La paziente silenziosa La paziente silenziosa

La paziente silenziosa

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Alicia Berenson sembra avere una vita perfetta: è un’artista di successo, ha sposato un noto fotografo di moda e abita in uno dei quartieri più esclusivi di Londra. Poi, una sera, quando suo marito Gabriel torna a casa dal lavoro, Alicia gli spara cinque volte in faccia freddandolo. Da quel momento, detenuta in un ospedale psichiatrico, Alicia si chiude in un mutismo impenetrabile, rifiutandosi di fornire qualsiasi spiegazione. Oltre ai tabloid e ai telegiornali, a interessarsi alla «paziente silenziosa» è anche Theo Faber, psicologo criminale sicuro di poterla aiutare a svelare il mistero di quella notte. E mentre a poco a poco Alicia ricomincia a parlare, il disegno che affiora trascina il medico in un gioco subdolo e manipolatorio.



Recensione della Redazione QLibri

 
La paziente silenziosa 2019-04-16 15:52:30 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    16 Aprile, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Psicanalisi con omicidio

Alicia Berenson era una affermata pittrice. Era innamoratissima del marito Gabriel, noto fotografo di moda. Era ricca. Viveva in una bella casa a Londra. La sua vita sembrava perfetta. Ma un 25 agosto la polizia fece irruzione a casa sua e trovò Gabriel morto, con il volto sfigurato da cinque colpi di pistola. Alicia, impietrita in piedi davanti a lui, aveva le vene dei polsi tagliate. Sopravvisse, ma da quel giorno smise di parlare, sia pure per difendersi dall'accusa di omicidio.
È stata rinchiusa in un manicomio criminale e lì è restata a languire per sei lunghi anni sino quando lo psicologo forense Theo Faber, ammaliato dalle sue opere, soprattutto dall'ultima, “L'Alcesti”, dipinta dopo i tragici eventi, decide di far di tutto per riportare in superficie quello spirito dolente e riportarlo alla vita. Si instaura, così, un complicato rapporto psicanalitico a doppio senso. Mentre Theo cerca di far breccia nella dura scorza di mutismo e indifferenza di Alicia, al tempo stesso è costretto a riesaminare i propri traumi infantili, causati dal padre violento ed arrogante, e di adulto con moglie adorata, ma infedele.

“La paziente silenziosa” è un romanzo insolito, ma decisamente intrigante. La tensione emotiva, il thrilling, è palpabile, ma si nasconde in modo insidioso nelle pieghe pigre e morbide di una narrazione lenta come possono esserlo i resoconti quotidiani di un diario; quello scritto da Alicia e quello solamente narrato da Theo. Le vicende si susseguono quasi torpide, senza scosse. Ci mostrano prima gli iniziali insuccessi di Theo come psicologo (che non riesce a far reagire la donna) e come uomo (prima frustrato dall'arroganza paterna e, poi, umiliato dall'infedeltà della moglie). Da medico lo vediamo tramutarsi in investigatore accanito che cerca di ricostruire il passato della paziente e, contemporaneamente, di dare un volto all'amante della moglie. Infine, in un climax da tragedia greca (proprio come l'Alcesti) le vicende accelerano sino al drammatico ed inaspettato finale.
La parte più coinvolgente è proprio questo doppio flusso narrativo che ci mostra Theo sia nelle vesti di medico che in quelle di “paziente” di sé stesso. Probabilmente le due vicende raccontate separatamente non avrebbero avuto il medesimo impatto emotivo, ma questo alternarsi di fronti angoscia ed affascina nel contempo. La bellezza di questo avvicendarsi di storie è tale che pure in assenza dello sconvolgente finale il romanzo sarebbe stato ugualmente godibile. Il coup de theatre conclusivo giunge come un violento ceffone in faccia al lettore che rimane totalmente spiazzato, attonito ed incredulo. Ma anche ipotizzando una conclusione più pacata e composta sarebbe difficile non partecipare delle vicende di Alicia e Theo.
Una piccolissima postilla che non vuol essere uno spoiler, ma un riconoscimento alla genialità dell’A.: come i più grandi registi di film gialli ci mette davanti agli occhi immediatamente gli indizi per la soluzione dell’enigma poliziesco (il titolo del quadro ed il nome dello psicologo), ma solo nelle ultime pagine è possibile comprendere il furbo ammiccamento in essi contenuto. Bravo, davvero bravo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.7
Stile 
 
4.3  (4)
Contenuto 
 
4.5  (4)
Piacevolezza 
 
5.0  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La paziente silenziosa 2019-12-15 16:20:05 Erich28592
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Erich28592 Opinione inserita da Erich28592    15 Dicembre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In trappola

Alicia Berenson è ormai da tempo l’ombra di se stessa, la giovane pittrice di successo che era stata fino a pochi anni prima.
Tutto cambiò la notte in cui suo marito Gabriel, rincasato dopo una giornata di lavoro, venne freddato da cinque colpi di pistola, in pieno volto. Le dinamiche dell’accaduto lasciarono pochi dubbi agli inquirenti: ad esplodere quei colpi non poteva che essere stata sua moglie.
Da quel momento in poi, Alicia si chiuse in se stessa, rifiutandosi di interagire - verbalmente o in qualsiasi altro modo - con chiunque; la giovane artista affidò la propria testimonianza ad una tela che dipinse a pochi giorni dal tragico evento, in attesa del processo che l’avrebbe dichiarata colpevole dell’omicidio di suo marito, e che fece spalancare per lei le porte di un ospedale psichiatrico, a seguito del riconoscimento della sua seminfermità mentale.
Ma cos’è successo veramente quella notte? E perché Alicia Berenson si è rifugiata in un mutismo apparentemente impenetrabile?
Theo Faber, un giovane psicologo criminale, si convincerà che la chiave di tutto sia l’Alcesti, l’ultima opera dipinta da Alicia, e deciderà di mettersi in gioco, tanto professionalmente quanto umanamente, per salvare la propria paziente...

*

Era da parecchi mesi che non mi concedevo una lettura così leggera (non tanto per tematiche, quanto per genere letterario e “peso specifico” dell’opera), e devo dire che ho trovato “La paziente silenziosa” un romanzo godibilissimo. I ritmi sono serrati, la narrazione avvincente, i personaggi principali ben caratterizzati; dovessi fare un appunto, avrei forse rafforzato leggermente certi passaggi logici, rendendo la narrazione più fluida, consequenziale e digeribile. Tuttavia, il mio è nulla più che un appunto, che riflette peraltro un gusto squisitamente personale.

L’opera di Alex Michaelides è ben architettata, l’impianto narrativo è originale e solido, ben strutturato; la lettura scorre che è un piacere - questo romanzo è un autentico “page-turner” -, e il colpo di scena che sorprende il lettore nel finale è più di un semplice colpo ad effetto: per metabolizzarlo, ho dovuto alzare gli occhi al cielo per qualche minuto, per riscrivere mentalmente quanto avevo letto fino a quel momento, che sembrava non avere più alcun senso, fino a che, improvvisamente, ha iniziato ad averne più che in precedenza...

Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
La paziente silenziosa 2019-07-08 17:17:58 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    08 Luglio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lo psicologo Theo e la paziente Alice

Alex Michaelides scrive il suo romanzo d’esordio con La paziente silenziosa. Un thriller avvincente che si divora freneticamente.
Narra la storia di Alice Berenson, pittrice, che una notte uccide con un colpo di pistola suo marito Gabriel. Da quella notte smette di parlare. Passano molti anni e Theo Faber, giovane psicologo, viene assunto nell’ospedale psichiatrico dove Alice è rinchiusa. Lui è convinto di poter fare breccia in quel muro di silenzio. Lei, dopo l’omicidio, dipinge un quadro, un autoritratto, il cui titolo è: Alcesti. Lei è:
“l’eroina di un mito greco. Una storia d’amore tra le più tristi. Alcesti sacrifica spontaneamente la vita per il marito Admeto, morendo al suo posto quando nessun altro è disposto a farlo.”
Riportata in vita, Alcesti, resta muta per sempre. Lo psicologo Theo inizia dall’analisi del quadro, per poi passare ad una conoscenza più approfondita della paziente: la sua vita affettiva, il lavoro, gli amici, i parenti. Ma perché tutto questo accanimento? Per lo psicologo che cosa significa Alice e il suo caso disperato?
Un giallo ben congegnato e ben strutturato. Un finale inaspettato accende la curiosità per il lettore attento e curioso. La psicoterapia, l’analisi sono argomenti trattati con perizia e sapienza narrativa. Espressone di una buona conoscenza dell’argomento trattato e del genere a cui appartiene. Ritratto vivido e preciso di un silenzio che urla con forza e prepotenza tutta la drammaticità insita nella storia narrata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
La paziente silenziosa 2019-05-09 09:06:20 Mian88
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    09 Mag, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alcesti

Sono già trascorsi sei anni dal giorno dell’omicidio del quarantaquattrenne fotografo Gabriel Berenson per mano della trentatreenne moglie e pittrice di successo, Alicia Berenson. Allora sposati da sette anni, la coppia non aveva destato sospetto alcuno di possibili liti, dissapori o angustie nel rapporto. L’atto commesso dalla giovane donna non poteva pertanto che esser classificato come un gesto dovuto ad una psiche debole, malata, nevrotica, paranoica. A seguito del processo, il ricovero coatto presso il Grove Hospital e il silenzio. Un silenzio perpetrato per tutti e sei gli anni di degenza. Tuttavia, Theo Faber, psicologo di quarantadue anni divenuto tale perché in passato egli stesso nevrotico, è convinto di poter aiutare la “paziente silenziosa” e di poterla destare da quel mutismo in cui è calata. Per questo decide di lasciare il suo sicuro posto di lavoro per trasferirsi presso la precaria (molteplici sono le minacce di chiudere la struttura, manca solo il giusto pretesto) clinica in cui ella è ricoverata, per questo manifesta sin dall’inizio la volontà di lavorare a stretto giro con lei. Riuscirà Theo nella sua missione? La risposta non può che essere affermativa ma, badate bene, quel che emergerà dalla ricerca dell’uomo è molto più di quanto ci si possa aspettare e, tassello dopo tassello, verrà a ricostruirsi un quadro molto diverso, ed estremamente più grande, di quelle che sono le aspettative del curioso conoscitore.

«Una volta che dai un nome a qualcosa, non riesci più a considerarla nella sua interezza o a capire perché è importante. Ti concentri sulla parola, che è davvero solo la parte minore, la punta dell’iceberg.»

Il risultato finale è quello di un thriller intelligente, astuto, intrigante, dalla ben calibrata tensione emotiva e studiato su due registri. Un primo, in cui la scena è interamente riportata dalle voci dei due protagonisti per mezzo dei loro espliciti e impliciti diari, dove alcun colpo di scena sembra intervenire o scuotere quella che è una narrazione lineare, calma, logica, quasi come se fosse un report e in cui iniziamo a conoscere le due figure principali percependo soltanto un miraggio di quella che sarà l’evoluzione del testo. Un secondo, in cui assistiamo alla trasformazione di un medico in investigatore, un investigatore che non ha timore di essere provocatore, di muovere fili e tessere per ricostruire quella fantomatica notte. Non solo, in questa sezione conosciamo davvero la figura di Alicia tanto nella sua vita da pittrice e con tutti i satelliti di persone, fatti e cose che la circondavano, tanto nella sua prospettiva di degente. Conosciamo ancora dell’Alcesti e quella che era una vicenda priva di scossoni, muta sino a raggiungere alti livelli di alta drammaticità e di tragedia greca che conducono ad un epilogo ben studiato e congeniato.
La forza, comunque, di questo scritto risiede proprio nell’ingegnosa struttura con cui è stato costruito. L’autore è riuscito a dar vita ad una pièce che conquista e affascina, che presenta immediatamente indizi per la risoluzione dell’enigma seppur non immediatamente percepibili, che incuriosisce e spinge chi legge ad andare avanti per conoscere dell’arcano. I protagonisti, dal loro canto, funzionano perché veritieri e concreti e perché privi di qualsivoglia imprecisione e illogicità. L’impressione è proprio quella di trovarsi innanzi ad una ben riuscita sceneggiatura. Non mi stupirei se dall’opera fosse tratta una pellicola.
“La paziente silenziosa” è quindi un thriller ben congeniato, godibilissimo, che si divora in pochissime ore e che ci porta alla conoscenza di uno scrittore geniale e con grandi doti di narratore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
La paziente silenziosa 2019-04-16 06:53:31 Katia
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Katia    16 Aprile, 2019

Un vero giallo d'autore

La bellezza di un libro è rubarti la mente, estraniarti da tutto per rimanere lì, fissa tra quelle pagine.
Ecco Alex Michaelides riesce con questo thriller magistrale a tenerti legato a doppio filo alla sua "La paziente silenziosa".
Un giallo d'autore con un tocco di introspezione psicologica profonda da gustare pienamente.
La storia di un omicidio: Alicia, una donna misteriosa che viene accusata di aver ucciso brutalmente il marito, il suo persistente silenzio dopo l'accaduto, uno psicologo che cercherà di capire questa ermetica chiusura.
Cosa si nasconde dietro questo silenzio? E'stata Alicia a perpetrare questo terribile gesto?
Un racconto ricco di personaggi, di intrecci e intrighi, fino ad arrivare ad una conclusione sorprendente e inaspettata.
Un mirabile scrittore Michaelides, una narrazione semplice, elegante e accattivante, un moderno George Simenon.
Un caso letterario, stanno traducendo il testo in 42 paesi.
Un libro destinato a diventare anche un film.
Rimani senza fiato fino all'ultima pagina.
Letto in una giornata... Un incanto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Chi ama George Simenon.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri