Una Cadillac rosso fuoco Una Cadillac rosso fuoco

Una Cadillac rosso fuoco

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Ed Edwards lavora nel business delle auto di seconda mano. Un settore fatto di contachilometri truccati, catorci arrugginiti e l'idea che debba essere il cliente a non farsi fregare. Appesantito da una madre alcolizzata, che non perde occasione per farlo sentire un fallito, Ed aspetta soltanto la chance giusta per svoltare. Così, quando si ritrova a pignorare una Cadillac nuova di zecca che i proprietari hanno smesso di pagare, il suo momento sembra arrivato: la Caddy era di Frank Craig e del suo schianto di moglie Nancy, proprietari di un drive-in e un cimitero per animali. Stufa del marito ubriacone e desiderosa di rifarsi una vita, Nancy propone a Ed – con cui finisce a letto al secondo incontro – di uccidere Frank, riscuotere la loro assicurazione e gestire insieme gli affari. È un'offerta allettante, ma Ed avrà veramente il fegato di andare fino in fondo?



Recensione della Redazione QLibri

 
Una Cadillac rosso fuoco 2020-07-27 08:58:40 Valerio91
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    27 Luglio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A un passo dall'inferno

Quando mi appresto a leggere un nuovo libro di Joe R. Lansdale, ho ormai scelto l'approccio del "non mi aspetto nulla". Ho capito, infatti, che si tratta di un autore che può nascondere romanzi di rara bellezza, ma solo intervallati da tanti altri improntati a null’altro che intrattenimento. "Una Cadillac rosso fuoco" appartiene a quest'ultima categoria eppure, non so se per il mutare del mio approccio o se per un'effettivo miglioramento della qualità, l’ho apprezzato più di altre sue recenti pubblicazioni.
In primis è una lettura molto scorrevole: pur arrivando a quasi trecento pagine, si finisce in poche ore e le vicende, pur non spiccando per originalità, coinvolgono e spingono il lettore ad arrivare alla fine leggendo il libro tutto d'un fiato. Grazie alla narrazione in prima persona fatta dal protagonista Ed Edwards, si riesce a entrare in empatia con lui, seppure i nostri sentimenti nei suoi confronti potranno risultare piuttosto variabili.
Il protagonista di questa storia (che in certi tratti mi ha riportato alla mente "lo sono Dot") è un ragazzo mezzo bianco e mezzo nero, che è riuscito a nascondere le sue origini paterne e si arrabatta come venditore di auto usate. Nella sua vita ormai rassegnata alla mediocrità, arriverà un punto di svolta: dovrà infatti ritirare una Cadillac rossa a un cliente che ha smesso di pagare le rate, e in questa occasione conoscerà l'affascinante moglie dell'acquirente, che la picchia di continuo e non fa altro che ubriacarsi, per poi sparire per lunghi periodi. Sedotto dalla bellezza della donna e dalle sue attività (gestisce un drive-in ben frequentato e un cimitero per animali) Ed si lascerà andare e vedrà in tutto questo un'occasione per svoltare, per fare quella scalata sociale che darà una vita migliore a lui, a sua madre e alla sua bella e dotata sorella.
Tuttavia, spesso la realtà va molto diversamente da come l’abbiamo immaginata e programmata: piuttosto che portarci in cima, finisce per farci precipitare agli inferi.

“Prima di mandarti in quell’inferno, ti parlano di coraggio, di eroismo, di nobili principî. Poi, se ne esci vivo, non vedi l’ora di tornare a ciò che hai lasciato. Quando ci torni,. Ti accorgi che ciò che hai lasciato non c’è più. E se invece c’è ancora, lo sai cosa succede?”
“Cosa?”
“Ti accorgi che quella cosa non è così bella come te la ricordavi e cominci a fantasticare si come renderla migliore. Cominci a volere di più, sempre di più. E non basta mai.”

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Una Cadillac rosso fuoco 2020-08-26 13:23:38 Mian88
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    26 Agosto, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una cadillac piena di cliché

Bionda, di un biondo a buon mercato, con un viso pungente delineato da sopracciglia arcuate e labbra capaci di convincere un uomo, di un’età approssimativa ai venticinque anni e dal corpo altrettanto fascinoso con quelle gambe brunite e quell’ombelico che fa capolino sotto la camicetta avvitata in vita: è questo l’aspetto con il quale Ed Edwards conosce la signora Craig, la donna che insieme al marito ha acquistato a rate insolute la Cadillac che al giovane dipendente è adesso richiesto di recuperare.
Ben presto per Ed le circostanze si rivelano tali da fargli auspicare alla possibilità di un cambiamento del proprio ceto sociale, delle proprie sorti: lui che mezzo bianco e mezzo nero si arrabatta con un lavoro arrangiato, può forse, questa volta, sbarcare il lunario e cambiare questa vita grama che sembra averlo relegato ad una esistenza di fatto bieca e misera, mediocre e villana. Allo stesso tempo, Edwards, si renderà conto che non tutto è come auspichiamo, che quel futuro roseo che immaginiamo è in realtà pronto a trascinarci negli inferi.
Con quest’ultimo lavoro Joe R. Lansdale destina ai suoi lettori un romanzo meno forte dei precedenti, certamente meno originale e di fatto più di intrattenimento per chi cerca un elaborato con il quale trascorrere ore liete che un componimento di quelli indimenticabili o che semplicemente ne hanno delineato la fama e gli albori. La lettura, per quanto sia rapida e fluida, non convince. La trama giunge al lettore come un susseguirsi continuo di cliché, i personaggi sono ben poco tratteggiati e lo stile non brilla per erudizione ma nemmeno per fascino narrativo. È privo di quelle caratteristiche tali da conquistare e accarezzare chi legge tanto da farlo sentire coccolato, a casa, sereno.
Il risultato è quello di un libro che non va oltre il mero “passatempo” e che non grida al capolavoro. Si legge con rapidità e si presta alla lettura di chi ha bisogno di testi leggeri e poco impegnativi e a chi è un appassionato dell’americano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La seconda spada. Una storia di maggio
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La morte è il mio mestiere
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri