Dettagli Recensione

 
Il debito
 
Il debito 2017-11-24 17:27:35 Mian88
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    24 Novembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cal Donovan e IL DEBITO.

Cal Donovan, docente nonché ricercatore specializzato dell’università di Cambridge, gode di un pass d’onore presso la Città Stato del Vaticano ed in particolar modo per i suoi archivi segreti. Si trova nella Santa Sede per portare avanti una ricerca sul Cardinal Lambruschini, segretario di Stato durante il papato di Gregorio XVI e sulla sua decisa opposizione ai moti rivoluzionari del 1848 quando, dall’esame di una strana missiva rinvenuta per caso, viene a conoscenza dell’esistenza di un inspiegabile prestito. A quanto pare, infatti, l’ecclesiastico avrebbe avuto un ruolo decisivo nella concessione di una sostanziosa somma di denaro durante il papato di Pio IX, e più precisamente, una somma di denaro pari ad almeno trecentomila sterline. Una cifra considerevole, per il tempo. Eppure, più l’indagine va avanti e più è chiaro che quel prestito è in qualche modo collegato al presente, che quel debito, contratto dalla Chiesa con una banca posseduta da una famiglia ebrea, probabilmente non è mai stato restituito. Celestino, il Papa, chiede a Cal di indagare in merito e di ricavare tutte le prove necessarie a dimostrare che quella posizione passiva è ancora valida. La richiesta del pontefice è alquanto strana e non manca di sollevare dubbi nei membri della Curia. Questi ultimi, ancora, ritengono che dalla risoluzione di questo enigma derivi la sopravvivenza o la disfatta della Chiesa stessa. Tanti i coinvolgimenti, tanti i punti di collisione tra passato e presente. Ma cosa è successo nello ieri per avere un ruolo così determinante nell'oggi?
E’ da questo breve assunto che ha inizio “Il Debito” ultimo libro a firma Glenn Cooper. Sin dal principio chi legge si trova di fronte ad un romanzo che caratterizzato da un linguaggio fluente che ben bilancia il mistero e che quindi invoglia ad andare avanti. L’autore, inoltre, ben calibra i salti temporali. Certo, talvolta, il narratore tende a dilungarsi in dettagli evitabili, o comunque di interesse minore per il lettore, ma ad ogni modo la scorrevolezza del testo non viene eccessivamente inficiata. Se dal punto di vista stilistico l’opera non colpisce per erudizione ma nemmeno disdegna, da quello contenutivo, purtroppo, pecca un scontatezza. L’autore non brilla particolarmente di originalità, anzi, non solo si fossilizza su un tema trito e ritrito su cui è stato detto e ridetto, supposto e non supposto, ma vi inserisce una miriade di cliché sostenuti e costeggiati da qualche inesattezza storica e giuridica.
In conclusione, “Il debito” è un elaborato adatto a chi cerca una storia di facile lettura con cui trascorrere qualche ora piacevole, è uno scritto dall’evoluzione statica e di facile intuizione, è un componimento con cui è impossibile gridare al capolavoro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
sI = agli appassionati del genere e di Cooper
No = a chi non è un passionista del filone e/o ama romanzi di una diversa tipologia.
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Devo ringraziarti: ho risparmiato un ventina di euro!!! Il fatto che uno dei 3 migliori libri mai letti (La Biblioteca dei Morti) sia stato scritto da lui, mi porta, all'uscita di ogni suo libro (che sforna come pizze...) a volergli dare credito. Ne ho letti altri dei suoi, e in alcune circostanze, portarli a termine è stato come infliggermi una penitenza. E allora la domanda è: chi è realmente Glenn Cooper?
Con la tua opinione sono arrivato alla conclusione che prenderò il libro solo se Amazon me lo offre a € 0,99!!!
Temo che il libro in questione non faccia per me, visto che non sono un appassionata del filone...
Seguirò il tuo consiglio, così, almeno per oggi, la mia lista desideri non aumenta! :D
In risposta ad un precedente commento
Mian88
26 Novembre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie a te Piersamedi per aver letto il mio consiglio. Son sincera, l'ho trovato pieno di cliché, scontatissimo e irreale. Ci sono una miriade di incongruenze logiche, storiche e giuridiche. E poi, basta. Basta, basta, basta con tutti questi complotti che avrebbero ad oggetto la Chiesa. Che poi, notoriamente questa istituzione ha dei servizi segreti potentissimi. Figuriamoci se per scoprire le origini di un presunto debito il Papa si affiderebbe a un presunto studioso e per di più americano. Questa, è giusto una delle dissonanze evidenti nel testo.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
26 Novembre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Uhm.... no Laura, direi proprio di no. Non rientra proprio nei tuoi generi :-) Abbiamo salvaguardato la lista desideri, per oggi.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Un'amicizia
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri