli stesso pare prenderne le distanze : "i fiori sono belli, ma la loro funzione non è quella di banalizzare" ; il paesaggio ingentilito è tanto amato quanto "l'austera bellezza" .
Qui tutto è autenticità, emozione pura senza nulla 'che pesi o che posi' . E' severamente interdetto navigare su un oceano di panna montata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...

per chi in letteratura cerca la bellezza .
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri