Narrativa straniera Classici La principessa di Cleves
 

La principessa di Cleves La principessa di Cleves

La principessa di Cleves

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di La principessa di Cleves, opera di Marie Madeleine madame de La Fayette edita da Garzanti. Ancora oggi emozionano gli sviluppi del triangolo amoroso che ha come fulcro la giovane principessa, la cui bellezza fuori dal comune si accompagna a un inespugnabile rigore morale. Ma l'inverno del suo cuore adolescente, che neppure il matrimonio è riuscito a scalfire, finirà durante un ballo ormai celebre, in cui ogni passo della danza concessa al duca di Nemours l'avvicinerà al vulcano dei sentimenti.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La principessa di Cleves 2022-04-10 15:19:35 siti
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
siti Opinione inserita da siti    10 Aprile, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La galleria degli specchi

Non si può percorrere la storia del romanzo moderno senza aver letto il Don Chisciotte di Cervantes che agli inizi del ‘600 inaugura il genere fungendo da cerniera tra i vecchi ideali cavallereschi - fonte di ironia - e i nuovi slanci individualistici, in una rinnovata lettura della realtà contemplante anche il piano inclinato della follia; a maggior ragione, non si può nemmeno ignorare la novità introdotta, sul finire dello stesso secolo, da questo romanzo che pare poggiare le sue basi esistenziali proprio sul rinnovamento del genere, anticipando anche i moduli del fortunatissimo filone psicologico, senza trascurare di invertire i valori dominanti della società rappresentata. La principessa di Clèves, opera matura di una dama della piccola nobiltà introdotta alla corte del Re Sole, poi divenuta la signora del più prestigioso salotto letterario dell’epoca, è infatti la storia di una giovane sedicenne che per volere materno sposa, con benevola accondiscendenza, il principe di Clèves, introducendosi così nell’intrigante e corrotto mondo di corte, quella di Enrico II, della regina consorte Caterina de’ Medici e della famigerata amante del re, Diana de Poitiers. Una giovane ragazza che non conosce l’amore fino a quando non si sente totalmente attratta e rapita dall’incontro, durante un ballo al Louvre, con il duca di Nemours che, pur essendo tra i più desiderabili uomini di corte, interessato persino al matrimonio con Elisabetta I, non disdegna affatto una parentesi romantica con questa giovanissima e bellissima ragazza, seppur già ammogliata. Inizia così la rappresentazione del tormento interiore della giovane che, finchè è in vita la madre, riesce a tenere testa alle insidie, non tanto dell’uomo quanto del meschino ambiente di corte che la circonda, per poi dover contare solo sul suo estremo senso di onestà che la porta a confessare al marito l’attrazione provata per un uomo del quale preferisce tacere l’identità. L'inverosimiglianza di questa condotta è proprio l’elemento sul quale fa perno la narrazione che, pur continuando ad avvalersi degli espedienti letterari che richiamano la tradizione del romanzo cortese, inizia il ribaltamento di prospettiva, facendo assurgere l’individuo - donna quale essere capace di farsi portatrice di valori morali diversi da quelli dell’ambiente nel quale vive e che non sono neanche i medesimi dei lettori ai quali l’opera che ne narra l’intimo dissidio è destinata: il romanzo nel ‘600 è ancora appannaggio delle sole classi sociali elevate, nobili, occorrerà la nascita della borghesia per farne un genere di più ampia fruizione. Uno stile impeccabile e la rappresentazione rigorosa del contesto storico, ampiamente poggiato su basi documentali inappuntabili, fanno di questo romanzo quindi non solo un archetipo del romanzo moderno psicologico ma anche un anticipatore delle tendenze romantiche da bildungsroman oltre che un gustoso romanzo storico. La trama non manca di colpi di scena e trionfa in un finale aperto che coincide con un respiro di donna eccezionale per intuizione e rigore; senza nulla rivelare, non esito nel dichiarare apertamente che l’analisi offerta dalla principessa è lucida e brillante e di una modernità che si sposa, incredibile dirlo a distanza di secoli, con il più illuminato pensiero di una donna contemporanea ma soprattutto libera.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
La principessa di Cleves 2014-09-22 05:31:16 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    22 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA PASSIONE E IL SUO RIMEDIO

"La principessa di Cleves" viene giustamente considerato uno dei romanzi più belli da quando esiste la letteratura.
L'autrice, Madame de la Fayette, era una dama della corte di Luigi XIV, il Re Sole. Siamo in pieno '600. L'opera, che riflette la vita cortigiana di quel tempo, è però ambientata un secolo prima, probabilmente per ovvi motivi di opportunità.
Il libro è frutto di approfondite ricerche storiche: siamo all'epoca di Enrico II ; entrano in scena personaggi come Diana di Poitier, Maria Stuarda, perfino Elisabetta I d'Inghilterra. Protagonisti sono però la Principessa di Cleves e il Duca di Nemour. Come sfondo la vita di corte: all'apparenza scintillante e vivace; in realtà "luogo dove la virtù era tanto necessaria e dove fiorivano esempi tanto pericolosi. L'ambizione e la galanteria erano l'anima stessa di quella corte (...). Tale era il groviglio di interessi e di intrighi (...) che l'amore era sempre intrecciato alla politica e la politica all'amore". Lì Diana di Poitier, l'amante del sovrano, ""dominava il re con tale assoluto dispotismo che si poteva dirla padrona della sua persona e dello Stato".

Lo stile, maturato nella ' civiltà della conversazione ' , è di grandissima efficacia letteraria, amabile e fiabesco: un giorno "fece la sua apparizione alla corte una bellezza che attrasse tutti gli sguardi" : la giovanissima Principessa, la protagonista, la quale ebbe la fortuna di avere come madre una "donna straordinaria per onestà, virtù e saggezza"; "Tutte le sue cure erano state rivolte all'educazione della figlia (...) e (a) cercare di renderla virtuosa e a farle amare questa virtù", che viene messa a dura prova quando conoscerà il Duca di Nemour, il quale si distingueva "per grazia della persona e per la nobiltà dello spirito".

Quest'opera, di portata anticonformistica allora come oggi, si caratterizza per una profonda analisi della passione amorosa che, come tutti gli stati emotivi, tende a consumarsi, magari con un anticipo di sofferenze (i morsi della gelosia...).
La Principessa di Cleves comprende a fondo le dinamiche della passione ed è consapevole dei rischi che comporta amare un uomo che piace a tutte ed al quale molte sono disposte a cedere.
Opterà per una scelta di grande impatto: finale che una scrittrice grandissima ha saputo rendere così convincente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Flashback
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia
Casa Danesbury
Lontano nel tempo
L'americano
Ritorno nel South Riding