Narrativa straniera Romanzi Anime alla deriva
 

Anime alla deriva Anime alla deriva

Anime alla deriva

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il sole sta tramontando su un mare in tempesta, e James Farrell lo osserva da una finestra di Seton Castle, la residenza in Cornovaglia che, per più di quarant'anni, ha condiviso con sua moglie Sarah. Ma Sarah è morta, ed è stato James ad ucciderla, appena ventiquattr'ore prima. Perché? Perché un uomo pacifico ha ucciso la sua compagna, dopo mezzo secolo di felice convivenza? Le risposte non sono facili da affrontare, ma James sa di doverlo fare, e sa che, per farlo, deve ricostruire il proprio passato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.7  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Anime alla deriva 2022-06-06 07:01:21 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    06 Giugno, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gelosia e tradimenti

Con uno stile impeccabile, ritmo, suspense Mason costruisce una specie di giallo psicologico, o comunque scrive un libro di memorie che conserva qualche sfumatura del giallo. Al centro della vicenda raccontata da James in prima persone c'è l'amore di James per Ella, un amore unico e insostituibile, anche se Ella ha una cugina praticamente identica, Sara. Il fatto che le due siano uguali e che il protagonista possa amare una e non l'altra sottolinea il tipo di rapporto dell'anima e non di attrazione fisica. Purtroppo la storia è complicata dalla gelosia morbosa e reciproca tra le due cugine e dall'insicurezza patologica di Ella e soprattutto dalla mancanza di carattere del protagonista che a un certo punto cede all'amata su questioni non trattabili quali l'amicizia e il rispetto umano. La debolezza di lui porta a una successione di errori e di sensi di colpa fino al finale un tantino esagerato dal mio punto di vista, ma che piacerà agli amanti del giallo. Secondo me la svolta finale di Sara è abbastanza inutile e serve soprattutto a riabilitare i due protagonisti trovando per loro una specie di capro espiatorio morale. Mi pare anche che la cattiveria di Ella nell'episodio cruciale (che rappresenta il peccato originale dei due) sia eccessiva e sfacciata e che il menefreghismo di lui sia altrettanto poco credibile. Però la lettura è così avvincente che tali sfumature passano inosservate, come pure l'ambientazione ibrida tra moderna e ottocentesca.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Anime alla deriva 2017-05-12 12:48:11 Antonella76
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    12 Mag, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Niente è come sembra...



"Mia moglie si è sparata ieri pomeriggio.
O almeno questo è quanto ritiene la polizia, e io interpreto la parte del vedovo affranto con entusiasmo e con successo.
Vivere con Sarah mi ha insegnato a ingannare me stesso, e l'ho trovato anch'io, come lei, un eccellente modo per imparare a ingannare gli altri.
Naturalmente io so che lei non ha fatto niente del genere."

Inizia così, con un incipit bellissimo, questo romanzo che altro non è che un viaggio nella memoria.
Dopo oltre 50 anni un uomo si ritrova a dover comunicare con il se stesso ventenne, a togliere la polvere sotto cui ha seppellito fatti e immagini che avrebbe voluto dimenticare per sempre, a cercare di capire quale sia stato il momento esatto in cui le cose hanno preso la piega che poi ha portato alle conseguenze a lui così ben note.
Qual è stato il momento esatto in cui ha smesso di essere "innocente"?
La sincerità è l'unica cosa che gli resta per riparare alla sua colpa...e intraprendere questo viaggio nelle parti oscure del suo passato diventa imprescindibile.
Quanto, cosa, e soprattutto chi, si è disposti a sacrificare sull'altare del proprio amore?
Quanto può essere calda e rasserenante la coperta dell'inganno?
E quanto atroce una vendetta?

Ripercorrere col pensiero tutta la propria vita, gli errori, i sensi di colpa, le condanne autoinflitte, le debolezze, ci permette di imparare a conoscerci meglio.
Ci permette di piangere ciò che siamo stati, ancor più di quello che siamo poi diventati.
Ovviamente osservare tutto con la consapevolezza di chi "già sa" ci pone in una posizione comoda, privilegiata...da cui risulta facile riconoscere "quanto avremmo potuto essere felici se...".
Questo è ciò che fa James.
Smette di ingannare e di ingannarsi. Si guarda indietro senza fare sconti a nessuno, prima di tutto a se stesso.

"Le bugie sono le sbarre di una prigione, col tempo si solidificano; e una volta che le hai costruite e te ne sei circondato, tutto è perduto."

Mason fa un'operazione di scavo psicologico notevole, e ti spalanca le porte dell'autoanalisi, della riflessione personale sui grandi temi della vita: l'amore (quello puro e quello colpevole), il peccato, la colpa e la sua espiazione, il perdono, la giustizia, la capacità di manipolazione, il coraggio della verità e le sue conseguenze.

Questo romanzo inizia con una buona dose di spietato cinismo e finisce col farti provare grande struggimento...passando per un arcobaleno di emozioni e sensazioni.
Giri l'ultima pagina e ti senti davvero alla deriva...

Unico neo, secondo me, è la collocazione temporale...ha tutte le caratteristiche del romanzo ottocentesco, che stridono un po' con gli anni '90, rendendo poco plausibili alcune cose, ma dopotutto Mason aveva solo 21 anni quando l'ha scritto.
Quindi...chapeau.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Anime alla deriva 2014-09-18 07:49:17 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    18 Settembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Impegnativo e affascinante

Un romanzo impegnativo e affascinante; un eccellente e articolato psico-thriller con numerosi riferimenti alla profondità dell'animo umano, così debole, così enigmatico, così calcolatore...così subdolo. Una narrazione trascinante fino al termine che conduce a intravvedere ciò che all'apparenza iniziale era celato e non comprensibile: i sentimenti, le passioni travolgenti, la lucidità cinica sono ingredienti ben amalgamati che riescono a costruire una storia non comune. Di rara bellezza espressiva e lessico ricercato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa