Fato e furia Fato e furia

Fato e furia

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Per alcuni la vita è sogno. Lotto e Mathilde, il ragazzo d'oro e la principessa di ghiaccio, si conoscono alla fine dell'università e si sposano subito: giovani, bellissimi e innamorati, si avviano verso un destino di felicità. Lotto depone senza troppo dolore le ambizioni da attore per diventare celebre come autore teatrale, e Mathilde si rivela la moglie ideale, la musa silenziosa: lui ama le luci della ribalta e lei sceglie il riparo delle quinte, lui è fiducioso e aperto verso le persone e il futuro, lei è più oscura e sfuggente. Ventiquattro anni di matrimonio per una coppia perfetta, quella che vedono - a credono di vedere - tutti da fuori: ma basta cambiare punto di vista e la maschera cade. Il fato cala senza pietà; e Mathilde è la furia che libera un carico di rivelazioni. Con la sua scrittura intensa e luminosa Lauren Groff è riuscita a dare grande respiro narrativo a quella che si può leggere come una pièce teatrale, una tragedia animata da due personaggi folgoranti: perché ogni storia ha due facce, e la chiave di un matrimonio non è la verità, ma il segreto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Fato e furia 2020-10-28 08:14:42 Avventurina Blog
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Avventurina Blog Opinione inserita da Avventurina Blog    28 Ottobre, 2020
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un libro sui punti di vista

Quando ho terminato questo libro, mi sono resa conto che non è uno di quelli che raccoglie il consenso di tutti: bisogna approcciarsi alla lettura con pazienza.
Mi spiego meglio: ho trovato una narrazione molto descrittiva, attenta ai particolari e mai banale.
Ammetto però di essermi sentita confusa e un po’ svogliata all’inizio, complice sicuramente la scansione del tempo non lineare ma che invece salta, va in avanti, torna indietro, si sofferma, omette e poi riparte.
Da un punto di vista stilistico inoltre, oltre alla voce di un narratore onnisciente, la storia è spesso intervallata anche da un’altra voce più diretta e sincera (scritta tra le parentesi quadre), che sembra quasi voler far uscire il lettore dal racconto, per mostrargli una realtà ben diversa da quella appena descritta.

"Ora la vita dimostrava di avere una forma diversa,
equivalente e opposta alla prima.
[Complessa la nostra Mathilde; capace di contenere contraddizioni.]"

– Fato e furia

Il sesso poi, ha un ruolo importante nel libro, sotto varie forme: viene raccontato come abbandono dei sensi in maniera quasi totalizzante (ad es. all’inizio del rapporto adolescenziale di Lotto e Mathilde), ma anche come strumento di potere, nel suo aspetto più adulto, razionale e calcolato.

Ho trovato “Fato e furia” un libro particolare ed interessante, sicuramente diverso da tutti quelli che ho letto fin ora.
Ho apprezzato molto i numerosi riferimenti a Shakespeare e alla mitologia classica: ad es. “the Fates” in inglese sono le Parche romane, le dee che regolano il destino dell’uomo.
E non è un caso che le principali figure femminili nel romanzo rivestono proprio questo ruolo, mentre cercano di tenere in mano i fili della vita di Lotto.
E poi la questione dei punti di vista: è strano e affascinante pensare che due persone che guardano nella stessa direzione, difficilmente vedranno le cose allo stesso modo.
Così, nella prima parte del romanzo vedrete la protagonista femminile un po’ in ombra, come se fosse soltanto un accessorio in quella vita matrimoniale, bello da ammirare ma “insipido”.
Nella seconda parte questo schema viene invece completamente ribaltato svelandone il bluff: la narrazione ci offre uno scorcio ben diverso su questo personaggio sensibile, forte ed impenetrabile, iniziando un nuovo racconto, ma della stessa storia.
Atteggiamenti prima quasi senza senso acquisteranno improvvisamente di significato ed i tasselli andranno finalmente al loro posto.
Non avrete più bisogno di leggere tra le righe, perché la realtà sarà finalmente davanti agli occhi di tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Fato e furia 2018-12-02 07:13:25 CortaZur
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
CortaZur Opinione inserita da CortaZur    02 Dicembre, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In amore uno + uno non è mai due.

Fato e Furia

Spinto dalla raccomandazione di una persona che qualche libro sembra averlo letto (Barack Obama) e dal traduttore che stimo molto (Tommaso Pincio) ho comprato il libro e l’ho lasciato a riposare nella libreria per qualche mese. Solo recentemente l’ho ripreso in mano e ne ho apprezzato i suoi contneuti.
La trama da come si può leggere sopra sembra abbastanza semplice se non addirittura già vista e sentita in quanto storia di un matrimonio, quello che nvece mi è sembrato se non nuovo quanto meno inusuale è la maniera in cui è suddivisa la narrazione della storia: una prima parte raccontata dal protagonista maschile, Lotto e la seconda parte da quello femminile, Matilde. Questo espediente di narrazione divisa, dove lo stesso fatto viene raccontato in maniera diversa a seconda del punto di vista, è stato usato con grande successo nella serie televisiva The Affair e l’ho trovato molto interessante in quanto evidenzia come la stessa storia possa essere diversa a seconda di come l’ha vissuta la persona protagonista.

Nel libro Fato e Furia una voce terza fuori campo racconta prima quello che è Lotto, il marito, l’equivalente terreno dell’Apollo greco, bello, ricco e desiderato da tutti e tutte con un’aura di fascino intorno a lui che fa si che tutto gli sia permesso e perdonato. A questo ragazzo privilegiato è stato detto o fatto credere che tutto gli sia dovuto se solo lo volesse e con questa idea è cresciuto sviluppando un egoismo naturale, fino a quando non incontra l’altra metà della storia, ovvero sia l’angelo caduto in terra di nome Matilde. L’incontro tra i due è un bellissimo pezzo di bravura da perte dell’autrice, Lauren Groff, che dipinge le luci e le meozioni dei volti protagonisti con impressionante vividezza. Il racconto del matrimonio tra i due continua con le esperienze professionali di Lotto, le sue delusioni e i suoi successi, con i suoi pensieri e le sue fantasie però sempre filtrate dallo sguardo a prospettiva limitata dell’uomo Lotto, la metà di questa coppia e forse non unico artefice del suo successo e del suo stesso modo di essere.

A metà libro si parte con il racconto da parte di Matilda, ed è qui che la storia si impenna e assume un ritmo inaspettato, con tonalità dark e sfumature di mistero che a poco poco verranno svelate, si cominciano ad aprire armadi e trovare scheletri che rendono la lettura un’apnea inaspettata e profonda. La calma, eterea, angelica Matilda si svela e il racconto della parte femminile si prende la scena e rende quest’opera un unicum letterario nella narrativa degli ultimissimi anni.

Questo libro è il racconto di un matrimonio, dei suoi alti dei suoi bassi e dei vari sacrifici delle due parti della coppia, del deus ex machina che sta dietro al successo dello stare insieme e in sintesi estrema è la narrazione di un rapporto umano dove le persone vivono la vita, che non è mai semplice.

Un libro che trasuda vita, che non richiede necessariamente immedesimazione nei personaggi ma che si richiede un’apertura ai sentimenti delle varie parti che molto spesso sono sentimenti opposti, contrastantice impopolari. Un tuffo in una coppia moderna, una storia d’amore che ci racconta quanto poco conosciamo l’altra metà e che non sempre è possiile conoscere a fondo le persone che ci stanno a fianco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri