Il debito Il debito

Il debito

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Per Cal, è come essere in paradiso. Chilometri e chilometri di scaffali sui quali sono conservati centinaia di migliaia tra manoscritti, documenti antichi e reperti inestimabili. E quel tesoro immenso è lì, a sua disposizione. Grazie al ruolo da protagonista svolto nel caso del sacerdote con le stimmate rapito da un’organizzazione neonazista, Cal ha ricevuto da papa Celestino VI un privilegio unico: l’accesso illimitato alla Biblioteca Vaticana e all’Archivio Segreto Vaticano. Cal ne approfitta subito per svolgere una ricerca su un oscuro cardinale italiano vissuto a metà dell’Ottocento, durante la prima guerra d’Indipendenza e i moti rivoluzionari. E s’imbatte in una lettera privata in cui si fa riferimento a un banchiere e all’urgenza di trasferirlo di nascosto fuori Roma. Nel corso dei suoi studi, Cal ha imparato a fidarsi del proprio istinto, e l’istinto adesso gli suggerisce di approfondire quella strana vicenda. Ed è così che, passo dopo passo, Cal si convince dell’esistenza di un ingente debito contratto dalla Chiesa con una banca posseduta da una famiglia ebrea e mai restituito. Cal informa il pontefice della sua scoperta, e la richiesta di Celestino è sorprendente: trovare le prove che quel debito è ancora valido. Quali sono le reali intenzioni del papa? Cal non è l’unico a porsi questa domanda. Alcuni membri della Curia ritengono che in gioco ci sia la sopravvivenza stessa della Chiesa, e sono pronti a tutto pur di fermare le ricerche di Cal e i progetti segreti del papa…

Recensione della Redazione QLibri

 
Il debito 2017-11-24 17:27:35 Mian88
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    24 Novembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cal Donovan e IL DEBITO.

Cal Donovan, docente nonché ricercatore specializzato dell’università di Cambridge, gode di un pass d’onore presso la Città Stato del Vaticano ed in particolar modo per i suoi archivi segreti. Si trova nella Santa Sede per portare avanti una ricerca sul Cardinal Lambruschini, segretario di Stato durante il papato di Gregorio XVI e sulla sua decisa opposizione ai moti rivoluzionari del 1848 quando, dall’esame di una strana missiva rinvenuta per caso, viene a conoscenza dell’esistenza di un inspiegabile prestito. A quanto pare, infatti, l’ecclesiastico avrebbe avuto un ruolo decisivo nella concessione di una sostanziosa somma di denaro durante il papato di Pio IX, e più precisamente, una somma di denaro pari ad almeno trecentomila sterline. Una cifra considerevole, per il tempo. Eppure, più l’indagine va avanti e più è chiaro che quel prestito è in qualche modo collegato al presente, che quel debito, contratto dalla Chiesa con una banca posseduta da una famiglia ebrea, probabilmente non è mai stato restituito. Celestino, il Papa, chiede a Cal di indagare in merito e di ricavare tutte le prove necessarie a dimostrare che quella posizione passiva è ancora valida. La richiesta del pontefice è alquanto strana e non manca di sollevare dubbi nei membri della Curia. Questi ultimi, ancora, ritengono che dalla risoluzione di questo enigma derivi la sopravvivenza o la disfatta della Chiesa stessa. Tanti i coinvolgimenti, tanti i punti di collisione tra passato e presente. Ma cosa è successo nello ieri per avere un ruolo così determinante nell'oggi?
E’ da questo breve assunto che ha inizio “Il Debito” ultimo libro a firma Glenn Cooper. Sin dal principio chi legge si trova di fronte ad un romanzo che caratterizzato da un linguaggio fluente che ben bilancia il mistero e che quindi invoglia ad andare avanti. L’autore, inoltre, ben calibra i salti temporali. Certo, talvolta, il narratore tende a dilungarsi in dettagli evitabili, o comunque di interesse minore per il lettore, ma ad ogni modo la scorrevolezza del testo non viene eccessivamente inficiata. Se dal punto di vista stilistico l’opera non colpisce per erudizione ma nemmeno disdegna, da quello contenutivo, purtroppo, pecca un scontatezza. L’autore non brilla particolarmente di originalità, anzi, non solo si fossilizza su un tema trito e ritrito su cui è stato detto e ridetto, supposto e non supposto, ma vi inserisce una miriade di cliché sostenuti e costeggiati da qualche inesattezza storica e giuridica.
In conclusione, “Il debito” è un elaborato adatto a chi cerca una storia di facile lettura con cui trascorrere qualche ora piacevole, è uno scritto dall’evoluzione statica e di facile intuizione, è un componimento con cui è impossibile gridare al capolavoro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
sI = agli appassionati del genere e di Cooper
No = a chi non è un passionista del filone e/o ama romanzi di una diversa tipologia.
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il debito 2018-07-20 11:40:41 cosimociraci
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    20 Luglio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il piacere di leggere Glenn Cooper

Dopo alcune romanzi di Glenn Cooper che non mi avevano convinto fino in fondo, ritorno con piacere a leggere le opere di questo autore.

Ho trovato Il Debito un romanzo ben strutturato con una trama per niente banale e dal finale non prevedibile. Come al solito i suoi romanzi sono ricchi di riferimenti storici ed ho apprezzato l'ambientazione italiana che ha reso tutto più vicino. Il ritmo non è propriamente incalzante ma, anche se lentamente, cresce in modo progressivo.

La descrizione dei luoghi, molto dettagliata, ha smosso i miei ricordi di qualche anno fa quando ebbi modo di visitare i Musei Vaticani.

In alcune recensioni hanno affiancato questo romanzo ad Angeli e Demoni di Dan Brown ma sinceramente, a parte l'ambientazione, non trovo altri punti in comune.

Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il debito 2018-03-30 08:28:14 ornella donna
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    30 Marzo, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un antico obbligo della Chiesa

Dopo Il segno della croce, Glenn Cooper torna in libreria con Il debito, il cui protagonista è ancora una volta il professor Calvin Donovan, che tanto successo aveva riscosso nel precedente libro. Calvin è insegnante di Storia della Religione ed Archeologia ad Harvard, un ex militare, sempre in ottima forma e gode della stima di un corposo giro di donne. Nonostante i suoi consueti appuntamenti con la vodka, non disdegna saltuariamente, di salire sul ring. Qui è alle prese con Papa Celestino VI (che tanto assomiglia in certe caratteristiche a Papa Francesco, ), che grato per il ruolo assunto ne Il segno della croce, gli conferisce l’accesso illimitato alla Biblioteca Vaticana e soprattutto all’Archivio Segreto Vaticano. Per il nostro professore è un invito a nozze. Pensiamo alla vastità e alla quantità di dati contenuti in chilometri di scaffali sui quali sono conservati, da secoli, centinaia di migliaia tra manoscritti, documenti antichi e reperti di incalcolabile valore. Calvin inizia le sue ricerche sul famosa cardinal Lambruschini, uomo rigorosamente conservatore e papa mancato, a cui è stato preferito Pio IX. Luigi Lambruschini fu un cardinale italiano vissuto a metà dell’800, testimone ed accanito rivale dei moti rivoluzionari che sconvolsero l’ordine e la legalità dell’Italia e dello Stato pontificio stesso. Ma il professore, nel consultare le carte, scopre presto che un pericoloso mistero , che in passato ha portato morte, e l’annuncia minacciosamente nel presente. Testimone di questo è una lettera privata del cardinale Antonelli, segretario di stato dell’epoca, in cui si fa riferimento ad un banchiere e alla necessità di trasferirlo in gran segreto fuori Roma. Dopo un ulteriore approfondimento il docente viene a conoscenza di un fatto inquietante: esisterebbe un grosso e gravoso debito, mai restituito, contratto dalla Chiesa, previo avvallo di Pio IX, con una banca ebrea. Celestino VI, informato, ordina un ulteriore studio, ma in realtà quali sono le sue reali intenzioni? Se lo domanda lo studioso, ma non solo. Per alcuni esponenti corrotti della Curia, la scelta di restituire in qualche modo quel prestito metterebbe in gioco la sopravvivenza stessa della Chiesa, e sono pronti ad usare qualsiasi mezzo pur di ostacolare i progetti del Santo Padre….
Un libro curioso, dallo stile scorrevole, ma dallo scarso ritmo. L’intera vicenda si trascina un po’ troppo a lungo, per giungere alle vere conclusioni un po’ troppo tardi. Coinvolge ed incuriosisce il lettore, che ad un certo punto, però, si annoia un po’. Troppe riunioni, continue ricerche in biblioteche. Scarsa avventura, troppe elucubrazioni che non conducono a nulla.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dove c'è fumo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La morte mi è vicina
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sotto il falò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La famiglia Aubrey
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.7 (3)
Corpus Christi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri