Narrativa straniera Romanzi E' la mia storia
 

E' la mia storia E' la mia storia

E' la mia storia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Una sera d’inverno, mentre la neve cade sulla città, un editore celebre e stimato legge le bozze di un romanzo che sta per mandare in stampa. Si tratta di un libro di enorme potenziale, opera di un autore già noto e amato dai lettori, che potrebbe aprirgli le porte del mercato internazionale. Quando una vecchia amica compare nel suo ufficio per rivelargli che il libro è basato su un episodio autentico, del quale è stata vittima durante un soggiorno in Africa come delegata delle Nazioni Unite, l’editore si trova di fronte a un dilemma. Deve pubblicare il libro e affrontare le conseguenze personali e politiche che si presenteranno? O deve rinunciare, annullando il lancio di un probabile bestseller internazionale? È questo il punto di partenza concreto e visivamente nitido di È la mia storia, il nuovo romanzo di Janne Teller. Non c’è bisogno d’altro perché anche il lettore si trovi davanti a un groviglio di dubbi e idee provocatorie sulla morale, la responsabilità, la libertà d’espressione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
E' la mia storia 2020-04-14 16:02:33 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    14 Aprile, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

A chi appartiene una storia? Quando pubblicarla?

“Le storie non sono di nessuno,” era riuscito a dire alla fine.
“Quindi non esistono storie così personali che non sia permesso esporle pubblicamente?”

Quando è realmente giusto pubblicare una storia, ma soprattutto, quest’ultima a chi appartiene davvero? A chi l’ha scritta che non sempre è anche chi l’ha vissuta, all’editore, a chi la legge, a chi l’ha provata in prima persona? Chi ne è il vero autore? Chi può arrogarsi il diritto di sentirla sua?
È inverno, la neve sta cadendo mentre l’editore sta leggendo l’elaborato di un importante e noto autore italiano per decidere se mandare o meno in stampa il lavoro. Ad un tratto entra lei, Petra Vinter, con i suoi occhi trasparenti, con il suo pezzettino di lobo mancante. Una sola frase, “è la mia storia”. Perché lei si trovava in Morenzao durante il processo di pace, perché lei quelle cose le ha vissute sulla pelle. Ecco perché quel libro non deve essere pubblicato; semplicemente non appartiene a chi lo racconta che non ha per questo mantenuto fede a chi di quelle vicende è stata protagonista. Qual è la responsabilità di una casa editrice? Chi è davvero responsabile delle pubblicazioni? Chi e in base a cosa può decidere cosa deve essere pubblicato o meno?
In un continuo di riflessioni che si susseguono tra loro, Jane Taller invita il lettore ad interrogarsi su un tema affatto scontato e affatto semplice. Pone l’attenzione cioè su una problematica che tutti i lettori, gli editori e aspiranti tali (perché non è una decisione così automatica come può sembrare) e tutti gli scrittori si sono posti almeno una volta nella vita: come viene scelto cosa viene pubblicato. Ma a questa, che è in realtà la seconda domanda, se ne anticipa una prima che si sostanzia nell’interrogativo della paternità di una storia. C’è chi ritiene che il narrato sia dell’autore, chi dell’editore, chi del lettore una volta che questo è passato al vaglio della sua lettura. Al contempo è naturale interrogarsi sulla liceità della pubblicazione poiché talvolta le vicende sono così intime e dolorose, nonché espressione di una violenza inaudita, come in questo caso, che decidere se renderle o meno di dominio pubblico è un qualcosa di sinceramente molto delicato.
Forse non c’è una vera risposta, forse il quesito resta irrisolto ma chi legge non resta indifferente.

«Ho capito una cosa, mentre ero lì sdraiata: possiamo sopravvivere a quello che ci fanno gli altri, non a quello che noi facciamo a loro.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Day
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia
Un oceano senza sponde
L'ora di greco
Gli altri
Baumgartner
I lupi nel bosco dell'eterno
Fino alla fine
L'ultima cosa bella sulla faccia della terra
Lezioni di chimica
Sotto la pioggia gentile
Figli, figlie
Seni e uova