Narrativa straniera Romanzi Certi sconfinamenti
 

Certi sconfinamenti Certi sconfinamenti

Certi sconfinamenti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Belfast, 1975. In un paese dilaniato dai Troubles, Cushla Lavery, cattolica, insegnante di scuola elementare e barista nel pub di famiglia, incontra Michael, protestante, avvocato che non ha paura di schierarsi contro le ingiustizie politiche. In classe, Cushla prende sotto la sua ala protettiva il piccolo Davy, figlio di un insolito matrimonio religioso misto e bullizzato dai compagni, e quando suo padre verrà brutalmente assalito, lei farà di tutto per aiutare il bambino e la famiglia a superare i tempi difficili che ne derivano. Finché il fratello maggiore di Davy deciderà di compiere un gesto dalle conseguenze irrimediabili. Con una scrittura unica e potente – pacata, intima, sensuosa, tenera, evocativa – e brevi frasi precise e dense di emozioni – dalla rabbia alla frustrazione, dalla tristezza alla speranza e al desiderio struggente di pace – Louise Kennedy ci accompagna in un ritratto fedele e brutale dell’Irlanda del Nord funestata dalla guerriglia di religione, in anni in cui la vita è solo apparentemente regolata dai ritmi quotidiani. Le persone si svegliano, vanno a lavorare, al pub, in chiesa, compiono gesti normali cui quotidianamente si aggiunge la nuova, odiosa «normalità» del bollettino di guerra: una macchina esplosa, un uomo picchiato o ucciso, una casa vandalizzata. Giorno dopo giorno, anche il linguaggio parlato si modifica, persino i bambini di sette anni allievi di Cushla acquistano un vocabolario ricco di nuove espressioni per descrivere le armi più diffuse.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Certi sconfinamenti 2023-01-25 07:08:11 68
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    25 Gennaio, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vite sospese

Belfast,1975, un paese dilaniato da una guerra intestina, una terra contesa da cattolici repubblicani e protestanti lealisti, l’ esercito inglese schierato, gli elicotteri che sorvolano le case come in un’ invasione aliena, bombe per strada, nei luoghi pubblici, ovunque, amici e nemici vicini di casa, perquisizioni, attentati, rivendicazioni, una vita costruita su ansia e precarietà.
Dentro un simile inferno un amore pericoloso, controverso, impossibile, lei, Cushla, giovane insegnate cattolica con una madre devastata dall’ alcool di cui dovrebbe prendersi cura, lui, Michael, avvocato protestante che si batte per i diritti civili, un pub come luogo di incontro, tra volti famigliari e sguardi intimidatori, un senso di appartenenza in un oceano di dissolvenza.
Il romanzo d’ esordio di Louise Kennedy si sviluppa nel cuore dell’ Irlanda del Nord, ed è come trovarsi dentro un bollettino di guerra.
In una vita che va vissuta e di fronte alla quale non ci si può arrendere, Cushla è una giovane donna reduce da un passato di sofferenza, con la paura di amare, il futuro un’ incognita, una classe di bambini da educare, un allievo speciale da preservare, una famiglia da soccorrere, una madre complicata da assecondare, un fratello da aiutare nella gestione del pub.
Come tollerare chi continua a odiarci, cosa essere quando non ci si ama abbastanza e non si è certi di niente, si respira costantemente morte e violenza, come confortare e proteggere chi non ha scelto di essere solo, è diverso, emarginato, deriso, vite sospese, certezze svanite, tenui speranze, la paura come compagna, ovunque l’ odore del sangue.
Oggi Cushla respira un senso di emarginazione, si è allontanata, trattata come una turista, lei che al liceo era circondata da ragazze cattoliche, l’ unica a vivere al di fuori di Belfast.
Michael e’ entrato nella sua vita quasi per caso, una sera al pub, quando lei si trovava in una sorta di stasi, depressa dopo la morte del padre. È un uomo sposato, forte, affascinante, brillante, con un debole per il gentil sesso e soprattutto protestante, Cushla è troppo giovane, poco sofisticata, troppo cattolica.
Sognandosi altrove, trascinati dalla forza e dall’ incoscienza di una passione incontrollata, il proprio senso di appartenenza scompare, ci si rafforza l’ uno nell’ altro, una comunanza di sentimenti e un senso condiviso di giustizia sociale, una coppia di fatto, ma rimane una distanza incolmabile rafforzata dalle circostanze, dalla lotta armata, da una diversità inconciliabile, da una doppia vita che concede solo attimi di intimità, da un amico-nemico imbrattato di odio e di amore negato, da un destino contrario.
È allora che tutto può svanire in una scia di dolore, rabbia, desolazione, indirizzando vite altrove, spezzandone altre, ma un giorno, al cospetto di una statua in resina su un piedistallo gessoso, un busto che esprime intimità e accuratezza, riemergerà una storia da poter condividere con qualcuno che si è accudito, difeso, preservato, probabilmente tradito, cresciuto altrove e fattosi uomo.
Forse, in tutto questo, vi è una dose di un destino che poteva essere altro se solo

….” Davy si fosse ricordato di mettersi la giacca, se Séamie fosse rimasto disoccupato per un altro mese e non si fosse trovato in una strada buia con qualche pinta di birra nella vescica, se Michael non avesse varcato la soglia del pub in una tranquilla serata di febbraio con la sua camicia bianca, se Betty avesse convinto Tommy a rimanere a scuola”…

ma c’ è anche un senso di colpa per quello che la propria presenza ha determinato.
L’ esordio letterario di Louise Kennedy è un’ opera stratificata e ben scritta, scorrevole, grazie a una prosa lucida e a una certa chiarezza espositiva, che sa addentrarsi in un quotidiano gravoso grazie a una trama credibile immersa in una tensione difficile da definire e da rappresentare.
Il principale merito dell’ autrice è proprio questo, la capacità di inserire una vicenda privata e dai contorni tragico-sentimentali nel cuore della storia, una lotta intestina inconcepibile che continua indifferente a restituire cadaveri, seminando terrore e morte.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa