La ragazza della pioggia La ragazza della pioggia

La ragazza della pioggia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


È notte fonda. L’autostrada è quasi deserta e la pioggia si accanisce impietosa sull'asfalto nero. Bohrmann è esausto, non vede l'ora di arrivare a casa. All'improvviso, sbucata dal nulla, davanti a lui appare una figura esile. L'impatto è inevitabile. Bohrmann inchioda, scende dall’auto e chiama l'ambulanza, però non c'è niente da fare. La ragazza è morta. Ma, come appurerà il medico legale, non per via dell'incidente: qualcuno l'ha colpita con violenza alla testa; qualcuno da cui lei stava scappando, senza sapere di essere già condannata. La detective Franza Oberwieser si sente vecchia e stanca. Intrappolata in un matrimonio felice solo in apparenza, ha cercato conforto tra le braccia di un amante, aggiungendo alla solitudine anche il senso di colpa. Poi c'è Ben, il figlio cui ha sempre dedicato troppo poco tempo e che adesso, a vent’anni, le rivolge a stento la parola. Ed è proprio a Ben che Franza pensa di fronte al corpo senza vita di quella ragazza, che doveva avere più o meno la sua età. Mentre teme che questo nuovo caso la terrà ancora più impegnata del solito, allargando la distanza che la separa dalla famiglia, una svolta nelle indagini le fa crollare la terra sotto i piedi. Dalle prove rinvenute, sembrerebbe infatti che Ben conoscesse molto bene la vittima. Anche lui è implicato nell'omicidio? È per questo che ultimamente è così silenzioso? E come può una madre sospettare il figlio? Divisa tra il suo dovere di poliziotto e l'istinto che le urla di proteggere la famiglia, Franza si rende conto di non sapere più nulla. Perché non ha idea di cosa farà, quando sarà costretta a scegliere tra Ben e la verità...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.5  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La ragazza della pioggia 2019-07-07 21:23:54 ALI77
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    07 Luglio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

POCA EMOZIONE E POCA SUSPENSE

**DOVE SEGNALATO NEL TESTO POSSIBILE SPOILER**
ll romanzo inizia con il ritrovamento del corpo senza vita di Marie, sembra che la ragazza sia apparsa all'improvviso nell'autostrada di notte e che un automobilista l'abbia travolta.
In seguito si scoprirà che però non sarà quello il motivo del suo decesso, prima era stata colpita alla testa.
Chi le ha fatto del male? E perché?
E’ questo che dovranno scoprire Franza e la sua squadra, nel corso della storia verranno a galla molti drammi famigliari e alcuni segreti dal passato.
Questo libro ha molti difetti, il primo fra tutti è sicuramente la costruzione dei personaggi che risultano essere poco approfonditi.
Franza è un commissario donna che da subito risulta essere distante, un personaggio freddo e distaccato, sembra quasi una persona esterna alla storia, come se non stesse vivendo la vicenda in prima persona.
Ha un marito con cui è sposata da anni e dall'altra parte anche un amante che forse ama o forse no, ma soprattutto non credo che dare spazio, in un libro di 300 pagine, a questa relazione extraconiugale abbia aiutato la narrazione.
A parte questo ci viene presentata in maniera superficiale, non fa una piega nemmeno quando suo figlio Ben sembra essere coinvolto con la scomparsa di Marie. Il ragazzo aveva un rapporto molto stretto con la vittima.
Anche questo è un punto debole della storia. Nella quarta di copertina leggiamo di un possibile legame tra Marie e Ben ma questo punto non viene approfondito se non alla fine della storia, forse è un’anticipazione non voluta?
***Possibile spoiler***
In più questo Ben appare solo nei flashback che l'autrice inserisce nella storia, ma il suo personaggio non esiste, aleggia sulla storia ma è lontano, perchè non viene interrogato, ne è mai presente nella narrazione.
La relazione che aveva con Marie non è forse importante? Non è rilevante per la storia?
Non potrebbe essere utile rintracciarlo?
***fine spoiler***
Un altro punto debole è l’investigazione di Franza e della sua squadra, che risulta stentata, con poco emozione e con ancora meno suspense.
L’intreccio narrativo è buono, però si riesce ad intuire chi possa aver fatto del male alla ragazza.
Marie è il personaggio più interessante della storia ma anche qui non viene approfondito poi molto, la conosciamo attraverso dei capitoli dove vengono ripercorsi alcuni passaggi della vita della ragazza.
La giovane era un’adolescente complicata, molto bella ma anche estremamente fragile, come forse lo sono molti adolescenti.
La scelta di narrare in terza persona secondo me allontana ancora di più il lettore, che come dicevo anche prima, è distante, soprattutto a livello emozionale, dalle vicende e dai personaggi.
E’ un peccato, questo thriller non mi ha convinto e non sento di consigliarlo perché mi ha lasciato poco o niente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

La ragazza della pioggia 2015-12-30 18:51:58 Pelizzari
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    30 Dicembre, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cosa può fare un orsetto...

…che si chiama Winnie The Pooh... Può sconvolgere una vita. In questo caso la vita di una poliziotta che, con quell’orsetto, trovato per caso, ha una folgorazione che le sconvolge l’anima e la vita. E’ bello questo giallo, ha un non so che di triste ma anche di luminoso. Ed è un racconto che testimonia da una parte come la vita può mandare tutto all’aria in qualsiasi momento, dall’altra quanto nella vita sono a volte ricorrenti alcuni elementi, i cosiddetti corsi e ricorsi storici. Buoni sono i personaggi, sia i principali, sia quelli minori. Il più bello è la figura della mamma della vittima. Il meno riuscito è il figlio della poliziotta, trovata letteraria che ci permette di capire meglio il carattere della poliziotta ma che resta personaggio fittizio ed è una scelta che non ho apprezzato molto. La storia è buona. Anche il ritmo. Si affievolisce un po’ forse a metà del libro, ma poi riprende vigore. Ricorrenti la pioggia, il sangue, la strada, la ragazzina. Ricorrenti come i pensieri che girano e rigirano in tondo e che si attorcigliano nella mente di chi vuole scoprire la verità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'eredità di Mrs Westaway
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vita in parole
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri