Azami Azami

Azami

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il trentaseienne Mitsuo Kawano si divide tra la famiglia e il lavoro di redattore in una rivista d’attualità, e per compensare l’inesistente vita sessuale con Atsuko, la madre dei suoi figli, frequenta locali a luci rosse. Un giorno incontra per caso Goro Kida, un ex compagno di classe diventato presidente dell’azienda di famiglia, che lo invita a trascorrere una serata in un lussuoso club. Lì lavora come entraîneuse la bella e misteriosa Mitsuko, un’altra ex compagna di classe, il primo amore segreto di Mitsuo, la ragazza che nel suo diario chiamava “Azami”, come il fiore del cardo. I ricordi riaffiorano e ben presto tra i due nasce una relazione in cui Mitsuo riscopre una passionalità inattesa e totalizzante. Tuttavia, l’apparente equilibrio tra la quotidianità e gli incontri furtivi è destinato a incrinarsi per mano dell’intrigante Goro Kida. Repentini cambiamenti di vita e l’infittirsi del mistero attorno a Mitsuko culminano in un malinconico finale ricco di suspense. Coincidenze e simbologie impreziosiscono la sempre evocativa scrittura dell’autrice, dalla radice dei nomi di Mitsuo e Mitsuko – che racchiude l’idea dell’appagamento, benché nessuno dei due sia soddisfatto della propria vita – al fiore del cardo, un fiore bello ma pieno di spine, emblema dell’indipendenza e della vendetta. Nelle pagine di Azami, primo romanzo di una nuova avvincente pentalogia, Aki Shimazaki racconta di una famiglia come tante, dipingendo sentimenti intimi, rapporti lacerati vissuti nell’ombra e nella menzogna.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Azami 2020-12-13 08:11:46 68
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    13 Dicembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Deragliamento famigliare

Azami, primo capitolo di una pentalogia, è un lungo racconto che riscopre e riallinea per un breve periodo gli stanchi giorni vissuti dal protagonista, Mitsuo, a quelli di Mitsuko, vecchi compagni di scuola persisi dopo l’ infanzia e riabbracciatisi per caso molto anni dopo, quando l’età adulta ha di nuovo riallineato le loro storie, all’ apparenza antitetiche.
Se Mitsuo, una moglie e due figli, redattore in una rivista d’ attualità, cerca di evadere da un lavoro spossante e da un matrimonio piuttosto ordinario che lo ha privato dell’ intimità di coppia indirizzando il proprio desiderio alla frequentazione di locali a luci rosse, la bella e intrigante Mitsuko vive le difficoltà del presente tra il lavoro in un bar e l’ attività di entraineuse, così lontana dall’ immagine di lei che il protagonista conservava nella propria memoria.
È stata il suo primo amore, e così sarà per sempre, in tutti questi anni Mitsuo non l’ ha più rivista, nemmeno nelle riunioni tra vecchi compagni di scuola organizzate dall’ambizioso e vendicativo Goro.
Oggi, improvvisamente, il loro rapporto rinasce in un legame fragile e momentaneo, prevalentemente notturno, fatto di passione e della ricostruzione di un passato che pareva sepolto o dimenticato, in parte ignorato, una parentesi fugace all’ interno di un matrimonio che non ha da finire ( ..” amo ancora Azuko. Non voglio divorziare. Dobbiamo trovare una soluzione ragionevole per continuare a essere una coppia”.. ) e in un cambio di rotta lavorativo, trasferendosi in campagna con la famiglia.
Ali Shimazaki, apprezzata in “ Nel cuore di Yamato“, si serve di una scrittura scarna, diretta, minimale, che arricchisce dolcemente con termini della propria terra, per introdurci in una logica famigliare piuttosto banale ricoperta di mistero nell’ idea che i personaggi costruiscono o inventano in merito ai propri ricordi e desideri.
Se Azami ( il soprannome dato da Mitsuo a Mitzuko), il fiore del cardo, ricco di spine, ci riporta alla bellezza del suo colore violetto, se l’origine etimologica dei nomi dei protagonisti racchiude l’idea condivisa di un appagamento non presente nelle loro vite, per tutto il racconto, tra atmosfere allusive e simboliche, Mitsuo si perde nel ricordo di un amore romantico che cerca di rivivere, rinunciando a malincuore a sogni non leciti e che tali rimangono, e la stessa Mitsuko ondeggia tra reale e immaginario, sempre più coperta di mistero.
Strane e improvvise coincidenze svelano profondità, la grazia di una scrittura pervasa di dettagli che accompagna i protagonisti in un destino che pare già scritto, scavando nei significati più intimi di fronte ai quali inesorabilmente declineranno.
Forse la verità sta altrove e i propri occhi hanno vagato nel cuore di quello che avrebbero voluto vedere, raccontando una porzione di storia destinata presto a dissolversi, condita dal desiderio di altro, un sogno a cui rinunciare, se non dentro di se’.
Ecco, allora, che risuona una voce lontana... Mi chiamo Azami. Sono il fiore che culla la notte. Piangi, piangi fra le mie braccia. L’alba è ancora lontana...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri