Misery Misery

Misery

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La storia inizia quando Paul Sheldon esce lentamente dal coma. Recupera gradualmente la memoria: è un popolare scrittore di romanzi, autore della serie Misery, coinvolto in un incidente stradale durante una tempesta invernale fuori da Silver Creek e gravemente ferito. La sua salvatrice, Annie Wilkes, è un'ex infermiera professionale e lo ha portato a casa propria per curarlo di persona. Per fortuna, Annie è la fan numero uno di Paul ed attende impazientemente nuove pubblicazioni della sua serie preferita. Con il passare del tempo, in ogni caso, Paul scopre che esiste anche il rovescio della medaglia: Annie è mentalmente malata, non ha detto a nessuno dove lui si trovi, e ha un passato violento che comprende una carriera di serial killer.



Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 24

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.7  (24)
Contenuto 
 
4.6  (24)
Piacevolezza 
 
4.5  (24)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Misery 2020-04-16 07:59:53 martaquick
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
martaquick Opinione inserita da martaquick    16 Aprile, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN ROMANZO DECISAMENTE URCOSO

Non sono una persona particolarmente sensibile e non mi sono mai fatta intimorire da mostri e altri elementi horror, nella lettura, nei film invece il miei limiti sono tutto ciò che riguarda esorcismo e tortura umana.
Detto questo, un romanzo di King come sappiamo bene tratta l'oscurità in tutte le sue forme e in questo in particolare si parla di un uomo letteralmente tormentato.
Devo dire che la lettura è stata davvero raccapricciante, non mi sono mai trovata davanti ad un libro che mi abbia fatto orrore, che allo stesso tempo mi chiamava e mi disgustava, una lettura terribile e devo dire che una notte ho fatto anche un brutto incubo.
Lo scrittore Paul Sheldon dopo un grave incidente in macchina viene "salvato" da Annie Wilkes, una sua grande fan e lettrice assidua della serie di thriller avvincenti con protagonista Misery.
Quello che salta subito alla mente di Paul e anche al nostro occhio è: perchè Annie non ha portato Paul all'ospedale? Perchè ha preferito curarlo in casa, lei ex infermiera, invece che chiamare un ambulanza e nel frattempo fare solo qualche operazione di primo soccorso?
Durante la lettura scopriremo il motivo..
King ci descrive un nuovo lato oscuro della psiche umana, quello delle persone mentalmente instabili che all'apparenza ad un occhio disattento possono sembrare normali ma che in realtà nascondono pulsioni e perversioni al di là della nostra immaginazione.
Paul subirà supplizi in vari modi, nel corpo e nell'anima.
L'aggettivo della mia recensione, "urcoso", è un termine di Annie Wilkes che descrive con termini assurdi tutto quello che la disturba.. e ci sono moltissime cose che la infastidiscono come scoprirà Paul Sheldon.
Un capolavoro da mal di pancia, il più terribile romanzo del re che io abbia letto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Agli amanti dell'horror
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Misery 2018-08-03 10:20:21 Giulia
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Giulia    03 Agosto, 2018

King non delude mai!

Come spesso accade, King racconta la storia di uno scrittore: Paul Sheldon ha appena terminato di scrivere il suo ultimo romanzo ("Bolidi") e con la valigetta piena di fogli scritti a macchina sul sedile del passeggero, intraprende tranquillo un viaggio con la sua Camaro. La strada è ricoperta di neve e la sua auto precipita rovinosamente in un dirupo. La fortuna, o forse la sua disgrazia più grande, è che a estrarlo dalla trappola delle lamiere dell'auto, è la sua ammiratrice numero uno, Annie Wilkies. Annie è una (ex) infermiera che vive da sola in una casa isolata nel Colorado, dove porta Paul dopo l'incidente. Qui Annie si prende cura di lui, e anche se inizialmente sembra che voglia davvero il bene del suo scrittore preferito, quando scopre che la protagonista del suo romanzo preferito, Misery Chestain, muore, Annie è pronta a tutto per assicurarsi che Paul faccia risorgere la sua eroina in nuovo libro, e forse "Il ritorno di Misery" è l'unico motivo per cui Annie tiene in vita Paul, ed è l'unico mezzo con cui Paul tiene in vita sé stesso.

Misery è un romanzo claustrofobico: è interamente ambientato nella casa di Annie e in particolare nella stanza dove sistema Paul per predisporlo a una pronta guarigione (o morte). L’unico modo per uscire dalla casa è leggere quello che Paul scrive ne "Il ritorno di Misery", così King costringe la nostra mente in un solo luogo, trasmettendo perfettamente il senso di immobilità del protagonista con le gambe spezzate dall’incidente e che per mesi non vede altro che la sua stanza, con la porta, una finestra, e la scrivania con la macchina da scrivere.

L’univocità del romanzo è confermata anche dai personaggi: Annie e Paul, sono solo due, ma anche mille. Il Paul scrittore, il Paul vittima, il Paul con la voglia di morire e quello che si aggrappa alla vita, quello che medita un omicidio, ma che si sente estremamente fragile e dipendente dalla donna che vorrebbe uccidere, ma che ne sarebbe di lui senza di lei, se ogni via d’uscita è sbarrata? E poi c'è Annie, la Annie sadica, violenta, furba, ma anche ingenua e devota di fronte alle pagine del romanzo che Paul sta scrivendo per lei.
La profondità con cui i due personaggi vengono descritti è disarmante; dopo aver letto Misery conosco bene Paul, sento la sua paura e la sua forza e ovviamente conosco bene Annie sento la sua follia e posso prevedere come reagirà a ogni ribellione di Paul.

La suspense è tenuta alta da delle voci fuori campo, le più intime voci di Paul, dai ricordi della sua infanzia, che diventano metafore del suo dolore, come quei piloni spezzati che vedeva da piccolo, che sporgono dalla spiaggia, lentamente sommersi e poi scoperti dalla marea. Tutto ciò rende la storia reale, completamente priva di elementi fantastici, frequenti nei libri di King, questa volta non ci sono, tutto è estremamente vero, tutto potrebbe accadere nella vita di chiunque, non c’è nessun particolare “impossibile”, ed è proprio questa magistrale autenticità a rendere Misery un romanzo da brividi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri romanzi di Stephen King
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Misery 2018-03-31 19:16:25 Ale89
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ale89 Opinione inserita da Ale89    31 Marzo, 2018
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ironia della sorte

Ho letto questo libro conoscendone la fama e quindi con un'alta aspettativa che è stata pienamente soddisfatta.
La storia mi fa venire in mente la canzone "Stan" di Eminem dove un fan sfegatato del cantante si spinge ben oltre i limiti del consentito.

Misery è l'eroina dello scrittore Paul Sheldon, a cui ha donato popolarità e successo. Dopo una serie di volumi tuttavia lo stesso Paul si sente intrappolato dalla sua stessa creatura e decide di farla morire nel suo ultimo romanzo.

Paul ha chiaramente bisogno di un cambiamento che non tarderà a presentarsi il giorno in cui esce fuori strada durante una tempesta di neve e la sua macchina viene catapultata sulla scarpata di una montagna. Per fortuna Anni Wilkes, una ex infermiera nonché sua fervida ammiratrice, passava di lì e lo trae in salvo portandolo a casa sua.

Paul non avrebbe comunque avuto possibilità di scelta perché sarebbe morto nella tempesta se non fosse stato scovato da Annie che al principio si mostra molto gentile ed efficiente nei suoi confronti. Pian piano però comincia a rendersi conto che c'è qualcosa che non va in quel donnone che abita da sola in una casa sperduta del Colorado. Annie è molto religiosa e si scandalizza udendo delle parolacce ma d'altra parte scatta in accessi d'ira furibondi quando la si contraddice o si fa qualcosa che non le sta bene. Quando viene a sapere che lo scrittore ha riservato una brutta fine per il suo personaggio preferito va su tutte le furie e la psicopatica che è in lei viene fuori. A questo punto Paul è terrorizzato e si vede senza scampo, ma è abbastanza intelligente da capire con chi ha a che fare e asseconda la sua salvatrice per quanto gli è possibile. Uscire da li è molto improbabile perché non è in grado di camminare e riesce a gestire il dolore delle gambe spezzate solo tramite il Novril, un farmaco che Annie gli somministra e da cui diventerà dipendente.

La dipendenza da farmaci rientra spesso nelle storie di King come ad esempio ne "L'incendiaria", visto che lo stesso Stephen ha dovuto combattere contro di essa nella sua vita reale e probabilmente Misery rappresenta una delle sue paure da scrittore di best seller che è divenuto al momento in cui lo scrive.

Raccontare una storia ambientata interamente in una casa non sembrerebbe una facile impresa ma King ci riesce e la descrizione della casa ci fa capire molto della proprietaria Annie. Alle porte ci sono serrature e chiavistelli di ultima generazione e in salotto un album di ritagli racchiude tutte le misfatte compiute dall'ex infermiera che a dispetto dell'apparenza da sempliciotta è estremamente attenta e perspicace.

Nel corso della storia Annie a volte esce di casa per fare delle commissioni e in quei frangenti è possibile percepire la tensione provata da Paul che come un bambino che teme di essere scoperto mentre compie una marachella si aggira per la casa tentando di trovare una soluzione a quella situazione surreale.

Da una parte mi viene da pensare come sarebbe evoluta la storia se Paul non avesse ucciso Misery. Annie lo avrebbe sequestrato e maltrattato allo stesso modo? Gli chiede a di riscrivere il romanzo senza uccidere Misery e paradossalmente questo è l'unico elemento positivo della faccenda tanto che Paul comincia a prenderci anche gusto. La scrittura per King è terapeutica come lui stesso ha più volte affermato e aiuta Paul a distaccarsi temporaneamente da una condizione che altrimenti lo avrebbe fatto impazzire. D'altra parte non si capisce bene dove voglia andare a parare Annie che già non gode di una buona fama in paese ma non può pensare di passarla liscia: qualcuno prima o poi verrà a cercare Paul.

Quest'ultimo si rende conto che Annie è una completa squilibrata, che ha difficoltà a distinguere la fantasia dalla vita reale e che probabilmente è disposta ad arrivare a molto più di una sonora sgridata. Ed infatti arriverà a fare molto di più ma non voglio rovinare la sorpresa a chi non ha ancora letto il libro.

Con Misery King ci fa entrare nel mondo di una psicopatica, ci rende partecipe del suo modo di vivere e di pensare e contrariamente a quanto avviene in Shining ad esempio, qui è assente qualsiasi elemento appartenente al paranormale. La storia infatti è immersa concretamente nella realtà che tuttavia viene deformata dalla fantasia di Annie, la quale è seriamente convinta che quello che sta facendo sia giusto. È Dio a guidarla e qui mi fa venire in mente il modo di ragionare che potrebbe essere quello di un terrorista.

Paul dovrà fare il doppio gioco, entrare nel mondo di Annie e combatterla sul suo stesso livello. Indubbiamente uno scenario interessante che vi consiglio di esplorare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Shining
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Misery 2018-02-12 08:50:25 Valerio91
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    12 Febbraio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Miseryaccia

Forse il libro più raccapricciante che abbia letto di King (difficile a credersi, ma forse anche più di It). Il Re dell'orrore nella sua accezione più pura, capace di rendere al meglio il senso di impotenza del protagonista, confinato nelle pareti di una stanza con le gambe rotte, incapace di camminare e ribellarsi.
Lo stile di King è inconfondibile, pur dando la sensazione di cambiare da libro a libro: ha quel tocco di unicità che cogli in qualsiasi caso, in qualsiasi salsa. Credo che vada annoverato tra i grandissimi scrittori del nostro tempo, perché seppure le sue storie facciano dell'intrattenimento un punto focale, credo che non si possa limitare l'autore in questo settore. King è un vero e proprio artista, non c'è molto altro da dire, anche solo per come caratterizza i suoi personaggi: basti guardare subito dopo la lettura il film tratto da "Misery", e ci si renderà conto del lavoro immane fatto dal Re. L'attrice che ha interpretato Annie Wilkes ha vinto l'Oscar per quella interpretazione, e pensate che il personaggio cinematografico non ha nemmeno il trenta per cento della caratterizzazione del suo alter ego letterario; per non parlare del protagonista Paul Sheldon, che nel libro è un tornado di emozioni e riesce a rendercene partecipi con empatia. Insomma, il lavoro dell'autore si vede ed è molto importante.
Ma già soltanto il riuscire a rendere avvincente un romanzo completamente ambientato nelle quattro mura di una stanza, è un'impresa in cui credo siano riusciti in pochi.
Mostruoso.

Paul Sheldon è uno scrittore di successo, diviso dalla sua voglia di voler lasciare un segno nella letteratura e lo sfruttare il suo personaggio più rappresentativo, Misery, protagonista di un romanzo che non ha certo le potenzialità per segnare la storia della letteratura, ma che in fondo lo ha reso ricco.
Ormai deciso a liberarsi di questo peso per dedicarsi alla letteratura che gli piace, nel suo ultimo libro Paul Sheldon uccide Misery, per poi dedicarsi a un nuovo romanzo che considera una svolta della sua carriera.
Una volta terminata la scrittura, lascerà l'hotel in cui lo ha scritto per recarsi a casa, proprio durante una bufera. Mezzo ubriaco, avrà un incidente e si spezzerà tutte e due le gambe, e solo il fato (un fato abbastanza sadico) manderà in suo soccorso Annie Wilkes, ex infermiera che lo ricovererà nella stanza degli ospiti e che il caso vuole sia la sua ammiratrice numero uno. O meglio, l'ammiratrice numero uno della sua Misery. Già palesemente instabile di primo acchitto, Annie peggiorerà sempre più, prima leggendo il nuovo romanzo di Paul zeppo di volgarità, poi scoprendo che la sua eroina Misery è stata uccisa dal suo creatore nell'ultimo libro che non aveva ancora letto. Da qui, la sua follia sarà una parabola ascendente: costringerà Paul a rimanere recluso in casa sua e poi, a riportare in vita la sua eroina in un nuovo romanzo: Il ritorno di Misery.
Da qui, ha inizio un incubo che perseguiterà Paul Sheldon per sempre.

"Come batte il suo cuoricino! Come lotta per liberarsi! Come noi, Paul. Proprio come noi. Noi crediamo di sapere tante cose, mentre in realtà non ne sappiamo più di un topo in trappola... un topo con la schiena spezzata che crede di avere ancora voglia di vivere."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Misery 2017-12-26 09:28:47 Pupottina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    26 Dicembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La"sua" ammiratrice numero uno.

Impossibile per la mia generazione non pensare a Annie Wilkes con il volto di Kathy Bates! Assurda eppure verosimile la storia narrata. Una storia nella storia. Uno scrittore che parla della sua professione svelandone i retroscena. Una lettrice, molto più che appassionata, letteralmente ossessionata da un personaggio letterario, ma anche dai suoi innumerevoli problemi psichici. Una storia di dipendenze: lo scrittore di bestseller, Paul Sheldon, dipendente, prima dall'alcol, cui non riesce a porre un limite, poi dal Novril, un farmaco antidolorifico dai numerosi effetti collaterali; l'ex infermiera, Annie Wilkes, dipendente dal suo personaggio inventato, Misery Chastain, ma anche dagli atti efferati che compie impunitamente da quasi tutta la sua vta.
È un romanzo che si evolve in un crescendo di suspense. Bravissimo Stephen King: nel delineare gli effetti allucinatori delle droghe sulla mente umana; nel parlare dell'essere scrittore, dal momento creativo sino alle aspettative dei lettori, dalle ansie correlate all'atto creativo, meglio note come "blocco dello scrittore", all'euforia e agli impulsi impellenti della stesura. Ma Stephen King è stato bravissimo in molto altro. Ogni elemento o dettaglio nella narrazione trova una sua speciale collocazione nel disegno complessivo.
Basti pensare anche al personaggio di Annie Wilkes, non un semplice tipo, quello della psicopatica, ma un personaggio a tutto tondo, dalla psicologia complessa e multi sfaccettata. Annie Wilkes è nata nel 1987, ma è attuale ancora oggi. A distanza di trent'anni, sia nei romanzi sia nei film, sono tante le Annie Wilkes proposte e spesse volte anche la cronaca sembra svelare episodi criminali parzialmente in comune con i suoi efferati delitti.
Lo stile di King nel tempo forse è un po' cambiato, ma sicuramente nel 1987 era al massimo livello. Ritengo che MISERY sia la sua opera più riuscita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Misery 2016-06-12 09:59:53 sonia fascendini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    12 Giugno, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

la fan numero uno

L'aveva pensata bene Paul Sheldon: così tranquillamente davanti a tutti uccidere all'improvviso e senza ragione Misery. Le sue appassionati lettrici se ne sarebbero fatte una ragione, avrebbero trovato un'altra abitante di libri rosa/erotici per riscaldare le loro tristi serate. Lui, il grande scrittore le avrebbe lasciate col loro cuore straziato e si sarebbe tranquillamente dedicato a volumi più importanti. Forse le cose sarebbero andate così se non avesse bevuto troppo, non avesse sottovalutato una tormenta in arrivo e non fosse finito in un fossato con le gambe fratturate in più punti. Invece ecco l'angelo salvatore nelle vesti di Annie una quarantenne dall'aspetto di uno spaccalegna, ma col cuore che batte in sincrono con quello di Misery. Una combinazione che potrebbe essere divertente se non fosse accompagnata da un'abbondante dose di follia. Follia che la mette perfettamente a suo agio nell'infliggere punizioni agghiaccianti a Paul quando fa il cattivo bambino, e la fa arrossire come una scolaretta quando il suo scrittore preferito la gratifica con un complimento. E dura e inflessibile, però sull'obiettivo da raggiungere: riportare in vita Misery costi quello che costi.
In realtà noi non sapremo mai che cosa passa per la testa di Annie, se ha pensieri coerenti, se i momenti in cui il suo sguardo si annebbia corrispondono a black out della sua materia grigia, se si rende conto della diferenza tra bene o male. Il nostro punto di vita è quello di Paul Sheldon. Con lui rabbrividiamo in attesa della punizione, con lui osserviamo di nascosto Annie e ci chiediamo dove andrà a parare. Con lui, o forse da soli, riflettiamo che è meglio non sapere che cosa c'è nella testa di quella folle. folle donna. Quella è una di quelle scatole dentro cui è meglio non guardare.
Trovo che questo sia uno dei libri migliori di King. Le descrizioni delle torture sono agghiaccianti, ma credibili e mai fini a se stesse. le informaizoni su Annie ci vengono fornite poco alla volta così che la tensione cresca poco alla volta, fino a raggiungere il culmine nelle ultime pagine. Accurata anche la descrizione dello stato fisico e psicologico di Paul Sheldon.
Due soli personaggi, un solo ambiente, ma il risultato è un gran romanzo. Quando uno è bravo gli serve poco per mettere assieme una bella trama.

Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Misery 2015-11-04 09:26:11 cuspide84
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    04 Novembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

MISERY DEVE MORIRE

Paul Sheldon è un noto scrittore di romanzi; Misery, protagonista dei suoi libri, lo ha reso famoso... ha tante ammiratrici che lo seguono a distanza, che gli scrivono lettere chilometriche, pazze che hanno ricreato nei minimi dettagli gli arredi del salotto della sua invenzione... nulla però in confronto a lei, Annie Wilkies, la sua ammiratrice numero uno.

Annie ha salvato Paul da un incidente, lo ha portato nella sua isolata dimora e qui, con le sue reminiscenze di infermiera, lo cura, o quanto meno ci prova...

E fin qui non sembrerebbe un horror per niente... se non che Annie ha letto l'ultimo romanzo in cui Misery muore e si mette in testa che Paul deve assolutamente farla tornare in vita; ha inotre trovato il suo ultimo lavoro e lo reputa un fiasco totale... insomma nella sua testa c'è una sola missione: riportare in vita la sua eroina Misery.

In un crescendo di ansia e terrore psicologico il romanzo prosegue descrivendo i mesi di congedo forzato dal mondo che Paul si ritrova ad affrontare, le angherie della pazza ex infermiera, le piccole vittorie quotidiane, le dipendenze che lo tengono in vita, fino all'epilogo, tutt'altro che scontato.

Non mi dilungo sulla trama, già troppe recensioni lo hanno fatto prima di me; vorrei sottolineare proprio l'angoscia e il crescente terrore che pagina dopo pagina aumentano fino a creare quello stato di sognante attesa al preludio del finale; difficilmente ho trovato un libro così, dove nulla è dato per scontato e se provi a pensare o sperare che possa succedere una cosa, beh non accadrà che il suo contario... buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Misery 2015-08-31 15:33:38 Anna_Reads
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    31 Agosto, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un gelato con Annie,Paul,Stephen (e Madame Bovary)

Paul si sta svegliando. È un risveglio faticoso, lungo e nebuloso. Stenta a ricordare che cosa sia successo, a capire dove si trovi ed anche di essere sveglio. Viene persino rianimato e poi lentamente emerge dal sonno. Ha dormito a lungo e non “naturalmente”, è ferito, ogni movimento gli costa tremende sofferenze; giornate intere mancano all’appello della sua memoria.
Infine arrivano le spiegazioni: ha avuto un incidente stradale, alcune settimane prima.
E Annie Wilkes, che gli fornisce le spiegazioni, lo ha trovato e soccorso.
Ma non ha chiamato un’ambulanza e neppure la guardia medica.
Lo ha portato a casa sua e lo ha curato lei stessa.
È un’infermiera.
Un’ex infermiera, per essere precisi.
Ma Annie è molto di più. È la fan “numero uno” di Paul.
Perché “Paul” è Paul Sheldon scrittore molto popolare che stava – con successo – cercando di grattar via quell “popolare” dall’etichetta di “scrittore”.
“Popolare” è dovuto in gran parte dalla sua creatura letteraria più famosa, Misery Chastain, eroina ottocentesca sexy e virtuosa.
Ma Paul è, e sa di essere, uno scrittore di razza, quindi, nell’ultimo episodio della serie, ha fatto fuori (con il parto) la dolce Misery e ha scritto un libro nuovo che mette davvero in luce le sue doti.
Misery è andata bene per pagare i conti, ma adesso Paul vuole fare sul serio.
E ha scritto “Bolidi”.

Da questo momento in poi la trama è un crescendo di tensione ed orrore.
Annie è una psicopatica con un passato da serial killer, ed avrà modo di aggiornare il curriculum prima della fine delle pagine.
E Annie ancora non sa della morte della sua eroina.
Non appena ne verrà a conoscenza le cose per Paul si metteranno molto male.
Dovrà resuscitare Misery con il solo aiuto di una vecchia macchina da scrivere a cui manca la lettera n, e dovrà anche farlo in modo onesto e plausibile. Dovrà distruggere il suo nuovo romanzo. Sarà costretto a sopportare fame, sete e dolore. Dovrà assistere impotente alla follia di Annie; sarà torturato e mutilato.
Ma se fosse tutto qui, sarebbe una “banale” storia dell’orrore.
Invece in Misery i protagonisti sono altri due: la lettura e la scrittura.
La scrittura è il “demone” in cui precipita Paul quando trova “il buco” nella pagina e la storia della resurrezione di Misery comincia a girare nel verso giusto (tanto che quando arriva l’inaspettata salvezza, per un piccolo istante il nostro è seccato di dover smettere di scrivere).
La storia si può leggere quasi come un “canto d’amore” alla scrittura, che – di fatto – salva Paul dalla follia.
Ma oltre a ciò è anche un ritratto piuttosto realistico della figura dello scrittore con le sue nevrosi, paure, miserie e sofferenze. Artigiano ed imbalsamatore delle storie che racconta lo scrittore può ben poco, oltre l’essere sempre perfettamente consapevole di quello che sta facendo.
Non può fare a meno di rispondere Sì! Al Gioco del “Puoi”, ma questo non toglie consapevolezza, anzi. Sa se sta venendo un buon lavoro o una schifezza. Se può funzionare o no. Sa se non ha idea di dove andare a parere («"non essere del tutto sicuro" era uno degli angoli meno graziosi del purgatorio riservato agli scrittori che filano a tavoletta senza la più pallida idea di dove stanno andando.»).
Chi abbia scritto anche solo un tema sa perfettamente di cosa si sta parlando.

Come la Scrittura “salva” Paul, allo stesso modo, la gemella Lettura condanna Annie.
La prende alla lontana e ci mette il suo tempo, ma di fatto è il bovarismo di Annie a permettere a Paul di salvarsi (fra l’altro il modo in cui avviene – non voglio spoilerare – quanto è potentemente evocativo e quanto ribadisce l’assoluta “colpevolezza” della Lettura?).
In definitiva in Misery c’è una storia pazzesca, scritta alla perfezione e il tutto quasi in secondo piano di fronte all’inno alla scrittura.
Chi non lo avesse letto, ponga rimedio!

PS
So che – almeno nel nostro miserrimo paese – King la fama di “scrittore popolare” non se l’è ancora grattata via di dosso. Come, in genere gli scrittori “di genere” siano essi di fantascienza, di gialli, di horror, di noir, di fantasy o – tout court – donne.
Baggianate.
Chi avesse dubbi vada a leggersi l’inizio di «E Johnny prese il fucile» e quello di «Misery».
Non lo scopro io e King non ha bisogno della mia perorazione.
Però, dal momento che anch’io mi chiamo Annie, e non è un caso… meglio stare buoni.
:)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Misery 2015-07-17 09:44:41 Bruno Izzo
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    17 Luglio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il potere della parola scritta

Gli assiomi che seguono li ha ripetuti più volte lo stesso Stephen King, in diverse circostanze ed in tempi differenti: per scrivere occorrono talento, inteso come predisposizione innata a quell’arte, e la buona, persistente, tenace volontà di lavorare per farlo emergere, quel talento.
Occorre poi la passione senza fine, e con questo termine si vuole indicare la determinazione, quasi cieca cocciutaggine, che spinge l’autore ad esercitare mano e mente nello scrivere, incurante dei disagi inerenti a quest’assoluta dedizione, senza nemmeno curarsi se tale sforzo verrà alla fine in qualche modo premiato o meno, la passione di scrivere per lo scrivere in se.
Infine, buon ultimo ma non meno importante particolare, serve la conoscenza, non tanta l’esperienza teorica acquisita di ciò che si scrive, ma quella diretta, pratica, vissuta: insomma, è una verità parecchio evidente, e King non si stanca mai di suggerirlo, che si scrive meglio se si sa perfettamente di che cosa si sta scrivendo.
Non a caso quindi Stephen King ha scritto alcuni dei suoi libri migliori allorché ha riportato ciò che sa perfettamente, ha dato il meglio di sé allorquando i suoi personaggi principali sono, come lo è lui stesso, degli scrittori, mirabilmente ritratti e caratterizzati perciò nel loro veritiero essere.
Citiamo, ad esempio, lo Jack Torrance dell’ottimo “The shining”, il Ben Mears del magistrale “Salem’s lot”, è uno scrittore, e per giunta uno scrittore etichettato come maestro del genere horror, uno dei Perdenti del fantastico “It”; pure è uno scrittore il protagonista, tale Paul Sheldon, di quest’altro superbo lavoro di King, dal titolo “Misery”.
“Misery” è il nome di battesimo dell’eroina ottocentesca protagonista dei romanzi, del genere polpettoni rosa, editi a firma dello scrittore Paul Sheldon, che nel romanzo è un autentico alter ego di Stephen King.
Paul Sheldon è uno scrittore, come King nella realtà, premiato dal successo di pubblico e di vendita: è, infatti, uno scrittore di best seller, idolo di fedeli ed affezionati lettori d’ogni ceto e condizione sociale, appassionatissimi alla saga da lui stesso creata e che ha al centro l’eroina Misery Chastain.
Una saga dipanatasi tra diversi volumi, come tipico del genere, e che ha riportato tantissimo successo al punto che i fan letteralmente scandiscono il conto alla rovescia all’approssimarsi d’ogni nuova uscita del nostro.
Insomma, Sheldon non ha niente di cui lamentarsi, è a pieno titolo un membro dello star system, categoria scrittori: ha un ricco conto in banca, è amatissimo dal suo pubblico, che anela di conoscere quanto più possibile di lui, anche gli aspetti più personali e riservati, è questo il tipico dovuto prezzo da pagare da parte d’ogni celebrità.
Egli è, infatti, ad esempio, sempre braccato, riconosciuto ed inseguito dai fans, pressoché accerchiato ad ogni sua uscita pubblica, proprio come un divo del grande schermo, ed insomma, tutto sommato egli stesso ammette che, tra qualche disagio, Misery Chastain gli ha semplificato parecchio l’esistenza, assai più piacevole, invero, rispetto agli stentati inizi della lunga, dura, classica gavetta.
Il pubblico identifica pienamente Paul Sheldon con Misery Chastain, come soleva fare con Sir Arthur Conan Doyle rispetto a Sherlock Holmes o come Rex Stout rispetto a Nero Wolfe, ed insomma, nell’immaginario collettivo di un certo tipo di lettori, su cui la fantasia fa maggiormente presa, s’installa sempre più la credenza, assurda ma indelebile, che Misery Chastain è una realtà in carne ed ossa, anziché la trasposizione cartacea dell’immaginario dello scrittore.
All’ormai appagato Paul questo tipo di successo non è, però, più sufficiente; egli è stanco di scrivere dell’eroina che oramai l’ossessiona e che ha cominciato a detestare con tutto il cuore, egli sa di poter scrivere di meglio, di poter scrivere di più e meglio, di poter ambire, finalmente, ad un successo di critica, e non solo di pubblico, desidera ottenere un riconoscimento culturale, e non più solo di cassetta, del suo talento.
La critica ufficiale e seriosa dei soloni della letteratura, si sa, storce sempre un po’ il naso, avvilisce gli autori di successo popolare, etichettandoli come autori di letteratura che si vende, si, e però è “minore”; e Sheldon intende finalmente ottenere la “patente” di scrittore propriamente detto, i cui testi, magari, saranno un domani inclusi nelle antologie per le scuole.
Nell’ultimo romanzo della serie perciò, d’imminente uscita nelle librerie, Paul fa morire Misery, ne decreta lucidamente la fine, volutamente, e non senza un certo piacere, n’architetta e n’organizza la morte, decretando così la fine della saga e nel contempo dando inizio ad una nuova fase del suo iter artistico, decretando la nascita del nuovo Paul Sheldon, scrittore serio e maturo, che ha appena terminato “Bolidi”, il suo primo romanzo “adulto”, il suo primo senza Misery, senza la maledetta Misery che ne condizionava ormai lo scrivere e le idee, un romanzo quindi di tutto altro genere.
Mal gliene incoglie, deve fare infatti i conti con…i suoi fan numero uno.
Per intenderci, si racconta che quando, esausto per la dedizione che il suo personaggio richiedeva, Conan Doyle fece morire il suo eroe Sherlock Holmes, fu costretto a farlo risorgere ben presto a furor di popolo, scatenando una vera e propria rivoluzione degli appassionati delle avventure del detective inglese, che arrivarono a minacciare pesantemente lo scrittore, se non poneva rimedio a quella vera vigliaccheria, commessa non tanto nei loro confronti, ma invece contro l’amatissimo poliziotto privato, investigatore cocainomane e pessimo violinista, mai esistito nella realtà.
Accade lo stesso a Sheldon, messo brutalmente alle strette da una, chiamiamola così, sua fan particolarmente accesa.
Paul Sheldon utilizza allora il potere che risiede nelle dita d’ogni vero scrittore, allorché queste fluttuano sui tasti di una tastiera, una lettera dopo l’altro, seguendo l’estro, incantandosi in stato di trance e rilevando, dal centro di un buco nero, le lettere che magicamente s’infileranno sulla carta, in fila una dopo l’altra, lungo il rullo, dando senso compiuto all’immaginario dello scrittore.
Paul Sheldon utilizza magistralmente il potere della parola scritta, appannaggio e privilegio degli scrittori di razza.
Grazie a queste parole scritte, all’uso che ne fa, alla maniera in cui le tira fuori e le mette in un certo ordine, in quel particolare ordine, lo scrittore trasmette emozioni tramite le lineette tracciate sulla carta, Paul riesce nell’impresa di far rivivere Misery Chastain, ma di resuscitarla bene, in maniera credibile, fattibile, reale, senza ricorrere ai miseri trucchetti da deus ex machina, tipico delle avventurette riempitive dell’intervallo di un film in un cinemino da terza visione.
Paul scrive e scrive bene, sa che può farlo e lo fa, fa arte delle parole, e perciò le ammanta di magia, e conferisce a loro un potere irresistibile che avvince ed incanta il lettore, come ogni buon scrittore deve saper fare.
Con lui Stephen King, che ricorrendo all’artificio del corsivo, scrive un libro nel libro, ci permette di seguire in contemporanea la storia tragica, assurda ed irreale di Paul e la sua fan numero uno Annie Wilkes e quell’improbabile, retorica e romantica di Misery Chastain, avvincendoci con entrambe, come solo gli scrittori migliori sanno fare.
“Misery” è la dichiarazione d’amore ufficiale di Stephen King nei confronti del suo mestiere, è un atto di stima, di gratitudine, di riconoscenza che King tributa alla propria arte.
Un’arte difficile ed ingrata, che solo una gran passione permette di coltivare, di là delle difficoltà contingenti; ed ecco allorché la vecchia macchina per scrivere messa a disposizione da Annie comincia letteralmente a perdere i pezzi, saltano via i tasti delle lettere più usate, pure Paul Sheldon continua testardamente a scrivere, con cocciutaggine scrive e immette a mano le lettere mancanti, ed in questa determinazione, in questo fermo proposito di scrivere per lo scrivere, il lettore non può non intravedere la stessa forza d’animo e di proposito di scrivere in ogni caso del giovane e allora sconosciuto Stephen King, professorino d’inglese privo di mezzi, impiegato in una lavanderia per sbarcare il lunario, residente in una roulotte, privo di macchine per scrivere e word processor ma ricco di talento e della cieca determinazione che saranno gli ingredienti indispensabili per decretarne il successo.
Misery è un buon libro, con una struttura diversa dalle grandi storie corali, a più voci e più vicende intersecatesi, al quale lo scrittore del Maine ci ha in un certo senso abituato.
Ha una struttura più limitata, claustrofoba ed angosciante, che si svolge in pochissimi ambienti e con pochissimi personaggi, di cui due soli principali ed in scena la maggior parte del tempo.
In esso è messo all’indice tutto il meccanismo dello star system, l’estrema esagerazione di un sistema di profitto che, pur di accontentare gli utilizzatori dello spettacolo, gli acquirenti dei prodotti, crea veri e propri miti assurdi, rituali pericolosi, ossessioni, esagerazioni, fanatismo di cui possono restare vittima gli stessi primi attori.
Di cui anche King è stato vittima, ed in “Misery” egli con coraggio non esita a denunciare quest’oppressione e persecuzione di cui è fatto oggetto dai suoi fan più accesi, pure a rischio di inimicarsi i fedeli lettori.
Tuttavia, di fronte a cotanto autore, dobbiamo ammettere che noi stessi ci sentiamo di dichiararci senza remore “…il suo fan numero uno”.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
e a chi piace lo "scrittore" Stephen King, niente a che fare con il "re dell'horror".
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Misery 2014-12-12 12:14:29 f.martinuz
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
f.martinuz Opinione inserita da f.martinuz    12 Dicembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Paul King e Stephen Sheldon

Ho deciso di leggere Misery per due motivi principali: innanzitutto volevo approfondire la storia di cui conoscevo la trama generale e in secondo luogo leggere finalmente un libro appartenente alla prima fase della carriera di King; a detta di molti la più brillante. Puntualmente le aspettative sono state soddisfatte: il libro, seppur lento nei primi capitoli, si accende pian piano giungendo al momento di "Spannung" poco prima della fine; King crea partecipazione emotiva tra lettore, storia e personaggi tanto da creare talvolta dei conflitti al lettore stesso(a me cosi è capitato).
Ci si ritrova inevitabilmente a tifare per il povero e martoriato Paul Sheldon e non si fa altro che attendere il momento in cui il nostro eroe si alzerà dal letto per ammazzare quella psicopatica di Annie Wilkes, il demonio del libro; allo stesso tempo però ci sono scene e momenti in cui si è propensi a provare quasi pietà e compassione per Annie che da aguzzina si trasforma in vittima per poi ritrasformarsi nella pagina successiva in demone infernale. E' un'altalena emotiva che giova al romanzo e confonde piacevolmente il lettore.

In questa mia recensione non voglio trattare della storia in sè e per sè in quanto credo che quasi tutti conoscano la situazione di partenza da cui il romanzo evolve: lo scrittore Paul Sheldon in seguito ad un incidente stradale si ritrova a letto, con le gambe a pezzi, mezzo drogato e nelle grinfie della sua 'fan numero uno'. Il suo nome è Annie Wilkes, un ex-infermiera psicotica e nevrotica con un passato terribile alle spalle, che si prende 'cura' (per cosi dire) di Paul, il quale dovrà scrivere il seguito della serie romanzesca di Misery, di cui Annie è fan sfegatata.
Come detto non voglio parlare della storia ma di ciò che va oltre il romanzo; ho infatti individuato due elementi interessanti che emergono dal libro: il ricorso alla metanarrazione e un forte
autobiografismo.

Il romanzo presenta una storia nella storia: da un lato le vicissitudini della 'strana coppia' Sheldon-Wilkes e all'interno di queste, come delle schegge, King inserisce dei frammenti de Il ritorno di Misery, che rivelano le parti fondamentali e cruciali della storia, che permettono al lettore di capire il filo generale della trama e che al contempo incuriosiscono il lettore stesso che vorrebbe sapere di più sull'intera vicenda. Si potrebbe azzardare che King in questo caso crea due romanzi o comunque due storie in una.

Il secondo aspetto che emerge prepotentemente dal testo è l'autobiografismo che, a mio modo di vedere, permea l'intera narrazione. In fondo chi rappresenta Paul Sheldon? La risposta è semplice: lo stesso Stephen King. I due nomi sono composti dallo stesso numero di lettere (Paul e King 4 lettere, Stephen e Sheldon 7 lettere). Al di là di questa curiosa coincidenza tramite Paul King racconta le difficoltà ed il lavoro dello scrittore, i suoi pregi e i suoi difetti. Il terrore della pagina bianca che può trasformarsi in una sindrome, il gusto di buttarsi a capofitto in una narrazione estraniandosi da tutto: dolore, rumori, paure; il timore che il testo non piaccia, lo stato di esaltazione mista a tristezza e delusione che sopraggiunge al completamento dell'opera; l'idea che lo scrittore possegga all'interno di sè, in un luogo sconosciuto e inaccessibile, degli 'operai' che elaborano le idee e le inviano al cervello dell'autore. Come fossero minatori che estraggono carbone da una miniera. E infine un elemento tipicamente autoriale: l'egocentrismo.

"Non è mai stato per te, Annie, nè per tutte quelle persone che ci sono là fuori e che firmano le lettere con 'la tua ammiratrice numero uno'. [...] Il motivo per cui uno scrittore appone quasi sempre una dedica a un libro, cara Annie, è che alla fin fine persino lui è orripilato di fronte al proprio egocentrismo."

Chapeau.

FM

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Stephen King
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oryx e Crake
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri