Drood Drood

Drood

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Il 9 giugno del 1865, Charles Dickens rimane coinvolto in un terribile incidente ferroviario, in seguito al quale incontra un misterioso e sinistro personaggio di nome Drood. Il racconto degli sconvolgenti avvenimenti che seguirono è affidato al suo migliore amico ed eterno rivale, Wilkie Collins, autore di libri di strepitoso successo, che viene coinvolto in una serie di indagini nell’underworld di Londra. Quando però l’enigmatico Drood sembra avvicinarsi alle loro ricerche, egli viene messo da parte da Dickens, il quale comincia a mostrare segnali inquietanti di cambiamento. Come se non bastasse, anche Collins inizia ad avere visioni inspiegabili, allucinazioni. Provato ma allo stesso tempo avvinto da questo gioco mortale, Collins si dibatte tra la paura della follia e il dubbio che tutto questo faccia invece parte di un diabolico piano della creatura che si fa chiamare Drood.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Drood 2013-12-26 07:19:47 Pelizzari
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    26 Dicembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Inquietante

L'impianto narrativo di questo giallo è sorprendente e davvero insolito. L'autore è uno scrittore americano contemporaneo, che immagina di essere uno scrittore dell'epoca della Londra vittoriana e racconta la sua storia rivolgendosi ad un lettore che vivrà più di cento anni dopo la sua morte, ovvero ai giorni nostri. Intricato, vero? Però la lettura, grazie a questo espediente, è davvero coinvolgente. I personaggi principali sono lo scrittore Collins ed il più famoso Charles Dickens, entrambi complessi ed affascinanti, oltre all'inafferrabile, misterioso e sinistro Drood, attorno alla cui caccia ruota tutta la storia. L'ambientazione è l'underworld di Londra, un mondo di derelitti e forse davvero troppo splatter. E' l'ambientazione che rende un pò difficile la lettura, oltre alla ricchezza di riferimenti storici e letterari che la appensantiscono un pò. E' innegabile, nonostante sia una prova ardua per un lettore, che il romanzo è davvero affascinante, oltre che molto ambizioso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Drood 2013-04-09 08:16:52 LittleDorrit
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    09 Aprile, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Incontri fatali

Il 9 giugno 1865 nei pressi di Staplehurst, una località del Kent, uno spaventoso incidente ferroviario vede coinvolto il grande romanziere Charles Dickens e la sua giovane amante Ellen Ternan. Diversi vagoni precipitano da un viadotto, numerosi sono i morti e i feriti e tra le poche carrozze miracolosamente scampate vi è quella in cui viaggia Dickens.
La drammaticità dell'episodio avrà non poche conseguenze nella vita dello scrittore che, da quella data in poi, innescherà una sorta di countdown, un lento decadimento che lo condurrà alla morte appena cinque anni dopo.
In quello scenario apocalittico, ancora incredulo e sgomento, lo scrittore presterà soccorso ai malcapitati e subirà il fascino di un incontro surreale.
Un uomo con cappa e cilindro, infatti, si muove tra rottami e corpi dilaniati, apparendo quasi dal nulla.
Ha alcune dita mancanti alle mani, la pronuncia di una "esse" strascicata e sibilante e due occhi senza palpebre su un viso emaciato e pallido.
Il suo nome è Drood.
Chi è quest'uomo e quale scopo lo porta ad aggirarsi tra morti e feriti è un mistero.
Incuriosito e nello stesso tempo scosso da quella "presenza" inquietante che gli rivolge parola, Charles Dickens, tornato nella sua quotidianità, decide, aiutato dall'amico e collaboratore Wilkie Collins (autore del romanzo " La donna in bianco") di intraprendere una ricerca ossessiva dell'uomo chiamato Drood. Avvalendosi di un investigatore privato, i due uomini riusciranno a penetrare nel "Gran forno", la Londra derelitta, famelica, diabolica, putrida e melmosa dei bassifondi, ricamati da orrori e tanfi stagnanti, ridondanti di assassini e loschi individui che spingono esistenze corroborate da oppio e misfatti e che nascondono nel profondo di una cripta segreta l'ingresso per Sotterra, una sorta di "città di Dite" nelle catacombe della città finora conosciuta. Dickens e Collins, come due autentici e moderni Dante e Virgilio, intraprenderanno una vera e propria discesa negli inferi nell'attesa di trovare il misterioso covo del "Lucifero Drood". Da qui si dipana una storia davvero incredibile. Dan Simmons ricostruisce non solo una parte del percorso storico,letterario e privato di un grande romanziere e del suo altrettanto abile collaboratore dimostrando di conoscere minuziosamente le biografie dei due protagonisti, ma attraverso il racconto in prima persona, dove è Collins a narrare, plasma un romanzo potente che racchiude in sé diversi generi quali
il romanzo storico, il thriller, il romanzo psicologico fino a sfiorare il grottesco Kafkiano.
Numerose le tematiche: il tema del doppio (tanto caro agli scrittori ottocenteschi), lo stile di vita e le relazioni tra scrittori nel secolo dell'apparenza, il mesmerismo e i suoi rituali, la rivalità, l'omicidio, il mistero, l'occulto, il tradimento, la dipendenza da oppio, il cannibalismo e molto altro, tutto magistralmente descritto e ben esposto in uno stile superbo.
Mi sento di affermare che mai romanzo, nemmeno tra quelli dello stesso Dickens, hanno esplorato così a fondo i bassifondi londinesi e approfondito in maniera quasi maniacale tematiche tanto diverse; per questo ne consiglio una lettura lenta e scandita nel tempo che permetta di assaporare tutti i meccanismi narrativi e le innumerevoli "sottotrame" offerte dall'autore sulla vita privata dello scrittore di "Canto di Natale".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Thriller, romanzi storici, romanzi psicologici, racconti del terrore, amanti della letteratura vittoriana ecc.
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Finestra sul vuoto
Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà
Il libro delle cose sconosciute
La casa delle tenebre

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232