Zanna Bianca Zanna Bianca

Zanna Bianca

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Sterminate distese di neve, fiumi gelati, cupe e solitarie foreste attorno agli accampamenti dove solo l'ululare delle bestie selvatiche rompe il pesante silenzio: è questo il mondo di Zanna Bianca. Qui per il cane lupo la vita è una perenne lotta contro la fame, è uccidere per non essere ucciso, è una battaglia spietata contro gli animali della sua stessa specie, è giocare d'astuzia per evitare i maltrattamenti dell'uomo. Quando ormai Zanna Bianca sembra non conoscere altro che odio e diffidenza, la fiducia e la pazienza di un buon padrone potranno forse risvegliare in lui i sentimenti dell'amore e dell'abnegazione.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.3  (6)
Contenuto 
 
4.5  (6)
Piacevolezza 
 
4.3  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Zanna Bianca 2018-08-12 14:31:00 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    12 Agosto, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli occhi di un destino cangiante

Nel mondo aspro e selvaggio delle terre del Nord, crudele, ghiacciato e senza segni di vita, si accende la parabola di Zanna Bianca, un lupacchiotto plasmato da una battaglia oscuramente felice, dalla tragedia del sesso del mondo naturale, che è dramma solo per chi muore, mentre per chi sopravvive è successo e conquista sulle tracce della pista della carne, unica fonte di sopravvivenza.
Un viaggio all’ inseguimento della sua essenza e trasformazione di lupo, dal gelido nord al caldo sud, dal mondo selvaggio alla civilizzazione profonda, dagli Dei-demoni agli Dei-uomini, dalla paura ancestrale ed istinto crudele alla saggezza e fedeltà di cane addomesticato ed amato.
Ecco il significato della favola sociologica di London, contrapposta nel proprio percorso al più noto “Richiamo della foresta “ e che, all’ interno dell’ amore naturalistico, sviscera il senso del determinismo e della dottrina evoluzionista, ovvero quel processo che educa e trasforma l’ individuo all’ interno dell’ ambiente in cui vive.
Zanna Bianca da sempre è vissuto in un mondo feroce e brutale, non avvezzo a carezze, affetto ne’ alla fulgida dolcezza dello spirito. Non sa che cosa sia l’ amore e che le cose non sempre sono come sembrano, di ogni forma va appresa la realtà concreta.
Sua madre è il potere, la legge è mangiare o essere mangiati, ma il cucciolo non pensa a questa legge, semplicemente la vive ne’ ragiona secondo il pensiero umano, non potendo valutare le cose seguendo una visione ampia e globale.
D’ improvviso si scontrerà con gli animali-uomini, degli Dei da cui emana un senso di potere e di dominio sui cani e sulle cose inanimate e la capacità di cambiare la faccia stessa del mondo. Essi creano la vita, sono gli artefici del fuoco, per questo simili a Dei e Zanna Bianca mai morderà quel Dio che diverrà suo signore e padrone.
Il codice che ha appreso è obbedire ai forti ed opprimere i deboli imponendosi sempre più come dominatore, in un secondo tempo il suo lavoro riguarderà la fedeltà e la buona volontà del lupo addomesticato. Al momento il mondo lo vede feroce e brutale, un mondo in cui non esistono ne’ carezze ne’ affetto ne’ la fulgida dolcezza dello spirito.
Zanna Bianca non sa cosa sia l’ amore ma nella sua nuova vita è plasmato per diventare un cane, sia pure con caratteri di lupo: ma un cane, non un lupo. Egli si fa più scontroso, cupo, solitario, feroce e non vuole che si rida di lui diventando così il nemico della propria razza.
Sarà contraddistinto da una certa saggezza, pur sopravvivendo in lui forze più grandi ed una di queste è la fedeltà.
Il proprio atavico istinto sottaciuto, una neo dimensione addomesticata, il parlare agli uomini un linguaggio simile al loro, un gesto d’ amore e fedeltà, una esistenza completamente ribaltata.
Jack London esprime dettagliatamente la propria conoscenza del mondo naturale ed animale, ma anche umano. Osserva e descrive il reale con gli occhi di un lupo, ma con un linguaggio e sentimenti profondi tanto che la separazione uomo-animale non pare sempre così netta ed i tratti e le considerazioni si confondono.
Ad emergere è un senso più ampio dell’ esistere, ma ciascuno, per potere essere completamente se stesso, dovrebbe avere l’ opportunità di seguire in toto il proprio destino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Zanna Bianca 2016-03-20 13:09:40 Valerio91
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    20 Marzo, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'amore è la linea di confine

Zanna Bianca può essere per me preso a simbolo dei pregiudizi letterari. Ho sentito una moltitudine di commenti, fatti anche da persone che non lo hanno letto, commenti del tipo: "è un classico minore" oppure "è un libro per ragazzini", e per concludere in bellezza "cosa ci può essere di profondo in un libro che ha come protagonista un cane?". Orrore, orrore e orrore. Fortunatamente, non sono il tipo che si lascia influenzare dai commenti (immotivati) altrui.
Zanna Bianca, a dispetto dei commenti, è un libro carico di significati. Certo, assume una sfumatura piacevole in più che è percettibile soltanto da chi ha posseduto un cane, ma come dicevo è solo una sfumatura che non toglie nulla alla bellezza dell'opera in sé.
Jack London descrive in maniera eccelsa il mondo selvaggio, come se lo conoscesse perfettamente, come se vi fosse in qualche modo sfuggito. Ma forse non possediamo in noi stessi, in qualche recesso profondo del cuore e della mente, una parte di esso che viene marchiato a fuoco dalla nascita? Qualcosa che viene comunemente chiamata "istinto"? L'autore rende questo mondo vivo con le sue descrizioni, le sue belle riflessioni, e ne palesa l'anima crudele ma giusta ed equa. Trovandoci di fronte a un libro quasi privo di dialoghi, come è ovvio, la lettura può risultare un po' più lenta e difficoltosa, ma quello che il libro ci regala val bene un sacrificio.

Zanna Bianca è per metà cane e per metà lupo, ma la sua indole è indirizzata dal mondo in cui nasce nella direzione del parente selvatico e feroce. L'argilla che compone il suo essere viene plasmata fin da cucciolo verso la solitudine, la ferocia adottata come mezzo per mantenere la sopravvivenza, costretto ad essere lupo dall'ambiente inesorabile che lo circonda.
Uccidere per non essere ucciso.
Nel momento in cui la componente uomo viene introdotta nella vita del piccolo cucciolo, è palpabile la differenza che questo essere può portare, ma non del tutto, perché "uomo" non vuol dire necessariamente migliore o civilizzato. Zanna Bianca si trova dominato da diverse sorte di "divinità" uomo, che in fin dei conti si rivelano peggiori di quel mondo selvaggio al quale era stato strappato, perché troppo brutale. Quel mondo malvisto e additato anche da chi non avrebbe, in questo senso, alcuna libertà di parola, perché nasconde la propria malvagità in una civiltà fasulla. Per questo motivo i tratti taglienti disegnati nei lineamenti di Zanna Bianca, non migliorano al contatto con determinati tipi di uomini, anzi, assumono sfumature peggiori e spaventose, contaminate dalla malvagità e dalla crudeltà immotivata.
Soltanto una cosa è in grado di portare una differenza che sia davvero notevole, che può delineare una netta differenza tra selvaggio e civile, ed è quel sentimento incontrastato e incontrastabile che è l'amore. Esso può ammorbidire i cuori di pietra e rendere ogni cosa migliore. Si avverte l'enorme abisso che c'è nel mondo descritto da London prima dell'introduzione di questo sentimento e dopo. Un mondo dalle tinte cupe, brutale e implacabile lascia il posto a una realtà carica di colori, fatta di pace e armonia, anche se turbata in certi momenti da quell'oscurità che è così dura a morire.
Solo allora il più selvaggio dei lupi, quale è Zanna Bianca, non può far altro che abbandonarsi alla splendida felicità che è insita nell'amare. Anche se è difficile cambiare un'entità vivente che fin dalla nascita è stata abituata a percepire il mondo in una determinata maniera, a diffidare di tutto e tutti, a vivere in solitudine e a uccidere per sopravvivere, l'amore è in grado di renderla migliore.
L'amore è la chiave. Esso rende il brutto più bello, il cattivo più buono e il selvaggio, addomesticato.

"Se il cucciolo avesse pensato alla maniera degli uomini, avrebbe potuto definire la vita un continuo, vorace appetito, e il mondo un luogo in cui si incrociava una moltitudine di appetiti che si inseguivano o erano inseguiti, che erano cacciatori o cacciagione, che mangiavano o erano mangiati. E tutto ciò in una cieca confusione di violenza e disordine, in un caos i di ingordigia e di stragi dominato dal caso, impietoso, fortuito e infinito."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Zanna Bianca 2015-08-06 23:50:37 Erox Curry
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Erox Curry Opinione inserita da Erox Curry    07 Agosto, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Da bestia a uomo, da lupo a cane.

La vita vista da un lupo. (Contiene spoiler).
Dall'inizio alla fine, passando per tutti i pericoli e gli ostacoli che essa ti può mandare contro, qui rappresentati prima dalla foresta poi dall'uomo. Eh sì, proprio la peggiore fra tutte le bestie.
Grazie all'uomo, Zanna Bianca conosce, sperimentandolo sulla propria pelle, il vero odio, che non guarda in faccia a nessuno e se riesce ad instaurarsi nel cuore di una persona può fargli fare cose davvero tremende.
Ma qualcuno si salva.
Sì, nella vita mai generalizzare! Non tutti son uguali ed ecco che il nostro caro lupetto ha l'occasione di conoscere pure gli aspetti migliori della vita, oltre al potere o alle ricchezze.
Davvero un libro profondo e non credo sia un caso che inizi proprio con dei cercatori d'oro che verranno sconfitti dalla Natura Selvaggia.
Alla fine, come nel caso tra bestia e uomo, si dimostra come il confine tra lupo e cane sia assai sottile.
Spesso la differenza la fa il desiderio, nel lupo la fame, nell'uomo il denaro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Zanna Bianca 2013-07-14 19:46:48 Pelizzari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    14 Luglio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dolcissimo cane lupo

E’ un libro che può far avvicinare i ragazzi alla lettura, ma che si può senz’altro considerare un libro universale. Ambientato nel grande Nord americano, incantato e gelido, con protagonisti la natura selvaggia, la sua malinconia e la sua crudeltà ed un lupo. E’ una delle più belle storie scritte sul mondo animale e naturale. La natura, con le sue foreste e la sua luce fioca, è descritta magistralmente. Ma il cuore del romanzo è rappresentato dalla fedeltà e dalla devozione che si possono instaurare fra un uomo ed un animale. E le emozioni che fa provare questo cucciolo sono da consigliare anche ai bambini, per sviluppare la loro sensibilità, che anche attraverso la lettura può farli crescere come grandi uomini.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Zanna Bianca 2011-11-30 09:30:15 Nadiezda
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    30 Novembre, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La storia di un lupo

AVVISO: CONTIENE SPOILER.

Il racconto narra le vicende di un branco di lupi ed il corteggiamento di Kiche da parte di il Guercio.
Dalla loro unione nascono cinque cuccioli, ma solamente uno rimarrà in vita.
Durante i suoi primi mesi, il piccolo lupo si imbatte in una comitiva di indiani; i quali prenderanno sia la madre che il cucciolo, dando a quest'ultimo il nome di Zanna Bianca.
L'infanzia di Zanna Bianca al campo indiano è molto dura, infatti, cresce selvaggio, solitario e sanguinario.
Un giorno Castoro Grigio, l’indiano che aveva preso i due lupi, si fa convincere e vende Zanna Bianca ad un uomo bianco.
Quest’ultimo torturerà il lupo per incattivirlo ed utilizzarlo come cane da combattimento.
Zanna Bianca riesce a mettere in fuga tutti i cani che gli vengono posti contro, vincendo anche contro una lince, finché non arriva il primo bulldog. Quest’ultimo resiste agli attacchi del lupo e riesce a serrare la sua mandibola intorno al collo di Zanna Bianca, soffocandolo.
Fortunatamente Weedon Scott, un giovane e ricco commerciante californiano disgustato dalla scena salverà Zanna Bianca, picchiando Smith il Bello e costringendolo a venderglielo.
Scott riesce a convincere il lupo che al mondo non ci sono solo odio e violenza, ma anche amore e affetto, sentimenti che il lupo non conosceva prima.

Un libro di avventura davvero stupendo adatto sia ai grandi che ai piccoli.
Mi ha veramente commosso la storia di questo lupo che anche se è stato maltrattato ed usato per gli scopi più burberi riesce a riacquistare la fiducia nell’uomo.
Leggetelo non ve ne pentirete!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Libri di avventura
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Zanna Bianca 2011-08-27 12:36:29 rondinella
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
rondinella Opinione inserita da rondinella    27 Agosto, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Zanna Bianca

Il primo amore non si scorda mai.
Non so se questo detto valga anche per le persone, ma lo è sicuramente per un libro così emozionante e, allo stesso tempo, commovente.
Zanna Bianca è nato nella foresta, un ambiente che ne ha fatto un vero lupo.
Zanna Bianca è stato 'rapito' dagli uomini, che hanno fatto assopire il lupo che era in lui, senza mai farlo scomparire del tutto.

E' un gran bel romanzo quello di Jack London, forse un po' sottovalutato qui in Europa. Non puo' certo competere con altri grandi capolavori del suo tempo, ma chi ha mai scritto un libro così su colui che da secoli è il miglior amico dell'uomo?
Zanna Bianca è un lupo, reso 'cattivo' dalla natura severa e dal crudele bastone dell'uomo; ma Zanna Bianca è anche un cane perché è capace di 'amare' senza riserve e senza limiti di tempo la buona mano che gli concede anche solo una carezza.
Quale essere umano è ancora in grado di una cosa del genere?

Zanna Bianca è un libro mite e selvaggio, tenero e duro, avventuroso e d'amore; é una storia che prosegue tra le grandi foreste del Nord e le grigie città umane, tra il cuore perverso e affettuoso dell'uomo e l'istinto incondizionato e puro del lupo.
Leggetelo, leggetelo, leggetelo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Classici d'avventura
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri