American tabloid American tabloid

American tabloid

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

"L'America non è mai stata innocente". Queste le prime parole del romanzo con cui James Ellroy è passato dagli ambienti di Los Angeles a una prospettiva più ampia. La vicenda di John Fitzgerald Kennedy, della sua ascesa al potere e della sua morte viene raccontata dall'interno, in modo spietato, senza compromessi. Un romanzo che è anche la storia americana fra il 1958 e il 1963: gli anni di Kennedy.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.8  (5)
Contenuto 
 
4.6  (5)
Piacevolezza 
 
3.8  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
American tabloid 2018-08-18 16:49:48 Niki
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Niki Opinione inserita da Niki    18 Agosto, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nessun si salva

American Tabloid dà un resoconto, tra fiction e realtà, dell'America, dalla fine degli anni '50 all'assassinio di J.F. Kennedy; ci sono il futuro presidente e suo fratello Robert, mafia, F.B.I., C.I.A., Castro, la baia dei porci, Howard Hughes, Frank Sinatra, Jimmy Hoffa, il Ku Klux Clan ... il tutto visto attraverso le vicende di tre personaggi: Kemper Boyd, agente dell'FBI infiltrato nel clan Kennedy, in combutta con la CIA in un progetto di rivolta anti-castrista. Forse sorretto da un desiderio di ascesa sociale, si invischia in un pantano di doppi e tripli giochi, di bugie, di omicidi cruenti, e per mantenere lucidità è costretto a far alto uso di droghe. All'inizio può sembrare l'eroe positivo, quello senza macchia e senza paura che spesso l'America esalta, ma è come se un'indole distruttiva si impossessi di lui tanto da fargli abbandonare, senza remore, tutto ciò che è 'pulito' e 'retto', persino l'amore per Laura, sorella illegittima di J.F.K., e quello per la figlia Claire. Ward Littel, collega e amico fraterno di Boyd, sempre sul baratro di una follia ossessiva; da prima strenuo nemico del crimine organizzato e ammiratore di Robert Kennedy (che si batte per sconfiggere la mafia), poi, al pari di un bambino, deluso dal proprio oggetto di venerazione, diventa avvocato di fiducia di mafiosi, sorretto dal proprio odio verso i Kennedy. Al pari di Boyd, anche lui sacrifica l'amore alla propria ossessione. Tra i due, e sballottato dall'uno all'altro, Pete Bondurant, ex sbirro ora al servizio della Mafia e del profitto; il personaggio 'davvero' cattivo e senza scrupoli che, in una parabola inversa rispetto ai due compari, si innamora e assume quelle connotazioni di umanità che i complici perdono. Non ci sono personaggi 'positivi', a cominciare da John Fidzgerald Kennedy: un donnaiolo (uno scopatore da sei minuti), uno stupido e un incapace; il naturale prodotto di una famiglia corrotta; il direttore generale dell'F.B.I. J.Edgar Hoover, un pornografo; il miliardario, imprenditore e produttore cinematografico Howard Hughes razzista, ipocondriaco e guardone; il sindacalista Jimmy Hoffa colluso con la mafia; Frank Sinatra ... Nessuno si salva, tra gli uomini! Forse solo Robert Kennedy, mentre le poche donne sono integre nel proprio alone di innocenza e di amore, anche quando sono sulla 'cattiva strada'. Gli unici che mantengono coerenza (seppur nel male) e una sorta di etica, sono i mafiosi. La scrittura di Ellroy, così come il suo punto di vista totalmente distruttivo e violento, può piacere oppure no. Non ci sono mezzi termini, non c'è un nì. I 'mezzi termini' non li usa nemmeno l'autore: tutto è violenza, tutto è degradazione, tutto è corruzione, in un girone infernale concentrico, senza uscita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altri libri di Ellroy e ne apprezza le atmosfere e lo stile narrativo 'difficile'
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
American tabloid 2017-02-17 17:40:11 Il Nido Del Gufo
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Il Nido Del Gufo Opinione inserita da Il Nido Del Gufo    17 Febbraio, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Intricato e Appassionante

Non sono un grande appassionato di quella che viene comunemente chiamata "Letteratura di Genere", ma Ellroy costituisce per me una felice eccezione. Le pagine di questo libro contengono un magnetismo difficile da spiegare, nei personaggi crudi e cinematografici o semplicemente nella prosa pulsante, graffiante, cinica e ipercinetica dell'autore.

A prescindere dalla possibile veridicità della trama, sin dalle prime pagine si viene catapultati in un mondo torbido, violento, cupo e fitto di intrighi e inganni che fino all'ultimo tengono il lettore col fiato sospeso. I dialoghi, essenziali al limite della brutalità, rispecchiano le rare e telegrafiche descrizioni. Tuttavia, pur mantenendo un registro pressoché invariato per l'intero libro, non ci si stufa mai. Ancor più perché, inspiegabilmente, i protagonisti sono vividissimi anche nelle loro caratteristiche così poco tracciate.

Forse perché i tipi umani che popolano questo romanzo sembrano davvero usciti da una pellicola, con i loro visi duri e affilati e lo sguardo eternamente sospettoso e sveglio. Tipi in gamba, Pete Bondurant e Kemper Boyd, forse troppo.

Viene quasi voglia, nonostante la brutalità e la crudeltà di questo mondo, di immergercisi dentro, per capire come ci si sente, a fare il gioco sporco. Ma si dovrebbe parlare come Ellroy, e noi comuni mortali ci accontentiamo di leggerlo. Anche cosi non è poco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Thriller a sfondo politico, polizieschi ma anche a chi si approccia per la prima volta a questo genere, qui rappresentato al suo meglio.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
American tabloid 2014-03-19 10:54:29 Dartagnan
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Dartagnan Opinione inserita da Dartagnan    19 Marzo, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Jack mal di schiena

Forse il noir che più di tutti negli ultimi anni ha cambiato le regole del genere.
American Tabloid è l'esatto emblema di postmodernismo letterario. Una realtà cruda mista a finzione narrativa, raccontata attraverso le storie di tre personaggi tra i meglio riusciti di Ellroy: Pete Bondurant, Ward J. Little e Kemper Boyd.
Verità scomode mascherate dal velo setoso della finzione.
Stati Uniti, anni '60: I Kennedy, Marylin, la mafia italoamericana, la Baia dei Porci, le lotte sindacali, i capibastone, il cinema, il Viet "fottuto" Nam, contrabbando, criminali di ogni tipo, l'FBI di J.Edgar Hoover. Questi sono solo alcuni elementi presenti nel romanzo. Un racconto pregno di storie umane, sudore e disperazione. Non esistono i buoni, e se ci sono prima o poi diventano cattivi anche loro. Si tratta di sopravvivere.
E poi c'è lo stile di Ellroy: inconfondibile. Un modo di scrivere che ha fatto scuola, forse anche troppo, visto il numero incredibile di tentativi di imitazione. Frasi brevi e secche, quasi aride, così come il mondo dei personaggi. Non è uno stile facile da digerire, all'inizio. Poi, se piace, la lettura va via liscia.
Per gli amanti del genere è un romanzo imperdibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
121
Segnala questa recensione ad un moderatore
American tabloid 2012-01-18 14:36:07 marroncelli
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
marroncelli Opinione inserita da marroncelli    18 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

l'america non è mai stata innocente

la prima frase di Ellroy "L'america non è mai stata innocente" rappresenta una sintesi perfetta del contenuto del libro: attraverso gli occhi di diversi personaggi chiave che si conoscono sin dalle prime pagine, si rappresentano le trame non note ai più della storia dell'ascesa di JFK alla presidenza USA. Il libro, con lo stile di suspence dei gialli, ci racconta, non solo i risvolti più o meno noti di JFK e della sua famiglia, ma ci offre anche una lettura assolutamente inaspettata, ma credibile, di eventi cruciali per la storia americana e mondiale come la baia dei porci, della figura di Hoover, capo dell'FBI, del ku klux Klan. consigliato a chi intende avere lumi sulle tinte fosche della storia americana.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
American tabloid 2012-01-09 08:18:39 dmcgianluca
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
dmcgianluca Opinione inserita da dmcgianluca    09 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

poco romanzo, molto sangue

Lo stile molto scarno, quasi da rapporto poliziesco, rende il libro una sterile serie di avvenimenti collegati da un filo molto intrecciato. Personalmente non ho gradito questo tipo di scrittura in quanto essa non permette spazio alla benché minima immaginazione. I personaggi non sono delineati a sufficienza e molte delle loro azioni rimangono inspiegate. D'altro canto, la sequenza telegrafica delle frasi permette, in seicentosessanta pagine, di racchiudere una considerevole quantità di eventi; molti contenuti quindi, ma poco "raccontati".
Nel complesso il libro si è lasciato leggere con facilità e mi è discretamente piaciuto, se non altro perché tratta argomenti storicamente molto interessanti e con una voce decisamente fuori dal coro, "politically INcorrect". Nel libro si scava (non so quanto frutto della fantasia e quanto realtà) nelle oscure pieghe della storia scritta e diretta da uomini pubblicamente irreprensibili, ma sporchi dentro, e da uomini molto sporchi fuori e cattivi fino all'osso dentro. E' la storia di un America che ha affondato il proprio sogno nelle bassezze del cinismo, del ricatto, del delitto e del crimine organizzato (molto bene peraltro).
Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Finestra sul vuoto
Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà
Il libro delle cose sconosciute
La casa delle tenebre

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232